Condividi la notizia

Danno all'immagine e all'erario

Funzionario del Fisco: si arricchisce con la merce dei cinesi, licenziato e condannato per danno erariale

La Corte dei Conti ha affermano la responsabilità di un dipendente dell'Agenzia delle Entrate.

Il danno all’immagine c’è ma non ha assunto i caratteri di gravità individuati dalla Procura erariale. La Corte dei conti, sez. giurisd. per la Regione Sardegna (sentenza n. 173 del 2 settembre 2014), ha affermato la responsabilità contabile di un funzionario dell’Agenzia delle Entrate di Cagliari. 

Quest’ultimo era stato condannato in sede penale, per concussione (art. 317 c.p) ed accesso abusivo al sistema informatico (art. 615 ter c.p.) dell’Anagrafe tributaria alla pena di due anni e otto mesi di reclusione ed all’interdizione dai pubblici uffici per un identico periodo. Il dipendente abusando della sua qualità e dei suoi poteri, costringeva un cittadino cinese titolare di una S.r.l. a consegnargli svariata merce detenuta per la vendita (abbigliamento ma anche attrezzi per il bricolage) e somme di denaro per importo pari ad euro 23.450,00. Tutto iniziò dopo averlo convocato nel suo ufficio ed avergli chiesto alcuni documenti relativi alla sua attività commerciale, prima facendogli capire in modo velato che poteva rendergli la vita tranquilla, poi davanti ai primi rifiuti di pagare, minacciando di procurare danni alla sua attività. 

Il danno all’immagine di cui la Procura chiede il ristoro si sarebbe realizzato in ragione delle notizie comparse sulla stampa circa l’illecito commesso dal funzionario; notizie che, a loro volta, avrebbero ingenerato nei cittadini un senso di sfiducia nei confronti delle istituzioni. Ciò ha portato a quantificare il danno (secondo il comma 1 sexies dell’art. 1 della L. n. 20/1994, introdotto dall’art.1 comma 62^ della L. n. 190/2012) per il doppio della somma di denaro illecitamente percepita dal dipendente. 

Delle censure mosse dal funzionario, i giudici contabili hanno ritenuto fondata solo l’eccezione relativa ai criteri di quantificazione del danno all’immagine. Hanno affermato che occorre far “ricorso ai criteri adottati dalla giurisprudenza contabile, per determinare l’entità del clamor fori, tra i quali vanno principalmente annoverati: la funzione rivestita dal convenuto in seno all’Amministrazione di appartenenza; l’ammontare  della somma oggetto di concussione; la sussistenza di uno strascico di ricorsi amministrativi o giurisdizionali contro eventuali provvedimenti sanzionatori; le eventuali spese sostenute dall’Amministrazione per il ripristino della funzione lesa dall’atto delittuoso (Sez. I Appello, n. 976/2013 e n. 494/2010; Sez. II Appello, n. 461/2010; Sez. III Appello, n. 132/2011). Peraltro, solo per tale ultima ipotesi di danno all’immagine, il risarcimento può essere puntualmente quantificato (ad esempio, nella misura delle spese sostenute dall’Amministrazione per un’inserzione pubblicitaria di rettifica di una notizia infondata), mentre negli altri casi esso è soggetto ad una necessaria valutazione equitativa.” 

Per i giudici sardi pertanto il danno all’immagine così come quantificato dalla Procura contabile deve essere riquantificato. La propagazione sociale del fatto illecito è stata limitata. L’Amministrazione ha immediatamente sanzionato il convenuto col licenziamento (avvenuto sedici giorni dopo il suo arresto), dandone tempestiva comunicazione alla stampa e limitando così gli effetti della negativa risonanza sociale che l’episodio delittuoso aveva sollevato. Inoltre “la posizione funzionale del convenuto, non ha infierito sulla risonanza sociale, in quanto egli ha agito nell’ambito di un limitato segmento di competenza ed anzi travalicando i limiti stessi delle sue funzioni, giacché è riuscito a perpetrare il reato concussivo con l’ausilio dell’accesso abusivo agli strumenti informatici in dotazione all’Amministrazione finanziaria: sicché è stato scongiurato il sopravvenire del convincimento sociale che episodi criminosi di tale fatta fossero radicati o trovassero copertura negli alti vertici burocratici dell’apparato amministrativo”. 

Per queste considerazioni, in via equitativa, il danno all’immagine è stato quantificato in € 12.425,00 (più spese processuali). Il funzionario paga ancora!

Gianmarco Sadutto

(5 settembre 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e, se possibile, link a pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

10 settembre 2014
Frode assicurativa | In sede penale patteggia la sua pena e questo lo inchioda davanti alla Corte dei Conti che lo condanna per danno all'immagine.

 
 
Condividi la notizia

13 ottobre 2014
Responsabilità erariale | L'esercizio dell'azione di danno erariale tra ipotesi e "notizie di danno”".

 
 
Condividi la notizia

5 luglio 2015
GIUSTIZIA CONTABILE | Impossibilità oggettiva di utilizzare il personale interno della P.A. e legittimità dell'istruttoria avviata sulla base di articoli di stampa nei principi sanciti nella sentenza n. 36/2015.

 
 
Condividi la notizia

18 luglio 2015
Giustizia contabile | Punita una società ed il suo 'dominus occulto' per il mancato versamento nelle casse comunali dei tributi riscossi. Condannati anche gli amministratori di diritto.

 
 
Condividi la notizia

21 dicembre 2014
Processo contabile | La Corte dei Conti con sentenza del 18 dicembre ha dichiarato inammissibile l'atto di citazione.

 
 
Condividi la notizia

28 febbraio 2015
Corte dei Conti | Condannato il necroforo a risarcire il danno all'immagine dell'Ospedale.

 
 
Condividi la notizia

4 giugno 2014
Economia | Presentato il rapporto 2014 della Corte dei Conti sulla finanza pubblica. Pesa la pressione fiscale sull'economia del Paese. Oltre 50 miliardi di euro all'anno il sommerso.

 
 
Condividi la notizia

23 luglio 2014
CORTE DEI CONTI | Accettava denaro per facilitare l'’importazione di cocaina da Santo Domingo. Dopo la condanna penale, arriva anche la condanna dei giudici contabili a risarcire il danno erariale e il danno all’'immagine provocati.

 
 
Condividi la notizia

3 novembre 2014
Danno erariale | Il caporal maggiore disertava e truffava l'Amministrazione. I certificati medici lo incastrano.

 
 
Condividi la notizia

2 luglio 2016
Legittimità e regolarità | Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la Delibera delle Sezioni Riunite.

 
 
Condividi la notizia

11 agosto 2016
Riforma | Approvato dal Consiglio dei Ministri il decreto legislativo. Le novità in sintesi.

 
 
Condividi la notizia

11 marzo 2015
Corte dei Conti | False attestazioni su visite ispettive mai effettuate. La sentenza della Sezione Giurisdizionale Regione Lombardia n. 24/2015.

 
 
Condividi la notizia

5 giugno 2014
Danno erariale | La Corte dei conti chiarisce la vicenda.

 
 
Condividi la notizia

10 marzo 2015
Danno erariale | In servizio all'ufficio denunce percepiva soldi per l’'emissione del permesso provvisorio di guida. I principi sanciti nella sentenza n. 22/2015.

 
 
Condividi la notizia

30 aprile 2015
Danno erariale | Il principio del nè bis in idem. Una precedente "archiviazione" non impedisce una nuova citazione.

 
 
 
 
 
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.