Condividi la notizia

Danno erariale

Trasferte nella Capitale a spese del Comune: condannati deputato-sindaco e dipendente comunale

La Corte dei conti chiarisce la vicenda.

La Procura presso la Corte dei conti, a seguito delle indagini svolte dalla Guardia di Finanza, ha citato in giudizio il sindaco di un piccolo paese della Provincia di Massa Carrara, un dipendente comunale e il dirigente dell’AUSL.

Il primo cittadino, medico dell’AUSL, eletto come deputato nelle elezioni politiche del 2006, aveva ricevuto una serie di somme, liquidate per una parte dal Comune e per l’altra dall’AUSL, in evidente contraddizione con l’indennità parlamentare e la relativa diaria.

Da un lato, infatti, il dipendente comunale, responsabile del servizio economico-finanziario, aveva liquidato una somma  a titolo di rimborso spese per missioni eseguite a Roma (€ 20.004,68). Ma non solo. Nonostante questo fosse membro del parlamento e non avesse diritto, versava al primo cittadino l’integrazione dell’indennità di funzione a fine mandato (€6.182,00), con riferimento al periodo giugno 2004 – giugno 2009.

D’altro canto il dirigente dell’AUSL corrispondeva stipendi relativi ai mesi di aprile e maggio 2008.

La Corte dei conti, sezione giurisdizionale per la Regione Toscana, con sentenza n. 94/2014 ha chiarito la vicenda.

Dapprima, ha dichiarato intervenuta la prescrizione per i fatti accaduti fino a marzo 2008 (tenendo conto della data di notifica dei c.d. inviti a dedurre), relativi ai rimborsi per spese di rappresentanza e missioni. Poi, entrando nel merito, ha assolto sia il sindaco che il dirigente, in riferimento alla corresponsione degli stipendi da parte dell’AUSL.

La condotta del sindaco non è stata ritenuta dolosa, nessun elemento ha evidenziato la sua volontà di trarre in errore l’ente erogante, egli è rimasto estraneo ad ogni decisione sulla liquidazione e per questo è stato ritenuto “mero percettore delle somme”. Anche il comportamento del dirigente non è stato ritenuto negligente, è emerso, in atti, che questo una volta ricevuta la documentazione relativa alla proclamazione del sindaco a deputato della Repubblica, ha attivato le procedure di recupero degli emolumenti versati.

Nello stesso senso, il Collegio, si è pronunciato sull’integrazione dell’indennità di funzione, per fine mandato, assolvendo sia il sindaco che il dipendente. I giudici, tenendo conto della non linearità della normativa e delle difficoltà di una sua compiuta e corretta applicazione al caso concreto, hanno ritenuto legittima la condotta del dipendente, anche per la sua limitata professionalità; egli non ha tenuto un comportamento negligente o per lo meno non da qualificarlo come gravemente colpo e foriero di danno erariale.

Diversa è stata la valutazione dei giudici contabili sulle indennità di missione e rappresentanza, liquidate nell’arco di tempo non coperto da prescrizione. Il sindaco che ha acquistato i biglietti del treno gravando sulla cassa comunale, avrebbe potuto evitare usufruendo della carta di libera circolazione sui treni delle Ferrovie dello Stato concessa ad ogni parlamentare. Il responsabile del servizio economico-finanziario, invece, avrebbe dovuto prestare maggior attenzione: oltre alla mera fase del calcolo aritmetico dei singoli importi sarebbe stata necessaria un’attività di controllo e di valutazione tecnico-giuridica della documentazione.

Pertanto, la Corte dei Conti ha condannato al risarcimento del danno erariale il sindaco a € 1.919,05 e il dipendente a € 4.477,80.

Gianmarco Sadutto

(5 giugno 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e, se possibile, link a pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

31 maggio 2014
Danno erariale | Primo dirigente presso la ASL e contemporaneamente dipendente del Ministero dell'Istruzione, percepiva un doppio stipendio per un totale di 887.392,11 euro come se nulla fosse.

 
 
Condividi la notizia

15 maggio 2014
Danno erariale | La Corte dei Conti condanna al risarcimento del danno il primo cittadino negligente.

 
 
Condividi la notizia

20 ottobre 2014
Corte dei Conti | Condannato un dirigente dell'Ufficio Notificazione Esecuzione e Protesti della Corte di appello di Catanzaro a restituire (per ora) 148.650,27 euro.

 
 
Condividi la notizia

30 maggio 2014
Danno erariale | La Corte dei Conti ha valutato assolutamente iniqua la somma pattuita per l'affitto del Palazzetto dello Sport condannando i responsabili alla refusione delle perdite subite dal Comune.

 
 
Condividi la notizia

4 luglio 2014
Danno erariale | Era imputato per detenzione, assunzione e spaccio di doping nel ciclismo. Un danno per l’'immagine dell'Arma dei Carabinieri. Ma la Corte dei Conti dichiara inammissibili le richieste di risarcimento per prescrizione dei reati.

 
 
Condividi la notizia

5 settembre 2014
Danno all'immagine e all'erario | La Corte dei Conti ha affermano la responsabilità di un dipendente dell'Agenzia delle Entrate.

 
 
Condividi la notizia

12 settembre 2014
Danno Erariale | La Corte dei Conti condanna un docente a risarcire il danno, per tutti i compensi guadagnati senza il consenso dell'Amministrazione. Solo la prescrizione e le ritenute previdenziali gli "addolciscono la pillola".

 
 
Condividi la notizia

26 luglio 2015
Corte dei Conti | Condannato il Sindaco e il segretario comunale nella sentenza della Sezione giurisdizionale Centrale di Appello del 22.7.2015 n. 451.

 
 
Condividi la notizia

15 marzo 2015
Enti Locali | L'assunzione di collaboratori negli uffici di staff degli organi politici deve avvenire con contratto di lavoro subordinato a tempo determinato. Colpa grave del Sindaco e della Giunta Comunale.

 
 
Condividi la notizia

5 luglio 2015
GIUSTIZIA CONTABILE | Impossibilità oggettiva di utilizzare il personale interno della P.A. e legittimità dell'istruttoria avviata sulla base di articoli di stampa nei principi sanciti nella sentenza n. 36/2015.

 
 
Condividi la notizia

13 ottobre 2014
Responsabilità erariale | L'esercizio dell'azione di danno erariale tra ipotesi e "notizie di danno”".

 
 
Condividi la notizia

18 luglio 2015
Giustizia contabile | Punita una società ed il suo 'dominus occulto' per il mancato versamento nelle casse comunali dei tributi riscossi. Condannati anche gli amministratori di diritto.

 
 
Condividi la notizia

1 agosto 2014
Corte dei conti | I giudici contabili siciliani, dopo aver condannato al risarcimento il sindaco, riconoscono, in secondo grado, la responsabilità amministrativa anche del segretario comunale.

 
 
Condividi la notizia

14 agosto 2014
Anomalo indebitamento finanziario | Tutto da rifare, l'azione della Procura ha violato la garanzia di difesa del Sindaco e degli assessori per non aver notificato "l'invito a dedurre".

 
 
Condividi la notizia

21 dicembre 2014
Processo contabile | La Corte dei Conti con sentenza del 18 dicembre ha dichiarato inammissibile l'atto di citazione.

 
 
 
 
 
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.