Condividi la notizia

TAR LAZIO

Servizio rimozione veicoli in sosta di intralcio: no alla gara innovativa tipo "Uber"

Secondo il TAR la scelta dei soggetti addetti alla rimozione non può essere delegata al gestore della piattaforma informatica.

Il Comune di Roma Capitale, dopo una serie di traversìe che avevano caratterizzato il percorso volto ad appaltare il servizio di rimozione dei veicoli in sosta di intralcio (a valle dell’esaurimento di un vecchio contratto sul quale l’Agenzia delle Entrate aveva sottolineato delle criticità con riguardo ai soggetti appaltatori), ha deciso di indire una gara del tutto innovativa: il bando, infatti, adottato in pieno agosto 2018, prevedeva che le attività da svolgere oggetto dell’appalto erano “la creazione di una piattaforma web, da utilizzarsi mediante applicativo su PC e smartphone, o dispositivi analoghi e, quindi, l’aggregazione di operatori economici, coordinati dal soggetto aggregatore, che pongano a disposizione mezzi, strutture e personale”.

Dunque, la peculiarità della vicenda sta nel fatto che il soggetto affidatario, da individuare con la gara, è quello che avrebbe dovuto gestire il servizio di rimozione, custodia e restituzione dei veicoli attraverso una piattaforma web, mentre le ditte che avrebbero dovuto concretamente operare per porre in essere la rimozione, la custodia e la restituzione dei veicoli sarebbero dovute essere soggetti esterni, non individuati con la gara, tant’è che sono stati qualificati, nel bando stesso, “partners commerciali – utenti operatori”.

Una serie di operatori economici gravava il provvedimento contestandolo con specifico ricorso al TAR Lazio, deducendo la violazione della normativa di settore, atteso che i soggetti deputati materialmente ad effettuare la rimozione non sarebbero mai stati individuati neppure con successiva gara, sulla base di requisiti specifici concernenti all’attività di rimozione, custodia e restituzione dei veicoli e con una base d’asta riferita a tale attività, ma appunto il bando prevedeva che costoro fossero scelti direttamente dall’affidatario del servizio.

Il TAR del Lazio, Sezione II, con sentenza n. 10430 del 29 ottobre 2018, ha accolto il ricorso, costringendo l’Amministrazione a ripensare l’intero impianto della procedura selettiva.

I giudici laziali, infatti, hanno preso atto che i criteri di aggiudicazione previsti facevano riferimento a profili attinenti la gestione della piattaforma ed a quelli relativi alla tempistica di intervento e di consegna dei veicoli e che i requisiti speciali richiesti si riferivano tutti all’attività di gestione di detta piattaforma aggregatrice web finalizzata all’erogazione di servizi con partner commerciali: invero, il bando segnatamente richiedeva, quale requisito di idoneità, l’iscrizione nel registro delle imprese relativa ad attività coerenti con quelle oggetto della procedura di gara, appunto quelle di gestione di piattaforme informatiche, mentre, con specifico riguardo all’attività di rimozione, deposito e restituzione dei veicoli, si richiedeva unicamente la disponibilità di almeno un carro attrezzi, dimostrabile anche solo con un contratto, subordinato alla condizione sospensiva dell’esito della gara (aggiudicazione), che assicurasse l’aggregazione alla piattaforma di almeno un soggetto aggregato in possesso di almeno 1 carro.

In sostanza, i requisiti di capacità economico-finanziaria e di capacità tecnica non erano, nel bando, affatto riferiti alle attività poste in essere dai “rimotori”.

A detta del TAR, allora, ne deriva un’evidente violazione dei principi e delle regole contenuti nel Codice dei contratti pubblici, funzionali a garantire la tutela della concorrenza, in particolare, della regola del necessario ricorso ad una gara per la loro individuazione, atteso che l’individuazione dei soggetti che avrebbero dovuto svolgere concretamente le attività in parola è rimessa al soggetto affidatario dell’appalto e non alla stazione appaltante.

Mattia Murra

(31 ottobre 2018)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

15 maggio 2018
TAR BASILICATA | Secondo i giudici amministrativi vige l'obbligo di esperire procedure ad evidenza pubblica.

 
 
Condividi la notizia

4 luglio 2015
GIUSTIZIA AMMINISTRATIVA | La "piena conoscenza degli atti di gara" nei principi richiamati dal TAR Potenza.

 
 
Condividi la notizia

24 marzo 2015
Composizione di commissioni di gara | Importanti principi stabiliti dal Consiglio di Stato sulle incompatibilita' dei componenti di commissioni di gara.

 
 
Condividi la notizia

21 febbraio 2015
Consiglio dei Ministri | Obiettivo stimolare la crescita economica frenata dalla scarsa concorrenza nel settore dei servizi. In sintesi il contenuto del provvedimento.

 
 
Condividi la notizia

14 maggio 2015
Tribunale dell'Unione Europea | Per i giudici UE, la divulgazione dei documenti scambiati tra la Commissione e le autorità nazionali garanti della concorrenza potrebbe arrecare pregiudizio.

 
 
Condividi la notizia

9 aprile 2014
Trasparenza | L'Autorità Nazionale AntiCorruzione ha chiarito che ogni qualvolta l'amministrazione per l'affidamento di lavori, servizi e forniture proceda in assenza di gara pubblica, è tenuta a pubblicare la delibera a contrarre in quanto atto sostitutivo del bando di gara.

 
 
Condividi la notizia

17 aprile 2014
Consiglio di Stato | L'Organo d'Appello della Giustizia Amministrativa ha ritenuto che la proroga delle forniture disposta senza gara come prevista dalla spending review è violativa e contraria all'ordinamento comunitario e dunque va disapplicata.Principio della supremazia del diritto comunitario sul diritto interno.

 
 
Condividi la notizia

23 ottobre 2018
TAR PALERMO | Sulla natura tassativa od esemplificativa delle cause di esclusione previste dal Codice dei contratti pubblici.

 
 
Condividi la notizia

26 settembre 2018
APPALTI | Con il recepimento dell'art. 22 della Direttiva 2014/24/EU, l'Italia deve uniformarsi al principio della completa digitalizzazione delle procedure di gara.

 
 
Condividi la notizia

29 gennaio 2017
Corte di Cassazione | Lente d'ingrandimento sulla trattativa privata. Va esclusa l'esistenza di una gara solo quando la P.A. resti libera di valutare, in mancanza di precisi criteri di selezione.

 
 
Condividi la notizia

23 novembre 2015
Elemento fiduciario | L'esclusione ex art. 38 comma 1 lett. f) del Codice dei contratti nei principi sanciti dal Consiglio di Stato.

 
 
Condividi la notizia

15 dicembre 2014
Agenzia per l'Italia Digitale | AgID annuncia oggi la pubblicazione della gara pre-commerciale per servizi di ricerca e sviluppo di soluzioni per la realizzazione dei nuovi Cloud delle P.A. europee. Scadenza 20 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

4 marzo 2015
Consiglio di Stato | Se il consulente non opera come mero supporto tecnico, ma svolge una attività di stima del valore complessivo delle offerte, si tratta di una non consentita “integrazione” del Collegio. I principi sanciti dalla Quarta Sezione nella sentenza del 4.3.2015.

 
 
Condividi la notizia

24 settembre 2018
CONSIGLIO DI STATO | Il coordinamento tra gli artt. 120 e 41 del Codice dei contratti alla base della decisione del Supremo Consesso.

 
 
Condividi la notizia

21 settembre 2017
Opportunità di lavoro | La scadenza delle domande è il 5 ottobre 2017, nell'’articolo il bando e il modulo d’iscrizione.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.