Condividi la notizia

Suprema Corte

Appalti: il collaudo positivo fa scattare il pagamento e la prescrizione

La sentenza della Cassazione sul dies a quo del termine di prescrizione del diritto ad ottenere il corrispettivo.

In materia di appalto di opera pubblica il diritto dell’appaltatore ad ottenere il pagamento della rata del saldo delle opere realizzate, nonché gli eventuali compensi aggiuntivi (come quelli relativi alla revisione prezzi), sorge in seguito all’esito positivo del collaudo, ciò perché quest’ultimo vale come accettazione dell’opera da parte della stazione appaltante, essendo estraneo all’appalto di opera pubblica il momento della consegna così come invece conosciuto, in generale, dalla disciplina civilistica (artt. 1665 e 1667 c.c.).

Questo il principio di diritto affermato dalla Suprema Corte di Cassazione, Sezione Prima, che con sentenza depositata il 6 agosto 2015 n. 16550 ha deciso il ricorso proposto da un Comune calabrese a margine di una annosa vicenda di un’opera pubblica ultimata addirittura nel 1974 e collaudata nel giugno del 1988 (ad onta delle raccomandazioni, sovente pervenute anche dalla stessa giurisprudenza civile – cfr. Cass. n. 132 del 2009 – per le quali l’approvazione del collaudo deve intervenire in un arco di tempo compreso nei limiti della tollerabilità e delle normali esigenze di definire il rapporto senza ritardi ingiustificati).

Dal principio sopra enunciato la Corte ha fatto scaturire la propria decisione sul ricorso, che riguarda la tempestività o meno dell’azione promossa (solo nel 1993) dall’appaltatore per ottenere il saldo del corrispettivo pattuito. Nel senso che il termine prescrizionale decorre comunque dal momento di approvazione del collaudo, a nulla rilevando (anche nel regime anteriore alla L. n. 741 del 1981, come nella specie) il ritardo infinito che ha caratterizzato la conclusione delle operazioni di collaudo ovvero se l’esito dello stesso sia stato comunicato o meno: la circostanza che non operasse alcun termine legale per concludere il collaudo non precludeva alle parti di fissarlo consensualmente e, così, di predeterminare il relativo tempo.

Aver agito a distanza di quindici anni dal collaudo ha condotto quindi alla declaratoria di prescrizione del diritto.

Fonte: Corte di Cassazione

Rodolfo Murra

(29 agosto 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

12 luglio 2016
Corte di Cassazione | La prescrizione è decennale solo se c'è una sentenza passata in giudicato. I principi sanciti nell'ordinanza n. 12715/2016.

 
 
Condividi la notizia

5 luglio 2016
Deontologia forense | In caso di condotta protratta nel tempo il termine di prescrizione non decorre. I principi sanciti dalle Sezioni Unite della Corte di Cassazione nella sentenza n. 13379/2016.

 
 
Condividi la notizia

16 settembre 2014
Reati contro l'ordine pubblico | La Prima Sezione della Corte di Cassazione ha affermato che il “saluto romano” e l'intimazione del coro "presente" effettuato durante una manifestazione pubblica integrano condotte idonee a determinare il pericolo di riorganizzazione del partito fascista.

 
 
Condividi la notizia

19 febbraio 2016
Borse taroccate | I principi sanciti dalla Corte di Cassazione nella sentenza n. 1108/2016.

 
 
Condividi la notizia

17 novembre 2016
Giustizia | I principi sanciti nella sentenza della Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione del 16.11.2016.

 
 
Condividi la notizia

25 luglio 2017
Enti Locali | La sentenza depositata in data 20 luglio 2017 dalla Sezione Sesta Penale della Corte di Cassazione.

 
 
Condividi la notizia

14 dicembre 2014
Edilizia | Interventi ulteriori, anche di frazionamento o accorpamento, su immobili abusivi ripetono le caratteristiche di illegittimità dall'opera principale alla quale ineriscono strutturalmente. Il principio espresso dalla Terza Sezione Penale nella sentenza dell'11.12.2014.

 
 
Condividi la notizia

22 agosto 2015
Diritti reali | Il C.N.N. ha analizzato i contenuti della sentenza n. 23704/2014 della Suprema Corte di Cassazione.

 
 
Condividi la notizia

5 ottobre 2016
Fiscalità Enti Locali | I principi sanciti nella sentenza della Quinta Sezione della Corte di Cassazione n. 18057/2016.

 
 
Condividi la notizia

1 febbraio 2015
Lavoro pubblico | I principi sanciti dalla Corte di Cassazione Quarta Sezione Lavoro sentenza n. 27481 del 30.12.2014.

 
 
Condividi la notizia

16 novembre 2016
Fiscalità | I principi sanciti dalla Quinta Sezione della Corte di Cassazione nella sentenza del 9 novembre 2016.

 
 
Condividi la notizia

22 febbraio 2016
responsabilità Professionale | Per il "consenso informato" "occhio" ai moduli da far sottoscrivere ai pazienti. La sentenza della Corte di Cassazione n. 2177/2016.

 
 
Condividi la notizia

28 aprile 2016
Graffitismo | La particolare tenuità del fatto nei principi sanciti nella sentenza dalla Sezione Seconda della Corte di Cassazione n. 16371/2016.

 
 
Condividi la notizia

6 ottobre 2016
Diritto di satira | Assolto il condomino che distribuiva volantini con la caricatura in Pinocchio dell'amministratore condominiale. La sentenza della Corte di Cassazione n. 41785 del 5.10.2016.

 
 
Condividi la notizia

20 marzo 2016
Abolitio criminis | La soglia di rilevanza penale stabilita dall'art. 3 d.lgs. 15/1/2016 n. 8 nella sentenza della Corte di Cassazione n. 11376/2016.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.