Condividi la notizia

Aereo malese abbattuto

Disinformazione in stile "guerra fredda": i russi modificano una pagina di Wikipedia

Subito dopo la diffusione della notizia della tragedia sono iniziati gli scambi di accuse reciproche tra Ucraina e Russia

In riferimento alla tragedia dell’areo malese abbattuto qualche giorno fa vicino al confine tra la Russia e la parte dell’Ucraina in mano ai ribelli filorussi, il quotidiano inglese Telegraph ha dato notizia di una modifica avvenuta sulla pagina di Wikipedia dedicata al drammatico evento.

Come si sa, subito dopo la diffusione della notizia, Ucraina e Russia hanno cominciato a rimpallarsi la responsabilità. La grandissima parte dei media internazionali, peraltro, danno credito alla versione secondo la quale sarebbero stati i filorussi a lanciare il missile terra-aria (sistema di difesa missilistica BUK).

Questo sulla base delle risultanze delle segnalazioni dei satelliti spia e di alcune intercettazioni di telefonate intercorse tra i ribelli ed esponenti dei servizi di sicurezza russi. Inoltre, alcuni ribelli filorussi avevano postato un tweet (poi rimosso) vantandosi dell’abbattimento nell’immediatezza della tragedia.

Ieri, da un computer situato a Kiev negli uffici della tv di Stato russa VGtrK, è stato operato un cambiamento sulla pagina di Wikipedia, postando la frase: “l’aereo della Malaysia Airlines è stato abbattuto dagli ucraini”. Evidentemente la frase è stata poi rimossa, perché non sono più riuscito a trovarla.

Questa battaglia all’insegna della disinformazione ci riporta indietro di tanti anni, ai tempi della guerra fredda, quando si faceva a gara un po’ a chi la sparava più grossa per “accaparrarsi” la benevolenza dell’opinione pubblica. Il problema è che i tempi sono cambiati, la tecnologia ha fatto passi da giganti e con internet ormai tutti possono sapere quasi tutto in pochi minuti.

Subito dopo l’abbattimento, da ambienti filorussi era filtrata la notizia che il missile sarebbe partito dalla forze militari ucraine, per colpire l’aereo (simile a quello malese) che riportava in Patria Putin dal Sudamerica. Il problema è che l’aereo presidenziale era passato non lontano da quelle parti, ma ben 37 minuti dopo l’abbattimento. Un tentativo di sviare le indagini, quindi, abbastanza risibile.

Putin non ha fatto mistero in questi ultimi anni di voler ricostituire qualcosa di simile alla “potenza sovietica” e si è dimostrato abilissimo sullo scacchiere diplomatico, approfittando anche dell’insipienza e dell’incapacità dell’Amministrazione americana, che sempre più assomiglia ad un elefante che si muove in una cristalleria.

Tuttavia, l’opera di disinformazione tentata in maniera così goffa in questa occasione è, probabilmente, il frutto delle antiche esperienze dell’attuale Presidente russo nei servizi di sicurezza sovietici (KGB). Dopo essere diventato membro del PCUS, Putin era entrato nei servizi segreti e poi inviato a Dresda, nella ex DDR, dove ha collaborato per anni con la Stasi, la famigerata agenzia di sicurezza della Germania dell’EST.

La settimana scorsa Vladimir Putin era volato a Cuba per “regalare” al Governo dell’isola caraibica oltre trenta miliardi di dollari, annullando in grandissima parte il debito accumulato nei confronti dell’ex Unione Sovietica.

In quell’occasione ha incontrato anche Fidel Castro, ritiratosi ormai da anni; ma l’ex “lìder màximo” deve aver sentito la nostalgia dei tempi andati, tanto che ieri si è lasciato andare ad una dichiarazione con la quale, “senza se e senza ma”, la responsabilità dell’abbattimento dell’aereo, a suo insindacabile giudizio, “dev’essere attribuita all’Ucraina!”.

Su questa vicenda mi limiterei solo ad una riflessione ed a qualche domanda. Ammesso e non concesso che le intercettazioni tra filorussi e servizi segreti russi siano “taroccate”, così come i risultati segnalati dai satelliti; e che lo sia anche il tweet (rimosso, ma poi recuperato) con il quale i filorussi rivendicavano l’attentato. Ammettiamo anche che i servizi segreti americani e tutte le altre agenzia di sicurezza occidentali dicano il falso, quando accusano i filorussi e, quindi, Mosca che li arma e li sostiene. Ammettiamo, quindi, per un momento tutto questo.

Ma se le cose stanno così ed i filorussi ( e Mosca) pensano in buona fede che siano stati gli ucraini, allora per quale motivo hanno impedito per giorni l’accesso sul luogo del disastro degli osservatori internazionali dell’OSCE? Perché non hanno consentito subito la ricerca e l’esame delle scatole nere e dei resti dell’aereo per poter accertare senza ombra di dubbio la responsabilità della tragedia?

Per impedire le immediate indagini sul relitto hanno anche vietato -con una decisione ignobile- il pronto recupero dei corpi delle vittime, consentito solo a partire dalla mattinata di domenica 20 luglio.

Perché tutto questo?

 

Moreno Morando

(20 luglio 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

30 aprile 2014
Crisi Ucraina | Parole di fuoco dal Presidente russo Putin che risponde alle sanzioni di Stati Uniti ed Europa accusando Washington di aver organizzato la rivoluzione di piazza Maidan

 
 
Condividi la notizia

15 agosto 2014
Conflitto russo-ucraino | La Russia smentisce questa versione, confermata invece dalla Nato. Come sempre, in queste circostanze, l'ONU e la UE brillano per la loro assenza

 
 
Condividi la notizia

5 maggio 2014
Crisi Ucraina | Mentre le operazioni militari del governo di Kiev nell'est suscitano rabbia e indignazione, NATO e Russia concentrano ingenti forze aeree al confine con l'Ucraina

 
 
Condividi la notizia

27 aprile 2014
Crisi in Ucraina | Cresce la tensione in Ucraina mentre gli USA annunciano nuove sanzioni contro Mosca

 
 
Condividi la notizia

16 maggio 2014
Energia | Il presidente russo Putin scrive ai leader europei e avverte che se i fondi concessi all'Ucraina non verranno usati per ripianare i debiti con Gazprom si fermeranno le esportazioni di gas.

 
 
Condividi la notizia

4 giugno 2014
G7 | Duro messaggio degli USA alla Russia in merito alla guerra civile nel sud est dell'Ucraina. Ma è l'accordo doganale USA-UE il vero obiettivo di un G7 dominato da Obama.

 
 
Condividi la notizia

7 agosto 2014
Seconda Guerra Fredda | In un crescendo le cui ragioni restano ancora più o meno oscure, la Russia risponde con un divieto di importazione dei prodotti alimentari alle sanzioni decise dal Consiglio Europeo, senza la consultazione del Parlamento.

 
 
Condividi la notizia

16 giugno 2014
Crisi Ucraina | Attivato l'ultimatum russo all'Ucraina, dopo il mancato pagamento dei debiti accumulati con Gazprom. Vandalizzata l'ambasciata russa a Kiev. Si teme per le forniture di gas all'Europa.

 
 
Condividi la notizia

2 maggio 2014
Gas Russo | Smentite le voci che davano l'Italia fuori dal progetto South Stream, il nuovo gasdotto che dalla Russia porterà gas in Austria e Italia.

 
 
Condividi la notizia

28 maggio 2014
Crisi Ucraina | Non accennano a finire le violenze in Ucraina. Dopo la morte del fotoreporter italiano, Andrea Rocchelli, l'esercito ucraino avanza a Donetsk lasciandosi dietro decine di morti.

 
 
Condividi la notizia

21 luglio 2014
Crisi Ucraina | Mentre gli USA accusano la Russia procedono le operazioni per il recupero dei corpi delle vittime e l'accertamento delle responsabilità del disastro aereo.

 
 
Condividi la notizia

31 ottobre 2014
Notizie flash | Cosa resta della Primavera Araba; la Svezia riconosce la Palestina; accordo sul gas tra Ucraina, Russia e UE; Ferrari; Consiglio Europeo e Legge di Stabilita'.

 
 
Condividi la notizia

17 luglio 2014
TERRORISMO | Rimpallo di accuse tra Kiev, Mosca e l'auto proclamatasi Repubblica di Donetsk. Spazio aereo ucraino interdetto, crollo in borsa di tutte le compagnie aeree.

 
 
Condividi la notizia

15 luglio 2014
Unione Europea | Ora l'attenzione si sposta sulle altre nomine : Renzi insiste sulla Mogherini agli "Affari Esteri" dell'Unione, nonostante l'opposizione di 10-11 Paesi, che la ritengono "troppo vicina alla Russia di Vladimir Putin".

 
 
Condividi la notizia

22 luglio 2014
Aereo malese abbattuto | Continuano le polemiche ed il reciproco scambio di accuse tra Kiev e Obama, da una parte; e separatisti filorussi e Putin, dall'altra.

 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.