Condividi la notizia

Corte dei Conti

Dove finiscono i soldi che paghiamo per il bollo auto...a volte in tasca ai privati

Titolare di agenzia di pratiche auto intascava la tassa automobilistica come se nulla fosse. Condannata a risarcire 545.960,36 euro all'Agenzia delle Entrate.

Siamo in Sardegna, nel Comune di Torralba (OR) ed al centro della vicenda giudiziaria finata davanti alla Corte Conte, troviamo la titolare di un’Agenzia di pratiche automobilistiche che dal 2000 al giugno 2006 gestiva il servizio di riscossione delle tasse automobilistiche, "dimenticandosi" però di versare parte dei proventi, per un importo complessivo pari a 666.738,59 euro. Dopo la contestazione del mancato versamento, aveva pagato solo 120.778,23 euro.

La Corte dei Conti, Seconda Sezione Centrale d’Appello, con la sentenza n. 618/2014 del 21 ottobre ha confermato la condanna al risarcimento di 545.960,36 € per signora che in appena 6 anni aveva incassato parte del bollo auto pagato dagli ignari automobilisti.

I soldi ora andranno all’Agenzia dell’Entrate, Direzione regionale per la Sardegna, dopo che la titolare dell’agenzia ha provato a discolparsi a seguito della condanna in primo grado, adducendo di non aver mai rivestito la figura di agente contabile e che “il denaro movimentato dall’appellante non [avesse] natura pubblica, ma natura privatistica”.

Nulla da fare, niente scuse.

La procura ha centrato nel segno, seguita nelle argomentazioni anche dai giudici contabili.

La titolare nel 1999 aveva aderito alla convenzione approvata da Ministero delle Finanze per lo svolgimento del servizio di riscossione delle tasse automobilistiche, chiedendo il collegamento telematico per la riscossione, e garantendo per i rispettivi obblighi.

Da tempo i giudici hanno chiarito che “elementi necessari e sufficienti perché un soggetto rivesta la qualifica di agente contabile, ai fini della sussistenza della giurisdizione della Corte dei Conti in materia di responsabilità contabile (artt. 74 RD n. 2440/1923, 178 e 610 RD n. 827/1924), sono soltanto il carattere pubblico dell'ente per il quale tale soggetto agisca e del denaro o del bene oggetto della sua gestione”.

Resta invece irrilevante il titolo in base al quale la gestione è svolta, che può consistere in un rapporto di pubblico impiego o di servizio, in una concessione amministrativa, in un contratto o perfino mancare del tutto, potendo il relativo rapporto modellarsi indifferentemente secondo gli schemi generali, previsti o disciplinati dalla legge, ovvero discostarsene in tutto o in parte”.

La signora titolare dell’agenzia, quindi, secondo i giudici era un “agente contabile” (dal 2000 al 2006), come tale, soggetto alla responsabilità contabile.

Maneggiare beni e valori di pubblica pertinenza ha fatto sorgere la responsabilità dovuta alla “condotta gravemente colposa (…) raggiunta ogniqualvolta si dimostri e resti accertata la violazione dell’obbligo di restituzione senza che sussista alcuna ragionevole giustificazione o circostanza impeditiva”.

Luca Tosto

(31 ottobre 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

4 giugno 2014
Economia | Presentato il rapporto 2014 della Corte dei Conti sulla finanza pubblica. Pesa la pressione fiscale sull'economia del Paese. Oltre 50 miliardi di euro all'anno il sommerso.

 
 
Condividi la notizia

15 aprile 2016
Opportunità | Tre sessioni annuali presso la sede in Lussemburgo, da febbraio a settembre, destinati a giovani laureati. Candidature dal 1 maggio al 1 settembre 2016.

 
 
Condividi la notizia

3 novembre 2014
Danno erariale | Il caporal maggiore disertava e truffava l'Amministrazione. I certificati medici lo incastrano.

 
 
Condividi la notizia

13 ottobre 2014
Responsabilità erariale | L'esercizio dell'azione di danno erariale tra ipotesi e "notizie di danno”".

 
 
Condividi la notizia

2 luglio 2016
Legittimità e regolarità | Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la Delibera delle Sezioni Riunite.

 
 
Condividi la notizia

11 agosto 2016
Riforma | Approvato dal Consiglio dei Ministri il decreto legislativo. Le novità in sintesi.

 
 
Condividi la notizia

10 aprile 2014
Istituto Luce | La veste giuridica di S.r.l. non basta ad evitare la sottoposizione a controllo del giudice contabile se la gestione della società grava sul bilancio dello Stato

 
 
Condividi la notizia

31 marzo 2016
Piove sempre sul bagnato! | I limiti e le condizioni del nuovo istituto nella deliberazione n. 27/2016/PAR della Sezione Regionale di Controllo per l'Emilia Romagna.

 
 
Condividi la notizia

5 giugno 2014
Danno erariale | La Corte dei conti chiarisce la vicenda.

 
 
Condividi la notizia

17 ottobre 2014
Danno erariale | Una condotta gravemente colposa nell'utilizzo delle risorse finanziare per la collettività.

 
 
Condividi la notizia

21 gennaio 2015
Lotta alla corruzione | Avviata l'iniziativa di cooperazione e coordinamento per contribuire ad arginare il fenomeno corruttivo.

 
 
Condividi la notizia

10 marzo 2015
Danno erariale | In servizio all'ufficio denunce percepiva soldi per l’'emissione del permesso provvisorio di guida. I principi sanciti nella sentenza n. 22/2015.

 
 
Condividi la notizia

30 aprile 2015
Danno erariale | Il principio del nè bis in idem. Una precedente "archiviazione" non impedisce una nuova citazione.

 
 
Condividi la notizia

11 agosto 2015
Conflitto di interessi | Non sempre risparmiare sull'avvocato giova.

 
 
Condividi la notizia

29 maggio 2016
Dipartimento del Tesoro | Firmato il Protocollo d'Intesa per rafforzare il monitoraggio e il controllo.

 
 
 
 
 
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.