Condividi la notizia

Giustizia amministrativa

Il tempo vola e trasforma il diritto di accesso in una mera curiosità

Senza attualità l'azione giudiziale integra un abuso del diritto per lite temeraria e responsabilità aggravata. I principi sanciti nella sentenza della Quarta Sezione del Consiglio di Stato del 14.4.2015.

Una bizzarra vicenda è giunta all'attenzione del Consiglio di Stato, il quale ha dovuto esaminare la richiesta di accesso presentata da un ufficiale dell'esercito, diretta ad ottenere copia dei documenti relativi ad una procedura concorsuale svoltasi quarant'anni fa.
 
Nel 2012 l'ufficiale presentava tale istanza all'Accademia Militare, motivandola con riferimento alla necessità di tutela di propri interessi in sede di ricorso straordinario al Presidente della Repubblica. Per l'ufficiale i documenti consegnati dall'Accademia non erano sufficienti ed iniziava così, senza successo, un'escalation giudiziale che vedeva dapprima investita della vicenda la Commissione per l'Accesso ai Documenti Amministrativi, poi il TAR ed ora il Consiglio di Stato.
 
Davanti al Consiglio di Stato l'Ufficiale sostiene di aver diritto di accedere agli atti amministrativi in contestazione, in quanto da essi potrebbe far emergere una più consona ricostruzione della propria carriera militare e, quindi, di poter oggi adire il Giudice del Lavoro al fine di ottenere un risarcimento dei danni morali e patrimoniali da perdita di chance, non avendo potuto intraprendere legittimamente una carriera nell’Arma dei Carabinieri.
 
Una tale motivazione, però, non convince la Quarta Sezione del Consiglio di Stato, che anzi parla di temerarietà della lite eventualmente intrapresa solo oggi dall'ufficiale contro i provvedimenti concorsuali di quarant'anni fa.
 
"L’attualità e la concretezza dell’interesse, da tutelare mediante l’accesso, non possono ritenersi sussistenti qualora l’istante si attivi a distanza di molti anni dalla formazione dei provvedimenti di cui si richiede l’ostensione: in effetti, stante l’impossibilità di esercizio dell’azione giurisdizionale - o, meglio, la temerarietà della lite eventualmente instaurata -, può affermarsi, che l’esercizio dell’accesso si risolverebbe in una mera curiosità, non tutelata dall’ordinamento".
 
È questo il principio sancito dalla Quarta Sezione del Consiglio di Stato che nella sentenza del 14.4.2015 ha precisato come la validità della graduatoria del concorso non è, ormai, più contestabile e di conseguenza, risulta pretestuoso il richiamo alle chance professionali e morali per obbligare l’amministrazione ad esibire una documentazione che, dagli atti prodotti, risulta di incerta esistenza. 
 
Ugualmente, un’azione diretta ad ottenere un risarcimento dei danni patiti per un asserito scorretto esercizio della discrezionalità da parte della commissione in sede di valutazione delle prove concorsuali eseguite nel 1975, potrebbe configurare un abuso del diritto di azione connesso al carattere temerario della lite ed alla responsabilità aggravata ai sensi dell’art. 96 c.p.c., oltre che contrario ai principi di economia processuale, affidamento e ragionevolezza.
 
Per acquisire gratuitamente il testo della sentenza richiederla via mail a info@gazzettaamministrativa.it
 
Enrico Michetti

La Direzione

(15 aprile 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

22 gennaio 2017
Riforme | Il parere sul quesito posto dal Ministero per la semplificazione e la pubblica amministrazione.

 
 
Condividi la notizia

13 febbraio 2015
politica e socialnetwork | Gli atti d'indirizzo della politica debbono concretarsi nella dovuta forma tipica dell'attività della pubblica amministrazione. La sentenza del 12 febbraio 2015 sui "cinguettii" dei Ministri.

 
 
Condividi la notizia

20 aprile 2015
Pubblica amministrazione | Il giudizio di ottemperanza nei principi sanciti nella sentenza della Quinta Sezione del Consiglio di Stato del 20 aprile 2015, n. 2002.

 
 
Condividi la notizia

9 febbraio 2015
Appalti | Euro 343.455,51 di risarcimento del danno da mancata aggiudicazione e danno curriculare nella sentenza del Consiglio di Stato del 9 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

28 aprile 2015
Agcom | I principi sanciti nella sentenza del Consiglio di Stato del 27.4.2015, n. 2156.

 
 
Condividi la notizia

26 aprile 2015
Concorsi | La sentenza della Terza Sezione del Consiglio di Stato del 24.4.2015.

 
 
Condividi la notizia

19 aprile 2015
Diritto di accesso | La curiosa controversia tra una Cassa edile ed il suo ex Presidente. La sentenza del Consiglio di Stato del 17.4.2015.

 
 
Condividi la notizia

22 maggio 2015
Giustizia amministrativa | I principi sanciti dal Consiglio di Stato, Sezione Quinta, nella sentenza del 22.5.2015 n. 2580.

 
 
Condividi la notizia

29 ottobre 2015
Ius sepulchri | Per il Consiglio di Stato nessuna preclusione all'esercizio dei poteri autoritativi da parte della Pubblica amministrazione concedente.

 
 
Condividi la notizia

3 giugno 2015
Giustizia amministrativa | L'interpretazione dell'art. 1 della Legge n. 196 del 2009 nella sentenza della Sesta Sezione del Consiglio di Stato.

 
 
Condividi la notizia

6 giugno 2017
TAR VALLE D'AOSTA | Le parti dell'offerta tecnica coperte da segreto sono accessibili agli altri concorrenti?

 
 
Condividi la notizia

9 aprile 2018
TAR CALABRIA | Ribadita, in una fattispecie in materia di edilizia, l'autonomia dell'azione per ottenere l'accesso agli atti.

 
 
Condividi la notizia

1 marzo 2016
Disabili | Annullato il DPCM n. 159/2013. I trattamenti assistenziali, previdenziali ed indennitari non vanno calcolati ai fini ISEE.

 
 
Condividi la notizia

16 maggio 2014
Angelo Rughetti, Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, annuncia gli obiettivi della riforma per la P.A. | Ruolo unico della Dirigenza e carriera a termine | Licenziamento del Dirigente privo di incarico | Valutazione dei risultati non del singolo ma del gruppo | Retribuzione di risultato subordinata all’andamento dell’economia | Trasparenza e semplificazione attraverso gli open-data | Una sola scuola nazionale della Pubblica Amministrazione | Gestione manageriale dei poli museali | Le incompatibilità dei Giudici Amministrativi | Apertura del Governo all’ascolto di cittadini e dipendenti pubblici

 
 
Condividi la notizia

27 agosto 2015
Concorsi | Il possesso dei requisiti psico-fisici dei candidati a posti nel pubblico impiego nella sentenza del 26 agosto 2015 n. 4017.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.