Condividi la notizia

Sanzioni disciplinari

Non e' vietato armarsi di sgabello dinanzi alle ingiurie di un collega

Il Consiglio di Stato annulla la sanzione disciplinare irrogata a un medico che - provocato da un collega particolarmente ingiurioso - tenta di colpirlo con uno sgabello dell'ambulatorio.

Le discussioni sul posto di lavoro, si sa, sono all’ordine del giorno.

Tuttavia, a volte, queste discussioni assumono le sembianze di vere e proprie baruffe, ricche di offese, spintoni e sgabelli impropriamente branditi come arma, con buona pace dei reciproci doveri di rispetto e colleganza.

Questo è lo scenario che ha visto coinvolti due medici del Reparto di Dermatologia presso l’Ospedale di Dolo, provincia di Venezia, caratterizzato da un ulteriore tocco di drammaticità apportato dall’improvviso malore di un’infermiera, in evidente stato di gravidanza, dovuto all’agitazione provocata dalla lite tra i due medici.

A seguito di tale lite, il responsabile del procedimento disciplinare della Azienda ULSS 13 di Miranda (VE) comminava nei confronti del medico che aveva tentato di colpire il collega con uno sgabello girevole, la sanzione disciplinare di riduzione dello stipendio nella misura di 1/10 di una mensilità, per la durata di sei mesi, in virtù del comportamento scorretto tenuto nei confronti del collega e dell’infermiera.  A seguito di reclamo da parte del medico sanzionato al Collegio arbitrale di disciplina (ai sensi dell’art. 59, comma 7, Dlgs n. 29/1993), la riduzione dello stipendio veniva ridimensionata e fissata nella misura di 1/10 della mensilità per la durata di un mese.

Non contento del ridimensionamento della sanzione e assetato di giustizia, il medico proponeva ricorso al Tar Veneto, chiedendo l’annullamento della sanzione disciplinare.

A parere del ricorrente, la sanzione era censurabile sia sotto il profilo procedimentale, dato che la stessa era stata originariamente comminata dal responsabile del procedimento senza che questo avesse prima trasmesso gli atti alla Commissione disciplinare, competente, a norma di legge (artt. 103 e seguenti del Dpr n. 3/1957), ad esprimere una preventiva valutazione dei fatti addebitati al dipendente nei casi di adozione di sanzione che vada oltre la mera censura, sia sotto il profilo sostanziale, nei termini di travisamento dei fatti, posto che nella valutazione degli eventi non si era minimamente tenuto conto del comportamento offensivo dell’altro medico.

Tuttavia il Tar Veneto, con sentenza n. 1100/2005 ha respinto l’impugnazione proposta dal medico il quale ha, ciononostante, prontamente proposto appello al Consiglio di Stato.

Finalmente il Consiglio di Stato, con sentenza n. 4860/2014, depositato in cancelleria il 29 settembre 2014, ha accolto tutte le censure proposte dal medico ricorrente, sia quelle relative alle irregolarità procedurali del procedimento disciplinare, sia quelle, forse  ancor più sentite dal ricorrente, relative al mancato accertamento dell’esatta dinamica dei fatti del litigio.

Difatti, dopo aver  annullato in toto la sanzione inflitta al medico con la Delibera del Direttore Generale AULSS 13 n. 1945/1996, per aver già solo accertato il dedotto vizio procedimentale nei medesimi termini presentati dall’appellante, il Consiglio di Stato ha comunque proceduto a riesaminare la dinamica della vicenda, accertando così il travisamento dei fatti operato sia dal responsabile del procedimento disciplinare, che dal Tar Veneto.

Il Giudice amministrativo infatti, riportando l’intera dinamica della lite, come emersa dall’istruttoria svolta dal collegio arbitrale, ha sottolineato come il medico sanzionato fosse stato pesantemente ingiuriato dal suo collega, che infatti lo accusava di essere scarsamente capace ed ignorante proprio mentre stava effettuando la visita ad un paziente, che, sentite tali accuse, se ne andava via, rinunciando alla terapia che il medico ingiuriato si accingeva a praticarle; a tale episodio seguiva una breve e concitata discussione, durante la quale il secondo medico continuava ad inveire e offendere  il medico ricorrente, il quale, ad un certo punto, esasperato, aveva tentato di brandire contro di lui uno sgabello girevole, con una mossa del tutto inutile data la stazza molto più robusta del collega, che, con una semplice spinta, lo buttava fuori dal proprio ambulatorio, facendogli perdere l’equilibrio e facendolo conseguentemente sbattere rovinosamente la testa contro lo spigolo di un armadietto dell’ambulatorio.   

Data l’effettiva dinamica della vicenda, il Consiglio di Stato non ha dunque ritenuto condivisibili le conclusioni del giudice di prime cure, per cui il ricorrente avrebbe tentato di colpire con uno sgabello il collega, ponendo in essere una reazione del tutto sproporzionata rispetto agli insulti e al comportamento dello stesso.

Eleonora Finizio

(1 ottobre 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

9 febbraio 2015
Appalti | Euro 343.455,51 di risarcimento del danno da mancata aggiudicazione e danno curriculare nella sentenza del Consiglio di Stato del 9 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

28 aprile 2015
Agcom | I principi sanciti nella sentenza del Consiglio di Stato del 27.4.2015, n. 2156.

 
 
Condividi la notizia

7 maggio 2016
Riforma | I punti principali evidenziati dal Consiglio di Stato, Commissione Speciale, nel parere del 3 maggio 2016 n. 1075.

 
 
Condividi la notizia

26 aprile 2015
Concorsi | La sentenza della Terza Sezione del Consiglio di Stato del 24.4.2015.

 
 
Condividi la notizia

20 aprile 2015
Pubblica amministrazione | Il giudizio di ottemperanza nei principi sanciti nella sentenza della Quinta Sezione del Consiglio di Stato del 20 aprile 2015, n. 2002.

 
 
Condividi la notizia

21 gennaio 2016
Funzione Pubblica | Dalle sanzioni disciplinari alla trasparenza, passando per la riduzione delle società partecipate, SCIA, conferenza di servizio ed altro.

 
 
Condividi la notizia

7 aprile 2014
Pedaggi autostradali | Il pedaggio non e' un'imposizione fiscale e deve essere assicurata la corrispondenza tra pagamento e fruizione

 
 
Condividi la notizia

5 agosto 2014
Attività di estetista | Per lettini abbronzanti e lampade UVA, anche se direttamente ed autonomamente utilizzati da soci di circoli privati, e' necessaria l'autorizzazione comunale.

 
 
Condividi la notizia

23 settembre 2014
Accesso agli atti | Il diritto di cronaca si piega davanti all'interesse ad accedere agli atti.

 
 
Condividi la notizia

27 agosto 2015
Concorsi | Il possesso dei requisiti psico-fisici dei candidati a posti nel pubblico impiego nella sentenza del 26 agosto 2015 n. 4017.

 
 
Condividi la notizia

23 aprile 2016
Riforma | I punti principali sullo schema del Testo Unico nel parere della Commissione Speciale n. 968 del 21.4.2016.

 
 
Condividi la notizia

19 maggio 2016
Riforma | Giudizio positivo, ma permangono alcuni rilievi sullo schema di decreto legislativo.

 
 
Condividi la notizia

16 ottobre 2016
Riforma | La sintesi con i punti principali e il testo per esteso del parere n. 2113 del 14.10.2016.

 
 
Condividi la notizia

10 aprile 2015
Giustizia amministrativa | Il mancato rispetto degli obblighi relativi al pagamento delle imposte e tasse definitivamente accertato impedisce la partecipazione alla procedura d'appalto.

 
 
Condividi la notizia

13 febbraio 2015
politica e socialnetwork | Gli atti d'indirizzo della politica debbono concretarsi nella dovuta forma tipica dell'attività della pubblica amministrazione. La sentenza del 12 febbraio 2015 sui "cinguettii" dei Ministri.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.