Condividi la notizia

Danno erariale

Impossibile essere giudicati due volte per gli stessi fatti davanti alla Corte dei Conti?

Il principio del nè bis in idem. Una precedente "archiviazione" non impedisce una nuova citazione.

La Procura della Corte dei conti, sezione giurisdizionale del Lazio, ha citato in giudizio il dirigente p.t. del servizio sociale di un Comune laziale (oltre al relativo assessore al ramo) per sentirlo condannare (in solido con il politico) al risarcimento del danno erariale di euro 241.018,18, composto da un danno “da tangente” pari ad euro 100.600,00 e dal pagamento di un debito fuori bilancio di euro 140.418,18.

Secondo la tesi accusatoria il predetto danno era ricollegabile, quanto al danno da tangente (euro 100.600,00), a presunte irregolarità nella predisposizione, aggiudicazione e gestione della gara di appalto per la fornitura di pasti destinati alle mense scolastiche e, in ordine al danno di euro 140.418,18, al pagamento di un debito fuori bilancio costituito da transazioni e pagamenti di onorari di avvocati per inadempimenti contrattuali da parte della ditta appaltatrice nei confronti di fornitori e dipendenti.

Più precisamente, si contestava al dirigente e all’assessore di aver illegittimamente adottato (o indotto ad adottare) la determinazione di aggiudicazione definitiva dell’appalto mense scolastiche a favore della ditta che poi è stata incaricata di svolgere il servizio.

In via preliminare, il dirigente ha eccepito la decadenza dell’azione della Procura ex art. 5 del d.l. n. 453/1993, consistente nel fatto che, anteriormente all’atto di citazione introduttivo del giudizio, la Procura stessa gli aveva notificato (il 23.11.2009) un precedente invito a dedurre sugli stessi fatti poi contestati, conclusosi con l’archiviazione: per cui l’atto di citazione successivo sarebbe inammissibile avendo l’Organo requirente esaurito l’esercizio dell’azione, il cui rinnovo non era giustificato da alcun novum sopravvenuto, atteso che l’esistenza di un procedimento penale (per corruzione e a carico degli stessi soggetti) era già conosciuta dalla Procura al momento della notifica del primo invito a dedurre.

Il Collegio chiamato a giudicare, ha stabilito, con sentenza n. 228 del 22 aprile 2015, l’infondatezza dell’eccezione. La Corte ha infatti premesso che il divieto del ne bis in idem, cioè dell'impossibilità di giudicare un medesimo soggetto per gli stessi fatti per i quali è stato già destinatario di una pronuncia giurisdizionale, costituisce principio fondamentale del nostro ordinamento giuridico operante in ogni tipo di processo.

Ma l’operatività del principio è legata, appunto, alla preesistenza di una pronuncia (passata in giudicato) che faccia stato sulla causa petendi e sul petitum della domanda introduttiva del giudizio, che cioè abbia un contenuto decisorio nel merito della domanda attorea.

 Poiché nella specie non vi è stata alcuna pronuncia sulla dedotta responsabilità del convenuto, il Procuratore regionale, nei limiti del termine di prescrizione entro il quale poteva esercitare la propria azione (nella specie rispettato), ben poteva reiterare l’iniziativa di evocare in giudizio il convenuto senza incorrere nel divieto del ne bis in idem (Cass. n. 14057/2008, n. 15578/2006, Sez. Lazio n. 312/2014).

Per la cronaca, i due convenuti sono stati ritenuti responsabili del danno erariale procurato all’Ente e, quindi, nei loro confronti è stata pronunciata sentenza di condanna al risarcimento, in conformità alla richiesta accusatoria.

Rodolfo Murra

(30 aprile 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

13 ottobre 2014
Responsabilità erariale | L'esercizio dell'azione di danno erariale tra ipotesi e "notizie di danno”".

 
 
Condividi la notizia

5 luglio 2015
GIUSTIZIA CONTABILE | Impossibilità oggettiva di utilizzare il personale interno della P.A. e legittimità dell'istruttoria avviata sulla base di articoli di stampa nei principi sanciti nella sentenza n. 36/2015.

 
 
Condividi la notizia

18 luglio 2015
Giustizia contabile | Punita una società ed il suo 'dominus occulto' per il mancato versamento nelle casse comunali dei tributi riscossi. Condannati anche gli amministratori di diritto.

 
 
Condividi la notizia

5 settembre 2014
Danno all'immagine e all'erario | La Corte dei Conti ha affermano la responsabilità di un dipendente dell'Agenzia delle Entrate.

 
 
Condividi la notizia

21 dicembre 2014
Processo contabile | La Corte dei Conti con sentenza del 18 dicembre ha dichiarato inammissibile l'atto di citazione.

 
 
Condividi la notizia

4 giugno 2014
Economia | Presentato il rapporto 2014 della Corte dei Conti sulla finanza pubblica. Pesa la pressione fiscale sull'economia del Paese. Oltre 50 miliardi di euro all'anno il sommerso.

 
 
Condividi la notizia

3 novembre 2014
Danno erariale | Il caporal maggiore disertava e truffava l'Amministrazione. I certificati medici lo incastrano.

 
 
Condividi la notizia

2 luglio 2016
Legittimità e regolarità | Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la Delibera delle Sezioni Riunite.

 
 
Condividi la notizia

11 agosto 2016
Riforma | Approvato dal Consiglio dei Ministri il decreto legislativo. Le novità in sintesi.

 
 
Condividi la notizia

5 giugno 2014
Danno erariale | La Corte dei conti chiarisce la vicenda.

 
 
Condividi la notizia

10 marzo 2015
Danno erariale | In servizio all'ufficio denunce percepiva soldi per l’'emissione del permesso provvisorio di guida. I principi sanciti nella sentenza n. 22/2015.

 
 
Condividi la notizia

11 agosto 2015
Conflitto di interessi | Non sempre risparmiare sull'avvocato giova.

 
 
Condividi la notizia

20 ottobre 2014
Corte dei Conti | Condannato un dirigente dell'Ufficio Notificazione Esecuzione e Protesti della Corte di appello di Catanzaro a restituire (per ora) 148.650,27 euro.

 
 
Condividi la notizia

26 luglio 2017
Corte dei conti | Gli elevatissimi requisiti di professionalità ed esperienza nella sentenza del giudice contabile.

 
 
Condividi la notizia

22 agosto 2014
Danno erariale | Una storia all'italiana, la superficialità una della nostre caratteristiche migliori che anche l'ordinamento non riesce ad arginare.

 
 
 
 
 
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.