Condividi la notizia

Diritto di accesso

Il Durc è mio!

La curiosa controversia tra una Cassa edile ed il suo ex Presidente. La sentenza del Consiglio di Stato del 17.4.2015.

Il Consiglio di Stato, chiamato ad occuparsi di una controversia davvero singolare in materia di diritto di accesso, ribadisce in parte principi pacifici ma non risolve tutti i dubbi che gli erano stati sottoposti.

La vicenda è la seguente: un ex presidente di una Cassa Edile, avendo interesse a ricostruire la consistenza dell’attività prestata a favore dell’Ente, onde richiedere – eventualmente anche in via giudiziale – il pagamento delle conferenti spettanze economiche, faceva istanza di accesso per ottenere copia di tutti i DURC sottoscritti e rilasciati. La Cassa replicava comunicandogli il numero (peraltro approssimativo) dei documenti ma non intendeva rilasciargliene copia.

Il TAR Toscana adito dall’ex presidente riteneva non sussistere un diritto soggettivo ad acquisire la copia dei singoli DURC una volta che l’interessato era stato messo a conoscenza del loro numero, allegando anche il fatto che il rilascio dei relativi documenti vede il presidente della Cassa limitarsi ad un’attività di sottoscrizione senza svolgere alcuna istruttoria al riguardo.

I giudici di appello hanno osservato che in tema di accesso è sufficiente che la documentazione richiesta costituisca in astratto un mezzo utile per la difesa dell'interesse giuridicamente rilevante, essendo l'accesso diretto al conseguimento di un autonomo bene della vita, apprezzabile a prescindere dall’ammissibilità e fondatezza della pretesa sottostante cui esso si correla. La giurisprudenza è consolidata, del resto, nel senso che l’autonomia del diritto di accesso rispetto alla sottostante situazione soggettiva (cfr. C.d.S., Ad.Pl., 24 aprile 2012, n. 7) impone di prescindere da una verifica ex ante della fondatezza della eventuale controversia che la parte richiedente intenderebbe in prospettiva promuovere avvalendosi degli atti domandati in ostensione (cfr. C.G.A., 25 gennaio 2013, n. 44), in quanto non compete certo all’Amministrazione, richiesta in concreto di dare accesso, compiere apprezzamenti in ordine alla fondatezza della relativa pretesa sostanziale (cfr. ad es. C.d.S., IV, 6 agosto 2014, n. 4209; VI, 28 marzo 2013, n. 1835). 

Tuttavia nel singolo caso di specie la V Sezione del Consiglio di Stato, con la sentenza del 17 aprile 2015, pur opinando che, quanto meno in linea astratta, il diritto ad acquisire copia dei DURC potrebbe sussistere, ha affermato che da parte dell’appellante non è stata fatta constare, invero, l’esistenza di un puntuale e specifico interesse alla materiale ostensione dei “singoli” D.U.R.C. firmati, la cui consegna peraltro dovrebbe essere preceduta dall’attivazione del contraddittorio con le parti controinteressate, per la doverosa tutela della loro riservatezza. La parola fine, quindi, nella contesa tra l’ex Presidente e la Cassa Edile toscana, non è ancora stata scritta.

Rodolfo Murra

(19 aprile 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

9 aprile 2018
TAR CALABRIA | Ribadita, in una fattispecie in materia di edilizia, l'autonomia dell'azione per ottenere l'accesso agli atti.

 
 
Condividi la notizia

15 marzo 2015
Giustizia Amministrativa | Acquista valenza di documento e non è corrispondenza privata l'e-mail inviata al Presidente di un'Ente se il Presidente ha poi provveduto a rendere edotti gli uffici dell'amministrazione dell'esistenza di tale informativa.

 
 
Condividi la notizia

8 aprile 2016
Spese rappresentanza | Il TAR contempera il diritto di accesso di due consiglieri comunali - che hanno presentato istanza per ottenere tutte le spese sostenute dall'ex Sindaco - con le esigenze di non aggravamento dell'apparato amministrativo. Necessaria l'indicazione di quali tipo di spese assoggettare a richiesta.

 
 
Condividi la notizia

20 marzo 2015
Motivazione | I principi stabiliti dal Consiglio di Stato nella sentenza del 20 marzo 2015. E' sufficiente che l'atto sia acquisibile utilizzando il procedimento di accesso ai documenti.

 
 
Condividi la notizia

15 aprile 2015
Giustizia amministrativa | Senza attualità l'azione giudiziale integra un abuso del diritto per lite temeraria e responsabilità aggravata. I principi sanciti nella sentenza della Quarta Sezione del Consiglio di Stato del 14.4.2015.

 
 
Condividi la notizia

10 aprile 2015
Giustizia amministrativa | Il mancato rispetto degli obblighi relativi al pagamento delle imposte e tasse definitivamente accertato impedisce la partecipazione alla procedura d'appalto.

 
 
Condividi la notizia

9 febbraio 2015
Appalti | Euro 343.455,51 di risarcimento del danno da mancata aggiudicazione e danno curriculare nella sentenza del Consiglio di Stato del 9 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

13 aprile 2015
Giustizia Amministrativa | I principi sanciti nella sentenza del TAR Friuli Venezia Giulia del 10.4.2015 n. 176.

 
 
Condividi la notizia

8 dicembre 2014
Abuso del Processo | La sentenza del 5 dicembre sui presupposti per l'applicazione della sanzione pecuniaria prevista dell'art. 26 del codice del processo amministrativo come novellato dal D.L. n. 90/2014.

 
 
Condividi la notizia

24 marzo 2015
Contratti pubblici | Il rapporto tra la normativa generale in tema di accesso e quella particolare dettata in materia di contratti pubblici nei principi sanciti nella sentenza della Quinta Sezione del 24 marzo 2014.

 
 
Condividi la notizia

28 aprile 2015
Agcom | I principi sanciti nella sentenza del Consiglio di Stato del 27.4.2015, n. 2156.

 
 
Condividi la notizia

7 maggio 2016
Riforma | I punti principali evidenziati dal Consiglio di Stato, Commissione Speciale, nel parere del 3 maggio 2016 n. 1075.

 
 
Condividi la notizia

26 aprile 2015
Concorsi | La sentenza della Terza Sezione del Consiglio di Stato del 24.4.2015.

 
 
Condividi la notizia

20 aprile 2015
Pubblica amministrazione | Il giudizio di ottemperanza nei principi sanciti nella sentenza della Quinta Sezione del Consiglio di Stato del 20 aprile 2015, n. 2002.

 
 
Condividi la notizia

6 giugno 2017
TAR VALLE D'AOSTA | Le parti dell'offerta tecnica coperte da segreto sono accessibili agli altri concorrenti?

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.