Condividi la notizia

Renzi e Sindacati sul Jobs act

L'ottimismo del Premier, l'intransigenza della Cgil, la cauta apertura di Cisl e Uil

Nell'incontro svoltosi a Palazzo Chigi e' stata confermata la diversa posizione delle maggiori sigle sindacali nei rapporti col Governo.

Come previsto, il Premier ha incontrato, in riunioni distinte, i rappresentanti dei sindacati e delle imprese. Renzi era accompagnato dal Sottosegretario Del Rio e dai Ministri Poletti, Padoan e Madia. Alla fine dell’incontro con Cgil, Cisl, Uil e Ugl - rappresentati rispettivamente da Camusso, Furlan, Angeletti e Mancini- le dichiarazioni del Presidente del Consiglio sono sembrate improntate ad un certo ottimismo, anche in considerazione del fatto che è già stato fissato un nuovo incontro per il 27 ottobre.

Per Renzi si sono registrati “sorprendenti punti di intesa”; mentre la leader della Cgil Susanna Camusso ha fatto sapere di non essere soddisfatta. Cauta apertura, invece, da Anna Maria Furlan della Cisl e Angeletti della Uil.

Nella successiva conferenza stampa, il Premier e segretario del PD ha sottolineato di essere sempre disponibile ad ascoltare le opinioni di tutti: “miglioriamo se c’è da migliorare ma il Paese deve cambiare e non ci faremo bloccare da veti e da opinioni negative”, ha detto Renzi.

“I sindacati ci hanno chiesto la possibilità di dialogo e l’abbiamo dato”, ha ribadito il Presidente del Consiglio, ma “la questione di fiducia attiene ai lavori parlamentari. E’ chiaro che avendo promesso di fare le riforme, le faremo e le stiamo facendo”, ha continuato Renzi, il quale ha confermato che mercoledì il Senato voterà sulla mozione di fiducia che il Governo pone sulla riforma del lavoro, sottolineando che non teme agguati da parte della minoranza PD.

E’ anche stato precisato che, nell’incontro con le organizzazioni sindacali e poi con le imprese, è stata presentata la versione corretta dell’art.18, che contiene alcune richieste della parte “del mio partito che non sta con me” ha evidenziato il segretario del Partito Democratico. In particolare, si conferma il reintegro per i licenziamenti discriminatori, mentre per quelli “disciplinari” servirà “la specifica della fattispecie”.

Il capo del Governo ha confermato che nell’emendamento sarà compresa anche la regolamentazione della rappresentanza sindacale e l’ampliamento della contrattazione decentrata e aziendale.

Come si è detto, la Cgil ha mantenuto fermo il suo atteggiamento negativo sul progetto complessivo del Governo, mentre Cisl e Uil hanno ammesso di aver riscontrato una certa disponibilità al confronto da parte dell’Esecutivo, per il fatto che siano già stati fissati altri incontri anche con il Ministro del Lavoro Poletti, per discutere del contenuto della delega e dei decreti attuativi.

Se mai ce ne fosse stato bisogno, in sostanza, l’incontro di questa mattina ha confermato che le maggiori organizzazioni sindacali hanno posizioni molto diverse, in relazione al rapporto da tenere con il Governo.

Infine, si segnala che Matteo Renzi, nel confronto con le parti sociali, ha fatto presente che “ci sono tre stabilimenti da salvare urgentemente”, in riferimento a Termini Imerese,  all’Ilva di Taranto e all’Ast di Terni.

 

Moreno Morando

(7 ottobre 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

22 settembre 2014
Appuntamenti politici | Si partira' con una nuova votazione per la Consulta e per il Csm, poi iniziera' l'esame del jobs act; mentre PD, sindacato e centrodestra appaiono piu' che mai divisi.

 
 
Condividi la notizia

7 marzo 2015
Riforma Lavoro | In vigore i primi due decreti attuativi del Jobs Act. Il d.lgs. n. 22/2015 e il d.lgs. n. 23/2015 ambedue in attuazione della legge n.183/2014

 
 
Condividi la notizia

18 settembre 2014
Mercato del lavoro | Via libera della Commissione di Palazzo Madama al jobs act, compreso l'emendamento che introduce il contratto a tutele crescenti e, quindi, la contestatissima modifica della norma.

 
 
Condividi la notizia

21 febbraio 2015
Lavoro | Le novità contenute nei decreti legislativi approvati dal Consiglio dei Ministri n. 51 del 20 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

14 giugno 2015
Consiglio dei Ministri | Due provvedimenti sono stati adottati in via definitiva; gli altri quattro "in esame preliminare'.

 
 
Condividi la notizia

12 ottobre 2015
Lavoro autonomo | Per il Dipartimento delle Finanze, la tendenza degli effetti derivanti dalle nuove forme contrattuali sembra favorire la costituzione di rapporti di lavoro dipendente.

 
 
Condividi la notizia

3 dicembre 2014
Riforme | Con 166 voti favorevoli, 112 contrari e 1 astenuto, l'Assemblea ha approvato in via definitiva il disegno di legge rinnovando la fiducia al Governo.

 
 
Condividi la notizia

17 gennaio 2015
Riforma del Lavoro | Celebrati dal Ministro del Lavoro i primi quindici anni della Facoltà di Economia di Roma dell'Università Cattolica.

 
 
Condividi la notizia

5 agosto 2015
Welfare | Il Decreto Legislativo 15 giugno 2015 n.80 attua la delega prevista dalla Legge n.183/2014.

 
 
Condividi la notizia

5 settembre 2015
Consiglio dei Ministri | L'Esecutivo ha dato il via libera a quattro provvedimenti, che comprendono anche i controlli a distanza e lo stop alle dimissioni in bianco.

 
 
Condividi la notizia

23 settembre 2015
Gazzetta Ufficiale | Pubblicati nella G.U. n. 221 del 23 settembre, Suppl. Ord. n. 53, i Decreti Legislativi approvati dal Governo nella riunione del 4 settembre scorso.

 
 
Condividi la notizia

20 giugno 2015
riforma del lavoro | Intervento del Ministero del Lavoro sul decreto semplificazioni del Jobs Act.

 
 
Condividi la notizia

22 settembre 2014
Polemiche sul Jobs act | Nel giorno in cui la tensione fra le parti e' ulteriormente aumentata, il Capo dello Stato ha invitato a superare "conservatorismi, corporativismi e ingiustizie"

 
 
Condividi la notizia

21 giugno 2014
Lavoro | I ricorrenti sostengono che il "decreto Poletti" violerebbe il diritto comunitario abolendo l'obbligo di indicare la causale nelle proroghe dei contratti a termine

 
 
Condividi la notizia

18 giugno 2015
Ministero del Lavoro | Con una nota del 18 giugno il Dicastero ha risposto alle contestazioni di parte politica e sindacale a seguito dei provvedimenti del CdM.

 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.