Condividi la notizia

Friuli Venezia Giulia

Condannato il consigliere regionale dalle mani bucate

Danno erariale per le spese pazze del consigliere regionale. Il tutto giustificato per fini politico – istituzionali.

Spese disinvolte per l’ennesimo consigliere regionale (PdL) del Friuli sotto la lente della Corte dei Conti. Purtoppo per lui (ma anche per noi) quelle spese, che non erano di rappresentanza (le uniche legittime), derivavano da finanziamenti pubblici.

Un importo complessivo di euro 31.020,32 formalmente riferito ad iniziative di divulgazione (12.973,50), a trasferte (7.926,16), a spese di cancelleria (403,32), acquisti di libri e giornali (1.795,81), all’acquisto di beni strumentali (45,06) e, ma solo per una residua somma, a spese di rappresentanza (7.876,39).

Tutt’altra storia la realtà. I rimborsi conseguiti dal consigliere regionale erano infatti difficilmente definibili di “rappresentanza”. Come al solito, gelaterie, ristoranti, birrerie, acquisti effettuati presso negozi di calzature, abbigliamento, vini e liquori, pane e dolci, nonché presso gioiellerie.

Spese senza indicazione né delle circostanze che avrebbero giustificato l’impiego di denaro pubblico, né alle generalità ed alla qualifica dei soggetti che ne hanno beneficiato.

Nella prima difesa, a seguito di azione della procura, i legali del consigliere non hanno esitato a difendersi in modo agguerrito: le scelte dell’organo consiliare sulle spese di funzionamento dei gruppi costituiscono espressione della funzione di autorganizzazione, quindi politica, sottratta al sindacato del giudice. Peraltro, così si difendevano, la mancanza di documentazione delle spese era giustificata dalla prassi sempre invalsa, rispetto alla quale non esisteva (fino al 2012) un modello di rendiconto.

Nessuna colpa quindi per il consigliere e nessun fatto illecito tali da far scaurire un danno erariale. Si diceva “è stato sempre cosi”, “è prassi”.

Dello stesso avviso non è stata la Corte dei Conti, sezione Friuli, che con sentenza del 15 luglio, ha quantificato il danno erariale in 29.283,61 (esclusi gli acquisti per libri e giornali) derivante, appunto, dall’utilizzo di finanziamenti di cui non risulta dimostrata la coerenza con le finalità proprie del contributo erogato.

Dei soldi pubblici, ha detto il giudice, bisogna sempre dar conto.

Ogni beneficiario di un contributo pubblico vincolato ad una specifica destinazione è infatti assoggettato all’obbligo di dar conto del relativo impiego, senza scuse.

Le spese di rappresentanza devono essere eccezionali e queste ovviamente non riguardano regali natalizi, confezioni di cioccolatini, per le occasioni di routine e non istituzionali.

Il Collegio ha, inoltre, valutato il “contributo causale” del Presidente del Gruppo consiliare e dell’Ufficio di Presidenza del Consiglio, in quanto su entrambi gravava l’onere di vigilare sulla corretta utilizzazione delle risorse pubbliche.

Gioielli? Scarpe? Abbigliamento? Cesti di specialità alimentari? Oggi non più. L’utilizzo disinvolto ed incurante del denaro pubblico non deve essere più tollerato. Nessuna consuetudine può giustificare la violazione di obblighi di rendiconto dei soldi dei contribuenti.

Luca Tosto

(23 luglio 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

22 settembre 2016
#italiasicura | Si procederà allo scorrimento delle graduatorie delle seguenti Regioni: Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Molise, Piemonte, Sicilia, Toscana e Veneto.

 
 
Condividi la notizia

17 ottobre 2014
Danno erariale | Una condotta gravemente colposa nell'utilizzo delle risorse finanziare per la collettività.

 
 
Condividi la notizia

3 novembre 2014
Danno erariale | Il caporal maggiore disertava e truffava l'Amministrazione. I certificati medici lo incastrano.

 
 
Condividi la notizia

13 aprile 2015
Giustizia Amministrativa | I principi sanciti nella sentenza del TAR Friuli Venezia Giulia del 10.4.2015 n. 176.

 
 
Condividi la notizia

10 marzo 2015
Danno erariale | In servizio all'ufficio denunce percepiva soldi per l’'emissione del permesso provvisorio di guida. I principi sanciti nella sentenza n. 22/2015.

 
 
Condividi la notizia

4 giugno 2014
Economia | Presentato il rapporto 2014 della Corte dei Conti sulla finanza pubblica. Pesa la pressione fiscale sull'economia del Paese. Oltre 50 miliardi di euro all'anno il sommerso.

 
 
Condividi la notizia

2 dicembre 2015
Patronati | I nuovi sistemi telematici nei rapporti con e da parte della Pubblica Amministrazione nella sentenza del TAR Friuli Venezia Giulia.

 
 
Condividi la notizia

15 luglio 2015
Commissione UE | Via libera a tre p.o.r. (Sardegna, Friuli Venezia Giulia e Molise) e a due p.o.n. (“Città metropolitane” e “Ricerca e Innovazione”).

 
 
Condividi la notizia

21 dicembre 2014
Processo contabile | La Corte dei Conti con sentenza del 18 dicembre ha dichiarato inammissibile l'atto di citazione.

 
 
Condividi la notizia

15 maggio 2014
Danno erariale | La Corte dei Conti condanna al risarcimento del danno il primo cittadino negligente.

 
 
Condividi la notizia

3 novembre 2014
Responsabilità medica | Policlinico Umberto I di Roma, accertata anche dalla Corte dei Conti la colpa grave degli anestesisti che dovranno risarcire l'Università La Sapienza.

 
 
Condividi la notizia

4 luglio 2014
Danno erariale | Era imputato per detenzione, assunzione e spaccio di doping nel ciclismo. Un danno per l’'immagine dell'Arma dei Carabinieri. Ma la Corte dei Conti dichiara inammissibili le richieste di risarcimento per prescrizione dei reati.

 
 
Condividi la notizia

10 settembre 2014
Frode assicurativa | In sede penale patteggia la sua pena e questo lo inchioda davanti alla Corte dei Conti che lo condanna per danno all'immagine.

 
 
Condividi la notizia

13 giugno 2014
Regione Friuli Venezia Giulia | Acquistava pesce fresco e lo giustificava per fini politici-istituzionali. Comprava pane, latte e dolci e li giustificava per fini misericordiosi. Per divulgare l'attività e programmi sosteneva spese per pranzi, cene o consumazioni presso bar o ristoranti, persino il 31 dicembre presso un rifugio montano in Val Badia.

 
 
Condividi la notizia

30 aprile 2014
Corte dei Conti | Ragioniere del comune si appropria di soldi pubblici, condannato a risarcire euro 110.038,29.

 
 

Ascolta "La Pulce e il Prof"

 
Il diritto divulgato nella maniera più semplice possibile
 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.