Condividi la notizia

Corte di Cassazione

Custodia cautelare: sì al carcere per gli ultrasettantenni

La sentenza delle Sesta Sezione Penale del 20 febbraio 2017.

La Pulce e il Prof Locandina
Ascolta La Pulce e il Prof sull'argomento
Si al carcere per gli ultrasettantenni - Puntata 082 - Stagione II
 

La misura di custodia cautelare in carcere può essere disposta anche nei confronti di una persona anziana, ultrasettantenne sia pure in situazioni eccezionali. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione, Sezione Sesta Penale, con sentenza del 20 febbraio 2017 (Presidente: IPPOLITO Relatore: TRONCI Data Udienza: 01/02/2017), pronunciandosi sulla legittimità della misura della custodia cautelare in carcere applicata ad un ultrasettantenne, indagato per l'illecita detenzione di 20 bustine di cocaina, accertata dai Carabinieri, di cui aveva cercato di disfarsi lanciandole dal balcone di casa, dopo il negativo controllo effettuato nell'abitazione dai militari. L'ultrasettantenne lanciatore di bustine dal balcone era, peraltro, già in regime di arresti domiciliari in relazione a due distinti procedimenti, entrambi per violazione della normativa sugli stupefacenti. 

La commissione di un ennesimo episodio di detenzione a fine di spaccio, in costanza del regime di arresti domiciliari, è bastato a significare l'insufficienza di quest'ultima misura, con conseguente, necessario ricorso a quella più gravosa della custodia cautelare in carcere.

La Corte ha ritenuto indubbio che il ricorrente, in quanto soggetto ultrasettantenne, rientri nell'ambito della sfera di operatività dell'art. 275 comma 4 codice di procedura penale, il quale prevede un rafforzamento degli indicatori del pericolo di reiterazione, che, a fronte della elevata probabilità di rinnovazione dell'attività delittuosa richiesta dal codice di procedura penale diviene certezza della ripetizione: ciò che consente di contemperare le esigenze di cautela con la salvaguardia di peculiari condizioni personali, che di per sé sono tali da comportare un ordinario affievolimento delle medesime esigenze.

In tal senso la Corte ha richiamato un altro precedente per il quale si è ravvisata la "sussistenza delle esigenze cautelati di eccezionale rilevanza - atte a giustificare l'adozione della custodia cautelare in carcere nei confronti di una madre con prole di età inferiore a tre anni - nella quantità di precedenti penali e giudiziari per delitti della stessa specie (furti anche in abitazione) che ne evidenzino l'esclusiva e sistematica abitualità alla commissione di delitti contro il patrimonio, di guisa che sia impossibile fronteggiare l'eccezionale pericolosità sociale con misure diverse dalla custodia in carcere" (così la sentenza n. 2240/2006 della Sezione 5).

Per gli Ermellini - al di là dell'irrilevante differenza della categoria della persona attinta dalla misura, madre con prole in tenera età anziché anziano ultrasettantenne - il precedente si attaglia perfettamente al caso di specie, in cui il Tribunale del riesame ha valorizzato la sistematica dedizione del ricorrente ad attività di spaccio ("da almeno dieci anni"), comprovata dalle cinque condanne definitive appositamente richiamate, nonché dalle vicende recenti di cui è stato protagonista, sostanziatesi nei suoi reiterati arresti - sempre per illecita detenzione di sostanze stupefacenti - alcuni effettuati mentre era sottoposto alla misura degli arresti domiciliari, così come in quello oggetto della presente vicenda processuale.

Ciò a dimostrazione - conclude la Corte - della incontestabile insofferenza dell'anziano spacciatore al rispetto delle prescrizioni impostegli e, per l'effetto, del mancato conseguimento di qualsivoglia effetto dissuasivo connesso a tale misura, ottenibile solo in via coatta, attraverso la custodia in carcere, stante il ritenuto, consapevole approfittamento, da parte dell'ultrasettantenne, della propria situazione relativa all'età, onde poter continuare a svolgere incessantemente l'attività criminale.

Fonte: Massimario Gazzetta Amministrativa

Enrico Michetti

La Direzione

(26 febbraio 2017)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

17 novembre 2016
Giustizia | I principi sanciti nella sentenza della Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione del 16.11.2016.

 
 
Condividi la notizia

21 febbraio 2017
Suprema Corte | Nessuna depenalizzazione del reato di disturbo della quiete pubblica. La sentenza del 14 febbraio 2017.

 
 
Condividi la notizia

18 agosto 2016
Corte di Cassazione | I principi sanciti dalla Quarta Sezione Penale nella sentenza n. 34800 del 10 agosto 2016.

 
 
Condividi la notizia

20 marzo 2016
Abolitio criminis | La soglia di rilevanza penale stabilita dall'art. 3 d.lgs. 15/1/2016 n. 8 nella sentenza della Corte di Cassazione n. 11376/2016.

 
 
Condividi la notizia

18 settembre 2016
Corte di Cassazione | I principi sanciti nella sentenza n. 36866 del 6.9.2016.

 
 
Condividi la notizia

26 febbraio 2017
Corte di cassazione | Il reato è consumato anche se la vittima agisce come agente provocatore. La sentenza del 20 febbraio 2017.

 
 
Condividi la notizia

18 luglio 2016
Corte di Cassazione | I principi sanciti nella sentenza della Prima Sezione Penale n. 26776/2016.

 
 
Condividi la notizia

24 ottobre 2015
Reati bianchi | Il formarsi del silenzio-rifiuto alla scadenza del termine di 30 giorni dalla richiesta. Le conseguenze nei principi sanciti dalla Corte di Cassazione Sez. VI sentenza n. 42610/2015.

 
 
Condividi la notizia

14 dicembre 2014
Edilizia | Interventi ulteriori, anche di frazionamento o accorpamento, su immobili abusivi ripetono le caratteristiche di illegittimità dall'opera principale alla quale ineriscono strutturalmente. Il principio espresso dalla Terza Sezione Penale nella sentenza dell'11.12.2014.

 
 
Condividi la notizia

19 luglio 2016
Corte dei Cassazione | I principi sanciti dalla Terza Sezione Penale nella sentenza n. 30402 del 18.7.2016.

 
 
Condividi la notizia

10 ottobre 2016
Corte di Cassazione | I principi sanciti dalla Quinta Sezione nella sentenza n. 42337 del 6.10.2016.

 
 
Condividi la notizia

14 febbraio 2016
Corte di Cassazione | Ai fini della punibilità va accertato se la pianta ha un'effettiva ed attuale capacità drogante. La Sentenza della Suprema Corte n. 2618/2016.

 
 
Condividi la notizia

12 settembre 2016
Depenalizzazione | La sentenza della Suprema Corte n. 36867 del 6.9.2016. I presupposti per l'applicazione dell'illecito amministrativo anche alle pregresse violazioni.

 
 
Condividi la notizia

29 novembre 2015
Reati contro il patrimonio | I principi sanciti dalla Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione nell'esportazione abusiva di beni culturali.

 
 
Condividi la notizia

11 ottobre 2016
Corte di Cassazione | L'assegnazione del codice di triage all'atto dell'accettazione vale soltanto a definire un ordine di visita fra più pazienti in attesa. Rifiuto di atti di ufficio. L'età e le richieste di intervento dell'infermiera nella sentenza n. 40753/2016.

 
 
 
 
 
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.