Condividi la notizia

TAR CAMPANIA

Convocazione del Consiglio comunale recapitata in luogo diverso da quello dovuto

La sentenza che chiarisce come l'avviso è strumento indispensabile che va ricevuto entro un preciso lasso temporale.

Un Consigliere di un Comune campano impugnava dinanzi al TAR alcune delibere dell’Ente assumendo di essere venuto a conoscenza in via informale della convocazione della seduta consiliare nella quale i provvedimenti furono approvati e di avervi anche preso parte, dichiarando tuttavia in quella sede di non avere ricevuto alcuna formale comunicazione relativa alla convocazione del Consiglio Comunale e di conseguenza di non avere potuto visionare gli atti relativi ai punti dell’ordine del giorno e chiedendo quindi un rinvio della seduta.

Il Segretario comunale rilevava invece che la notifica della convocazione doveva ritenersi valida, in quanto era stata sottoscritta dal padre del ricorrente (come, peraltro, avvenuto anche in altre recedenti occasioni) e che i documenti erano rimasti a disposizione di tutti i consiglieri presso la sede comunale con la possibilità di ciascuno di prenderne visione.

Il ricorrente lamentava allora la violazione dell’art. 28, commi 1 e 2 del Regolamento del Consiglio comunale a mente del quale l’avviso di convocazione dell’ordine del giorno deve essere consegnato al domicilio del consigliere, a mezzo di messo comunale che poi lo rimette alla segreteria comunale. Nel caso di specie tale procedura non sarebbe stata realizzata in quanto l’avviso in questione è stato consegnato al padre del ricorrente, che risiede ed ha domicilio in luogo diverso da quello del ricorrente stesso, come attestato dai certificati di residenza prodotti. Ne sarebbe derivata la mancata convocazione dell’esponente e l’irregolarità dell’intera seduta per la violazione dell’essenziale diritto dei consiglieri comunali di ricevere tempestivamente la convocazione in modo da poter esaminare la documentazione posta a corredo della deliberazione.

La mancata convocazione avrebbe determinato anche la violazione del principio dell’art. 174 del T.U. n. 267 del 2000 avendo comportato l’inosservanza della comunicazione dell’avvenuto deposito della documentazione necessaria per poter liberamente e consapevolmente deliberare soprattutto in riferimento ad argomenti dell’ordine del giorno.

La circostanza che tali allegati fossero stati resi disponibili presso la sede comunale non varrebbe, secondo la tesi del ricorrente, a sanare il vulnus alle prerogative dei componenti l’Organo, che avrebbero quindi avuto un insostenibile onere di monitorare di propria iniziativa l’eventuale deposito di documenti per sedute consiliari di cui non avevano avuto notizie.

Il TAR Napoli, I Sezione, ha accolto il ricorso con sentenza 22 ottobre 2018 n. 6129.

Il Collegio campano ha premesso che l’avviso di convocazione delle sedute consiliari è lo strumento indispensabile per il corretto e regolare funzionamento dell’organo consiliare, consentendo ai consiglieri comunali, diretti rappresentanti della comunità, non solo di essere informati delle riunioni dell’assise cittadina, ma soprattutto di potervi partecipare attivamente, contribuendo in modo pieno e consapevole alle scelte strategiche e alle decisioni fondamentali della vita stessa dell’ente, anche attraverso il necessario ruolo di controllo sull’organo esecutivo.

In tal senso non è infatti sufficiente che l’avviso di convocazione, con il relativo ordine del giorno, sia solo regolarmente inviato al consigliere comunale, ma è necessario che lo stesso non solo lo abbia effettivamente ricevuto, ma che tra il momento della ricezione e quello della seduta consiliare intercorra un ragionevole lasso temporale affinché il mandato consiliare possa essere effettivamente svolto in modo serio, completo e consapevole.

Ora nel caso di specie non è contestato che l’avviso di convocazione della seduta del consiglio comunale di cui si discuteva sia stato consegnato a casa del padre del ricorrente e non invece presso il suo domicilio, come invece prescritto dall’art. 28 del Regolamento del consiglio comunale; né è risultato che lo stesso ricorrente avesse designato o delegato formalmente il padre a ritirare per proprio conto l’avviso stesso, con la conseguenza che tale modalità di consegna non era idonea a garantire la necessaria comunicazione della convocazione con conseguente oggettiva lesione dello ius ad officium e illegittimità delle delibere assunte nella seduta del consiglio comunale che devono quindi essere annullate.

Né può sostenersi che la circostanza che il ricorrente abbia comunque preso parte alla seduta del Consiglio valga poi a sanare la mancata osservanza delle formalità di convocazione previste dal regolamento, in quanto lo stesso consigliere ha partecipato alla seduta al solo scopo di chiedere un rinvio per poter studiare la documentazione e prendere parte all’assise in modo informato, secondo quanto risultante dal verbale versato in atti. Al riguardo, rileva la previsione di cui all’art. 29, comma 1, del Regolamento del Consiglio comunale secondo cui l’avviso di convocazione deve essere consegnato ai consiglieri almeno cinque giorni liberi prima della delibera, sicché la circostanza dell’avvenuta partecipazione alla seduta non vale a sanare la mancata prova dell’avvenuta consegna della convocazione nel termine prescritto.

 

Rodolfo Murra

(7 novembre 2018)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

30 aprile 2018
TAR CALABRIA | Le circostanze di fatto che consentono la decadenza vanno interpretate restrittivamente e con estremo rigore.

 
 
Condividi la notizia

8 dicembre 2014
Abuso del Processo | La sentenza del 5 dicembre sui presupposti per l'applicazione della sanzione pecuniaria prevista dell'art. 26 del codice del processo amministrativo come novellato dal D.L. n. 90/2014.

 
 
Condividi la notizia

12 febbraio 2015
Processo amministrativo | Mentre TAR Lazio e TAR Abruzzo dichiarano i ricorsi inammissibili, TAR Calabria e TAR Campania considerano valida la notifica eseguita telematicamente a mezzo di posta certificata.

 
 
Condividi la notizia

26 aprile 2015
Infiltrazioni mafiose | Niente valutazioni che, al di fuori della repressione del travisamento dei fatti, si muovano sul piano del merito. La sentenza del Consiglio di Stato del 24.4.2015.

 
 
Condividi la notizia

20 marzo 2018
CONSIGLIO DI STATO | Il caso dell'impresa di famiglia, aggiudicataria di un appalto del Comune, colpita da un'interdittiva antimafia.

 
 
Condividi la notizia

24 febbraio 2016
Ministero Interno | Pubblicate le istruzioni per la presentazione delle candidature per l'elezione diretta del sindaco e del consiglio comunale.

 
 
Condividi la notizia

21 giugno 2018
Mobilità nel pubblico impiego | Un singolare caso deciso dal TAR Parma.

 
 
Condividi la notizia

4 settembre 2018
Cassazione | La Suprema Corte risolve il dubbio.

 
 
Condividi la notizia

18 ottobre 2015
Capitale della Cultura | Il Governatore lucano ha concluso i lavori del Consiglio Comunale della 'Città dei Sassi', convocato per celebrare il primo anno dalla proclamazione.

 
 
Condividi la notizia

5 maggio 2015
Appalti | La sentenza del Consiglio di Stato del 4 maggio 2015 scioglie i dubbi in caso di raggruppamento non ancora formalmente costituito.

 
 
Condividi la notizia

29 ottobre 2014
Consiglio di Stato | Musica ad alto volume e chiasso sono l’'incubo di molti residenti. A Venezia, l'’amministrazione cade sui poteri degli organi, le limitazioni per le zone chiassose dovevano essere decise dal Consiglio Comunale e non dalla Giunta.

 
 
Condividi la notizia

15 luglio 2016
Corte di Cassazione | I principi sanciti dalla Suprema Corte nella sentenza n. 14125 dell'11 luglio 2016.

 
 
Condividi la notizia

6 agosto 2014
Consiglio di Stato | Illegittimo il silenzio-rifiuto sulla richiesta di accesso alle copie perché impedisce al contribuente quelle verifiche che evitano contenziosi in ipotesi di effettiva e regolare notifica della cartella.

 
 
Condividi la notizia

31 luglio 2018
TAR CALABRIA | Un singolare (ma anche scolastico) caso di applicazione della normativa sull'anticorruzione.

 
 
Condividi la notizia

10 maggio 2014
Elezioni amministrative | La legge Del Rio ha modificato la composizione numerica dei consigli comunali: 10 consiglieri nei Comuni fino a 3.000 abitanti, elevati a 12 consiglieri da 3001 a 10.000 abitanti.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.