Condividi la notizia

Pubblico impiego e giurisdizione

Decadenza del Direttore generale dell'Ater: chi giudica sull'impugnativa?

La pronuncia del Consiglio di Stato fa chiarezza sullo spartiacque della potestas iudicandi.

Nel 2012 l’Azienda territoriale per l’edilizia residenziale pubblica di una Provincia laziale nominava il proprio Direttore Generale per un quinquennio, con contratto disciplinato dall’art. 11 secondo comma della L. reg. Lazio 3 settembre 2002 n. 30.

L’anno dopo l’Azienda veniva commissariata ed il commissario straordinario, in ciò sollecitato dalla Regione, dichiarava la decadenza dall’incarico di direttore generale, quando il quinquennio previsto non era per sua durata non era ancora scaduto.

L’ex Direttore proponeva ricorso al TAR contro il provvedimento commissariale, sul quale il Collegio declinava la propria giurisdizione.

La sentenza affermava, infatti, che, in quanto concernente «la decadenza automatica dalla carica di direttore generale di un’azienda sanitaria a seguito del rinnovo del consiglio regionale», la controversia è devoluta alla giurisdizione ordinaria, «atteso che non si controverte della legittimità dell'esercizio di una potestà pubblica ma della verificazione di un fatto estintivo dei diritti nascenti dal contratto di prestazione d’opera».

Da qui l’appello proposto dinanzi al Consiglio di Stato.

I giudici di Palazzo Spada, assumendo la causa in decisione, premettevano che in materia di pubblico impiego c.d. privatizzato la giurisdizione ordinaria si estende a “tutte le controversie relative ai rapporti di lavoro alle dipendenze delle pubbliche amministrazioni», ivi comprese quelle concernenti «il conferimento e la revoca degli incarichi dirigenziali e la responsabilità dirigenziale (art. 63, comma 1, d.lgs. 30 marzo 2001, n. 165). Per contro, nell’ambito di rapporti in linea di principio disciplinati dal diritto privato (art. 2), come è quello di direttore generale di ATER nel Lazio ai sensi del citato art. 11 L. reg. n. 30 del 2002, la potestà autoritativa di organizzazione tuttora riconosciuta all’Amministrazione rimane circoscritta alle “linee fondamentali”della struttura (art. 4). 

Come ulteriormente specificato da quest’ultima disposizione, la potestà organizzativa che a questi effetti rileva è quella che concerne l’individuazione degli uffici di maggiore rilevanza, i modi di conferimento della titolarità dei medesimi e la determinazione delle dotazioni organiche complessive. Ciò che non rientra in queste specifiche manifestazioni di potere autoritativo è senz’altro assoggettato al regime interprivato, secondo la configurazione generale del rapporto di lavoro con le Pubbliche amministrazioni recepito e consolidato dall’ordinamento di cui al D.L.vo n. 165 del 2001. 

Con riguardo agli incarichi dirigenziali, quella giurisprudenza riconduce alla giurisdizione amministrativa le controversie nelle quali, pur formalmente impugnati provvedimenti inerenti a questi ultimi (conferimento, revoca, risoluzione o mancata conferma) “la contestazione investa direttamente il corretto esercizio del potere amministrativo mediante la deduzione della non conformità a legge degli atti organizzativi, attraverso i quali le amministrazioni pubbliche definiscono le linee fondamentali di organizzazione degli uffici e i modi di conferimento della titolarità degli stessi”.

Venendo quindi alla specifica vicenda contenziosa, l’assenza nel provvedimento impugnato di profili di carattere macro-organizzativo nei termini previsti dal citato art. 4 ha fatto escludere al Collegio di appello che lo stesso sia sindacabile dal giudice amministrativo. 

Infatti, la detta decadenza disposta dal commissario straordinario non è la conseguenza della riorganizzazione dell’ATER (in ipotesi, mediante la soppressione dell’ufficio di direttore generale o la rideterminazione della dotazione organica), solo prevista in attuazione della citata L. reg. n. 4 del 2013, ma è un provvedimento direttamente incidente sul rapporto lavorativo della figura del vertice amministrativo, nell’ambito del quale vengono in rilievo posizioni giuridiche di carattere paritetico.

Da qui la sentenza n. 782 del 25 febbraio 2016 con la quale, respingendosi il gravame, è stata riaffermata la giurisdizione del giudice ordinario.

 

Rodolfo Murra

(2 marzo 2016)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

26 luglio 2017
Corte dei conti | Gli elevatissimi requisiti di professionalità ed esperienza nella sentenza del giudice contabile.

 
 
Condividi la notizia

27 agosto 2015
Concorsi | Il possesso dei requisiti psico-fisici dei candidati a posti nel pubblico impiego nella sentenza del 26 agosto 2015 n. 4017.

 
 
Condividi la notizia

3 ottobre 2016
Corte Costituzionale | Non fondate le questioni di legittimità costituzionale. La sintesi e il testo della sentenza n. 214 del 3 ottobre 2016.

 
 
Condividi la notizia

1 dicembre 2014
Pubblico impiego | Nessuna giurisdizione del giudice amministrativo. La sentenza della Terza Sezione del Consiglio di Stato del 28 novembre.

 
 
Condividi la notizia

12 luglio 2015
Giustizia Amministrativa | Il caso dei medici odontoiatri scelti dall'INAIL. La sentenza del Consiglio di Stato n. 3398/2015.

 
 
Condividi la notizia

9 febbraio 2015
Appalti | Euro 343.455,51 di risarcimento del danno da mancata aggiudicazione e danno curriculare nella sentenza del Consiglio di Stato del 9 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

13 dicembre 2015
Rifiuti | I principi sanciti dalla Quinta Sezione del Consiglio di Stato nella sentenza del 11.12.2015 n. 5649

 
 
Condividi la notizia

28 aprile 2015
Agcom | I principi sanciti nella sentenza del Consiglio di Stato del 27.4.2015, n. 2156.

 
 
Condividi la notizia

26 aprile 2015
Concorsi | La sentenza della Terza Sezione del Consiglio di Stato del 24.4.2015.

 
 
Condividi la notizia

28 aprile 2015
Giustizia amministrativa | La differente giurisdizione in caso di locazione e di concessione. La sentenza del Consiglio di Stato del 27.4.2015.

 
 
Condividi la notizia

20 aprile 2015
Pubblica amministrazione | Il giudizio di ottemperanza nei principi sanciti nella sentenza della Quinta Sezione del Consiglio di Stato del 20 aprile 2015, n. 2002.

 
 
Condividi la notizia

23 febbraio 2015
Pubblico Impiego | La sentenza della Terza Sezione del 23 febbraio 2015. Obbligo di motivazione solo se il secondo concorso è identico. Nessuna identità tra i due concorsi se il secondo concorso è stato bandito da un altro ente e solo successivamente è intervenuto un accordo per avvalersi reciprocamente delle graduatorie in corso di validità.

 
 
Condividi la notizia

11 giugno 2018
Porto d'armi | Il Consiglio di Stato ribalta una sentenza del TAR Campania.

 
 
Condividi la notizia

22 maggio 2015
Giustizia amministrativa | I principi sanciti dal Consiglio di Stato, Sezione Quinta, nella sentenza del 22.5.2015 n. 2580.

 
 
Condividi la notizia

9 aprile 2015
Pubblico impiego | Ancora sull'indizione di un nuovo concorso in presenza di graduatorie pregresse ed efficaci nella sentenza del Consiglio di Stato del 9.4.2015.

 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.