Condividi la notizia

Sovraffollamento carcerario

Sconti di pena e soldi a detenuti ed ex galeotti

E' entrata in vigore la legge 11 agosto 2014 n. 117 che prevede rimedi risarcitori per coloro che hanno subito un trattamento inumano in violazione dell'articolo 3 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo.

Entra oggi in vigore la legge 11 agosto 2014 n. 117 di conversione del decreto-legge n. 92 del 26 giugno 2014 (in G.U. n.192 del 20-8-2014) che prevede rimedi risarcitori per i detenuti che hanno subito un trattamento inumano, in violazione dell'articolo 3 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo.

Il legislatore ha previsto due ipotesi: a) se la pena è ancora da espiare, una riduzione della pena detentiva, ossia un giorno in meno per ogni dieci giorni di detenzione avvenuta in condizioni non conformi agli standard come fissati dalla Corte dei Diritti dell’Uomo; b) per coloro che non si trovano più in carcere, un risarcimento pari a 8 euro per ogni giornata di detenzione avvenuta nelle condizioni degradanti che, come predetto, sono state individuate dalla Corte. In questo ultimo caso la richiesta, dovrà essere presentata dal detenuto ovvero dal difensore entro 6 mesi dalla fine della detenzione.

La legge in commento introduce, altresì, dei cambiamenti in ordine alla custodia cautelare e prevede un innalzamento dell’età per poter usufruire dei benefici stabiliti dall’ordinamento minorile in materia di provvedimenti restrittivi.

Per quanto attiene alla custodia cautelare in carcere, la medesima non potrà essere disposta se il giudice ritiene che, all'esito del giudizio, la pena detentiva da eseguire non sarà superiore a tre anni: potranno essere applicati solo gli arresti domiciliari. La norma, tuttavia, non è applicabile se si tratta di delitti ad elevata pericolosità sociale (tra cui mafia e terrorismo, rapina ed estorsione, furto in abitazione, stalking e maltrattamenti in famiglia) ovvero nel caso in cui il soggetto non abbia un luogo idoneo dove scontare gli arresti domiciliari. Viene ribadito invece il divieto assoluto del carcere preventivo e degli arresti domiciliari nei processi destinati a chiudersi con la sospensione condizionale della pena. Inoltre, salvo che non ricorrano esigenze processuali o di sicurezza, l'imputato scarcerato per gli arresti domiciliari potrà raggiungere l’abitazione  senza accompagnamento delle forze dell'ordine. Naturalmente la violazione degli arresti domiciliari comporta l’esecuzione della pena in carcere ferma restando la normativa da applicare per l’allontanamento dal domicilio.

In merito all’innalzamento dell’età, la legge estende, inoltre, a coloro che non hanno ancora compito 25 anni (anziché 21 come prima previsto) le norme di favore dettate dal diritto minorile sui provvedimenti restrittivi salvo che il giudice non ritenga il soggetto socialmente pericoloso.

Viene introdotta, infine, una deroga al regime ordinario che consentirà al CSM, in via eccezionale, qualora l’organico sia scoperto  di oltre il 20% di posti, di destinare alla magistratura  di sorveglianza anche i giudici di prima nomina (solo per quelli nominati con decreto del Ministero della Giustizia del 20/02/2014); viene disposto, inoltre, un aumento delle unità di polizia penitenziaria  ed il personale appartenente ai ruoli del Dipartimento dell'Amministrazione penitenziaria non potrà essere comandato o distaccato presso altre pubbliche amministrazioni.

Da ultimo si segnalano i dati diramati dal Ministero della Giustizia delle capienze effettive dei detenuti presenti al 31 luglio 2014 (110,14%). Dal confronto con i dati pubblicati al 31 dicembre 2013 (131,07%) si registra una costante diminuzione della popolazione detenuta dovuta ai recenti interventi normativi. In particolare dalla comparazione tra regioni si rileva che a Luglio il più alto tasso di sovraffollamento si registra in Puglia (140,07%) seguita dal Molise (135,40%), Veneto (129,84%), Abruzzo (127,67) e Lombardia (127,45%). Le regioni dove, al contrario, sono presenti il minor numero di detenuti  sono il Trentino Alto Adige (59,13%), la Valle d’Aosta (81,11%) e la Sardegna (78,96%).

Per scaricare l'approfondimento giuridico ed il testo di legge cliccare su Gazzettaamministrativa.it

 

 Daniela Muntoni

Laura Ferrero

(21 agosto 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

26 febbraio 2017
Corte di Cassazione | La sentenza delle Sesta Sezione Penale del 20 febbraio 2017.

 
 
Condividi la notizia

29 luglio 2019
Concorsi | Scadenza per la presentazione delle domande il 9 settembre 2019.

 
 
Condividi la notizia

27 giugno 2014
DELITTO DI COGNE | Condannata a 16 anni di carcere in Appello (in primo grado la pena fu di 30 anni), la madre assassina lascia il carcere. Non potrà tornare a Cogne

 
 
Condividi la notizia

28 febbraio 2018
OPPORTUNITA’ DI LAVORO | Nell’articolo tutti i dettagli, le procedure e i link per partecipare al bando di concorso.

 
 
Condividi la notizia

16 novembre 2014
Analisi statistiche | Uno studio commissionato dal Ministero della Giustizia mette sotto la lente, con dovizia di particolari e di numeri, il carico nazionale degli affari civili pendenti.

 
 
Condividi la notizia

4 giugno 2014
Corruzione | 35 arresti per tangenti per il MOSE, in carcere anche il sindaco della città e richiesta di custodia cautelare per l'ex presidente della Regione Galan.

 
 
Condividi la notizia

28 dicembre 2014
Depenalizzazione | Nessuna applicazione a molti dei reati rientranti nella cornice edittale massima di 5 anni. Per esempio: maltrattamenti in famiglia, violazione degli obblighi di assistenza famigliare, Stalking, furto in abitazione e furto con strappo ecc..

 
 
Condividi la notizia

4 luglio 2014
Danno erariale | Era imputato per detenzione, assunzione e spaccio di doping nel ciclismo. Un danno per l’'immagine dell'Arma dei Carabinieri. Ma la Corte dei Conti dichiara inammissibili le richieste di risarcimento per prescrizione dei reati.

 
 
Condividi la notizia

13 gennaio 2016
Dichiarazione dei redditi | Il Ministero della Giustizia comunicherà all’interessato entro il 30 aprile, l’importo del credito d’imposta riconosciuto.

 
 
Condividi la notizia

10 giugno 2014
Consiglio di Stato | I giudici di Palazzo Spada accolgono l'appello del Ministero della Giustizia e rinviano per la discussione al 1° luglio.

 
 
Condividi la notizia

3 maggio 2014
Ministero della Giustizia | Sessanta scrittori famosi entreranno negli istituti penitenziari italiani per dialogare con i detenuti.

 
 
Condividi la notizia

1 dicembre 2014
ministero della Giustizia | Sulla G.U. n. 279 del 1.12.2014 è stato pubblicato il decreto del Ministero della Giustizia. Nell'articolo le liste degli uffici mantenuti e soppressi.

 
 
Condividi la notizia

14 giugno 2016
OCSE | Inaugurata a Parigi una conferenza internazionale sulla lotta al malaffare nella pubblica amministrazione. Presenti i nostri rappresentanti del Ministero della Giustizia e dell'ANAC

 
 
Condividi la notizia

29 aprile 2015
Agenda digitale | Sinergia tra il Ministero della Giustizia e quello dello Sviluppo Economico per semplificare e migliorare la tenuta del registro delle imprese.

 
 
Condividi la notizia

11 agosto 2014
Anticorruzione | Nelle condanne per reati contro la P.A. la sospensione condizionale della pena non produce effetti sull'applicazione dell'art. 3 d.lgs n. 39/2013.

 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.