Condividi la notizia

CORTE DI CASSAZIONE

Patrocinio forense dinanzi al giudice tributario: e se il cliente non paga?

Sulla pretesa dell'avvocato di ottenere il compenso dal proprio cliente decide sempre il giudice ordinario.

Con ricorso ex art. 702 bis Cod. proc. civ. depositato il 24 febbraio 2017 presso il Tribunale di Udine, un avvocato, premesso di avere svolto prestazioni professionali nei confronti di un cliente del proprio Studio, riguardanti l’assistenza e la rappresentanza in un contenzioso tributario, ha chiesto la condanna del medesimo cliente al pagamento del proprio compenso professionale.

La controparte, costituendosi in giudizio, ha eccepito, in via preliminare, il difetto di giurisdizione del giudice ordinario in favore del giudice tributario, sul rilievo che l’art. 14 del D.L.vo 1° settembre 2011 n. 150, prevedendo la competenza dell’ufficio giudiziario di merito adito per il processo nel quale l’avvocato ha prestato la propria opera, avrebbe inteso attribuire la competenza giurisdizionale, là dove il processo si sia svolto interamente avanti alle commissioni tributarie, al giudice tributario.

Nella pendenza del giudizio di merito, il libero professionista ha proposto ricorso per regolamento preventivo di giurisdizione, instando per la declaratoria della giurisdizione del giudice ordinario.

La Suprema Corte di cassazione, a Sezione Unite, con ordinanza 16 ottobre 2018 n. 25938, ha stabilito che la giurisdizione è del giudice ordinario.

I giudici di Piazza Cavour, hanno rilevato, infatti, che il contenzioso volto ad ottenere l’adempimento di un obbligo di natura squisitamente civilistica, nascente da un contratto di prestazione d’opera professionale stipulato tra soggetti privati, è del tutto distinto dalla controversia di base, di natura tributaria, nel cui ambito le prestazioni professionali sono state svolte, ed eterogeneo rispetto alla materia, concernente i tributi di ogni genere e specie comunque denominati, che il legislatore (art. 2 del D.L.vo 31 dicembre 1992, n. 546) attribuisce alla giurisdizione tributaria.

Secondo la Corte non induce a diversa conclusione il richiamo, fatto dal resistente nel giudizio di merito, all’art. 14 del D.L.vo n. 150 del 2011, il quale, per le controversie in materia di liquidazione degli onorari e dei diritti di avvocato, individua come competente l’ufficio giudiziario di merito adito per il processo nel quale l’avvocato ha prestato la propria opera, atteso che la menzionata disposizione è qualificabile come norma sulla competenza e non anche sulla giurisdizione, tanto più in considerazione del fatto che essa è stata introdotta da un decreto delegato emanato in forza di una legge di delegazione riguardante la “riduzione e semplificazione dei procedimenti civili di cognizione che rientrano nell’ambito della giurisdizione ordinaria e che sono regolati dalla legislazione speciale” (art. 54 L. 18 giugno 2009 n. 69).

Rodolfo Murra

(23 ottobre 2018)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

30 aprile 2018
Sezioni Unite | La Suprema Corte chiarisce i criteri del riparto di giurisdizione.

 
 
Condividi la notizia

21 agosto 2016
corte di Cassazione | I principi sanciti nella sentenza n. 34887 del 16 agosto 2016

 
 
Condividi la notizia

14 luglio 2015
Ministero della Giustizia | Intervento del Dicastero per chiarire i dubbi interpretativi sull'operatività del divieto per l'avvocato di fiducia della parte chiamata in mediazione.

 
 
Condividi la notizia

28 marzo 2018
Concorsi | Il termine finale per le domande è fissato alle ore 12.00 di giovedì 29 marzo 2018.

 
 
Condividi la notizia

26 luglio 2015
Enti Locali | Le controversie in materia di canone per l'occupazione di spazi e aree pubbliche nella sentenza del TAR Basilicata sentenza del 22.7.2015 n. 445.

 
 
Condividi la notizia

12 luglio 2015
Giustizia Amministrativa | Il caso dei medici odontoiatri scelti dall'INAIL. La sentenza del Consiglio di Stato n. 3398/2015.

 
 
Condividi la notizia

24 settembre 2018
TAR NAPOLI | Un caso singolare di graduatoria utilizzata da un Comune convenzionato con quello che aveva bandito il concorso.

 
 
Condividi la notizia

25 marzo 2018
Silenzio-inadempimento | Il TAR del Lazio affronta il tema del danno da ritardo.

 
 
Condividi la notizia

6 marzo 2018
giustizia | Il TAR Lazio fa chiarezza sul riparto di giurisdizione.

 
 
Condividi la notizia

20 maggio 2014
Patente a punti | Il TAR Friuli ribadisce la giurisdizione del Giudice ordinario

 
 
Condividi la notizia

26 febbraio 2018
Elezioni politiche 4 marzo 2018 | Il Consiglio di Stato ribadisce il difetto assoluto di giurisdizione.

 
 
Condividi la notizia

27 febbraio 2018
Sezioni Unite | il riparto di giurisdizione nell'ordinanza del 22 febbraio 2018.

 
 
Condividi la notizia

2 maggio 2018
Sezioni Unite | La Cassazione regola la contestata giurisdizione escludendo il TAR.

 
 
Condividi la notizia

11 agosto 2015
Acquisizione sanante | Sull'art. 42 bis T.U. la Prima Sezione della Corte di Cassazione rimette gli atti al Presidente.

 
 
Condividi la notizia

13 dicembre 2015
Rifiuti | I principi sanciti dalla Quinta Sezione del Consiglio di Stato nella sentenza del 11.12.2015 n. 5649

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.