Condividi la notizia

Corte di Cassazione

Imbracciare un fucile scarico che non sembri finto costituisce già reato di minaccia

È sufficiente che il male prospettato possa incutere timore. I principi ribaditi nell’ordinanza del 10 ottobre 2018.

Ha tentato invano di farsi annullare dalla Suprema Corte la pena di 2 anni di reclusione e 6.000,00 euro di multa inflitta per il reato di minaccia aggravata commesso contro il padre, il fratello e la moglie per aver imbracciato un fucile da caccia semiautomatico calibro 12 clandestinamente detenuto.

Il reato di minaccia, secondo l’imputato, andrebbe escluso in base al dubbio sul funzionamento del fucile, dubbio che per la Corte Cassazione non si confronta con la dichiarazione della moglie dell'imputato, che accennò all'utilizzo del fucile per difendere dagli attacchi dei cinghiali le pecore possedute dal marito.

La Corte di Cassazione Sezione Settima Penale, con ordinanza pubblicata in data 10 ottobre 2018 ha dichiarato quindi inammissibile il ricorso affermando che per l’integrazione del reato di minaccia è sufficiente che il male prospettato possa incutere timore nel soggetto passivo, menomandone la sfera della libertà morale.

La valutazione dell'idoneità della minaccia a realizzare tale finalità - conclude la Suprema Corte - va fatta “avendo di mira un criterio di medialità che rispecchi le reazioni dell'uomo comune” e, quindi, costituisce minaccia grave la semplice esibizione di un'arma da sparo, anche se scarica o addirittura sospettata di essere finta, salvo il caso dell'assenza di una minima parvenza di arma vera e di serietà del fatto.

Paolo Romani

Per approfondire vai testo integrale dell‘ordinanza della Cassazione 

La Direzione

(16 ottobre 2018)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

25 luglio 2017
Enti Locali | La sentenza depositata in data 20 luglio 2017 dalla Sezione Sesta Penale della Corte di Cassazione.

 
 
Condividi la notizia

17 novembre 2016
Giustizia | I principi sanciti nella sentenza della Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione del 16.11.2016.

 
 
Condividi la notizia

21 febbraio 2017
Suprema Corte | Nessuna depenalizzazione del reato di disturbo della quiete pubblica. La sentenza del 14 febbraio 2017.

 
 
Condividi la notizia

20 marzo 2016
Abolitio criminis | La soglia di rilevanza penale stabilita dall'art. 3 d.lgs. 15/1/2016 n. 8 nella sentenza della Corte di Cassazione n. 11376/2016.

 
 
Condividi la notizia

3 dicembre 2017
Giustizia | La sentenza della Corte di Cassazione del 30 novembre 2017.

 
 
Condividi la notizia

28 ottobre 2018
Giustizia | I principi sanciti dalla Corte di Cassazione nella sentenza del 22 ottobre 2018.

 
 
Condividi la notizia

24 settembre 2018
Corte di Cassazione | La portata intimidatoria. La sentenza del 13 settembre 2018.

 
 
Condividi la notizia

18 marzo 2018
Pubblica amministrazione | I principi sanciti dalla Sesta Sezione Penale della Corte di Cassazione.

 
 
Condividi la notizia

17 giugno 2014
TAR Parma | Ad un Sovrintendente della P. S. viene negata l'autorizzazione a detenere un'arma per difesa personale anche perché ne detiene una di servizio e non c'è un dimostrato bisogno della seconda.

 
 
Condividi la notizia

17 giugno 2014
TAR Parma | Ad un Sovrintendente della P. S. viene negata l'autorizzazione a detenere un'arma per difesa personale anche perché ne detiene una di servizio e non c'è un dimostrato bisogno della seconda.

 
 
Condividi la notizia

29 novembre 2015
Reati contro il patrimonio | I principi sanciti dalla Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione nell'esportazione abusiva di beni culturali.

 
 
Condividi la notizia

18 agosto 2016
Corte di Cassazione | I principi sanciti dalla Quarta Sezione Penale nella sentenza n. 34800 del 10 agosto 2016.

 
 
Condividi la notizia

4 luglio 2014
Danno erariale | Era imputato per detenzione, assunzione e spaccio di doping nel ciclismo. Un danno per l’'immagine dell'Arma dei Carabinieri. Ma la Corte dei Conti dichiara inammissibili le richieste di risarcimento per prescrizione dei reati.

 
 
Condividi la notizia

3 aprile 2016
Convalida dell'arresto | Quando la nozione di "inseguimento" ad opera della forza pubblica comprende anche l'arresto di chi è "trattenuto" dal cittadino nella sentenza n. 13001/2016.

 
 
Condividi la notizia

28 febbraio 2018
OPPORTUNITA’ DI LAVORO | Il termine di scadenza per l'invio delle domande è fissato per il 29 marzo 2018, tutti i dettagli e i link al bando all’'interno dell'articolo.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.