Condividi la notizia

Corte dei conti

Il danno erariale per incarichi dirigenziali a soggetti esterni alla P.A.

Gli elevatissimi requisiti di professionalità ed esperienza nella sentenza del giudice contabile.

Un Ente regionale lombardo conferiva per un lungo periodo un incarico dirigenziale apicale (di natura tecnica) a soggetto estraneo ai ruoli dell’Amministrazione. La scelta era caduta su soggetto titolare, a detta dei conferitori, di un curriculum assolutamente idoneo alla funzione, “valutati i titoli le competenze e le esperienze professionali maturati”.

A seguito di un esposto dettagliato, la Procura regionale della Corte dei conti apriva una apposita istruttoria sulla citata nomina, per asserito danno erariale. Era risultato, infatti, che il candidato si era laureato in fisica in otto anni (quindi al quarto anno fuori corso), con voti 100 su 110, e le sue esperienze professionali si erano rivelate tutto sommato modeste (partecipazione ad un gruppo di lavoro presso una Provincia; un rapporto di lavoro presso la Regione, con qualifica di istruttore direttivo amministrativo in forza ad un gruppo politico; alcune docenze presso istituti scolastici di secondo grado, ecc.).

I giudici contabili, rigettando l’eccezione secondo la quale al caso di specie non si applicherebbe l’art. 19, comma 6, del D.L.vo n. 165 del 2001, norma invece costituente principio generale in materia estensibile anche agli Enti locali - in ciò richiamandosi anche a copiosa pregressa giurisprudenza conforme -  hanno rilevato che  il vigente quadro normativo impone, per soggetti non vincitori di un pubblico concorso (regola generale nel nostro ordinamento amministrativo), che per poter "lavorare", anche temporaneamente, con la Pubblica amministrazione (con rapporto subordinato o autonomo), occorre rispettare requisiti procedurali di selezione e di successiva trasparenza degli incarichi e, soprattutto, possedere assai elevati requisiti culturali professionali per il conferimento dei medesimi incarichi.

In altri termini, a norma della citata disposizione nell'attuale come nel previgente testo (anteriore cioè alla novella introdotta dal D.L.vo n. 150 del 2009), stabilisce dunque la possibilità di conferire incarichi di funzioni dirigenziali a tempo determinato, fornendone espressa motivazione, a tre diverse  categorie di soggetti di particolare e comprovata qualificazione professionale e culturale, non rinvenibile nei ruoli (dirigenziali) dell'Amministrazione:

a) soggetti che abbiano svolto attività in organismi ed enti pubblici o privati, ovvero aziende pubbliche o private, con esperienza acquisita per almeno un quinquennio in funzioni dirigenziali;

b) persone che abbiano conseguito una particolare specializzazione professionale, culturale e scientifica desumibile dalla indefettibile formazione universitaria e postuniversitaria, da pubblicazioni scientifiche o/e (congiunzione mutata dopo il citato D.L.vo n. 150) da concrete esperienze di lavoro maturate per almeno un quinquennio, anche presso Amministrazioni statali, ivi comprese quelle che conferiscono gli incarichi, in posizioni funzionali previste per l'accesso alla dirigenza;

c) soggetti che provengano dai settori della ricerca, della docenza universitaria, delle magistrature e dei ruoli degli avvocati e procuratori dello Stato.

La Sezione giurisdizionale della Corte dei conti lombarda, con sentenza n. 91 del 22 giugno 2017, preso atto che la nomina del dirigente era avvenuta al di fuori dei criteri stabiliti dalla legge, e considerando che il soggetto cui era stato conferito l’incarico apicale non aveva quei doverosi elevatissimi requisiti di professionalità ed esperienza, ha condannato tutti gli autori del provvedimento in questione per il danno erariale cagionato all’Ente dall’assunzione (a tempo determinato) illegittima.

Rodolfo Murra

(26 luglio 2017)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

13 ottobre 2014
Responsabilità erariale | L'esercizio dell'azione di danno erariale tra ipotesi e "notizie di danno”".

 
 
Condividi la notizia

5 luglio 2015
GIUSTIZIA CONTABILE | Impossibilità oggettiva di utilizzare il personale interno della P.A. e legittimità dell'istruttoria avviata sulla base di articoli di stampa nei principi sanciti nella sentenza n. 36/2015.

 
 
Condividi la notizia

18 luglio 2015
Giustizia contabile | Punita una società ed il suo 'dominus occulto' per il mancato versamento nelle casse comunali dei tributi riscossi. Condannati anche gli amministratori di diritto.

 
 
Condividi la notizia

5 settembre 2014
Danno all'immagine e all'erario | La Corte dei Conti ha affermano la responsabilità di un dipendente dell'Agenzia delle Entrate.

 
 
Condividi la notizia

21 dicembre 2014
Processo contabile | La Corte dei Conti con sentenza del 18 dicembre ha dichiarato inammissibile l'atto di citazione.

 
 
Condividi la notizia

15 marzo 2015
Enti Locali | L'assunzione di collaboratori negli uffici di staff degli organi politici deve avvenire con contratto di lavoro subordinato a tempo determinato. Colpa grave del Sindaco e della Giunta Comunale.

 
 
Condividi la notizia

4 giugno 2014
Economia | Presentato il rapporto 2014 della Corte dei Conti sulla finanza pubblica. Pesa la pressione fiscale sull'economia del Paese. Oltre 50 miliardi di euro all'anno il sommerso.

 
 
Condividi la notizia

3 novembre 2014
Danno erariale | Il caporal maggiore disertava e truffava l'Amministrazione. I certificati medici lo incastrano.

 
 
Condividi la notizia

2 luglio 2016
Legittimità e regolarità | Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la Delibera delle Sezioni Riunite.

 
 
Condividi la notizia

11 agosto 2016
Riforma | Approvato dal Consiglio dei Ministri il decreto legislativo. Le novità in sintesi.

 
 
Condividi la notizia

5 giugno 2014
Danno erariale | La Corte dei conti chiarisce la vicenda.

 
 
Condividi la notizia

10 marzo 2015
Danno erariale | In servizio all'ufficio denunce percepiva soldi per l’'emissione del permesso provvisorio di guida. I principi sanciti nella sentenza n. 22/2015.

 
 
Condividi la notizia

30 aprile 2015
Danno erariale | Il principio del nè bis in idem. Una precedente "archiviazione" non impedisce una nuova citazione.

 
 
Condividi la notizia

11 agosto 2015
Conflitto di interessi | Non sempre risparmiare sull'avvocato giova.

 
 
Condividi la notizia

20 ottobre 2014
Corte dei Conti | Condannato un dirigente dell'Ufficio Notificazione Esecuzione e Protesti della Corte di appello di Catanzaro a restituire (per ora) 148.650,27 euro.

 
 
 
 
 
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.