Condividi la notizia

Tra UE e legge elettorale

Renzi duro con Juncker, poi vede Berlusconi a Palazzo Chigi

Nel vertice con il leader di Forza Italia, all'ordine del giorno la Consulta e la legge elettorale, ferma al Senato da sette mesi.

Il Premier è stato intervistato da Massimo Giannini per  Ballarò, su Rai 3, ed ha così colto l’occasione per rispondere al Presidente della Commissione Europea Jean-Claude  Juncker, che in una conferenza stampa aveva dichiarato: “devo dire al mio caro amico Matteo Renzi che io non sono il presidente di una banda di burocrati, forse lui lo è”.

L’ex premier lussemburghese aveva poi aggiunto: “io sono il presidente della Commissione Europea che è una istituzione della UE, quindi invito tutti i primi ministri a rispettare la mia istituzione perché non siamo meno legittimati rispetto ad altri”.

Matteo Renzi ha ribattuto precisando che “in Europa non vado a dire ‘per favore ascoltateci’, non vado con il cappello in mano. Non vado a Bruxelles a farmi spiegare cosa fare e l’ho spiegato anche a Barroso e Juncker”. Il Presidente del Consiglio, su twitter, aveva scritto: “per l’Italia, per la sua storia, il suo futuro chiedo rispetto. Anzi: pretendo il rispetto che il Paese merita dall’Europa”.

Sorprende l’irritazione di Juncker ed, ancora di più, lasciano perplessi gli argomenti usati per ribattere alla legittima critica del nostro Premier. Juncker parla come se fosse stato investito da un mandato popolare di centinaia e centinaia di milioni di elettori europei, ma su questo sbaglia di grosso. La sua nomina è senza ombra di dubbio “legittima”, nel senso che è stata fatta nel pieno rispetto della previsione del Trattato di Lisbona. Tuttavia, essa è figlia delle decisioni della vecchissima classe dirigente che comanda nella UE da diversi anni.

Nel caso specifico, Juncker è stato scelto da Angela Merkel in forza della sua ultradecennale esperienza e della comprovata fedeltà ai diktat di Berlino. Tutto il resto sono fantasie, che il Presidente della Commissione Europea preferisce “cavalcare”, immaginando di essere al vertice della Commissione sulla base di un “mandato popolare” assolutamente inesistente, nei fatti.

E’ vero che il suo nome era stato indicato prima delle elezioni dalla nomenklatura della Ue; ma da qui a dire che si tratta di una vera “investitura popolare” …….. Su questo, Juncker,  si deve mettere l’animo in pace e -come ha sempre fatto il suo predecessore Barroso- fare sempre una telefonata a Berlino prima di parlare, altrimenti ci può essere il rischio di essere smentito e di fare una figuraccia.

In giornata, il Premier-segretario del PD ha incontrato per due ore, a Palazzo Chigi, il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi, accompagnato da Gianni Letta e Denis verdini. Nessuna dichiarazione ufficiale da parte dei protagonisti, ma è certo che abbiano accennato alla delicatissima questione dei due giudici della Consulta, che il Parlamento in seduta comune non riesce ad eleggere; e, soprattutto, alla legge elettorale.

Il c.d. “Italicum”, dopo l’approvazione in prima lettura alla Camera, è fermo al Senato da sette mesi e, nel frattempo, Renzi sembra essersi convinto della necessità di apportare alcune modifiche al provvedimento passato a Montecitorio con i voti della maggioranza e di Forza Italia.

Prima di incontrare l’ex cavaliere, il Premier-segretario aveva riunito i capigruppo parlamentari del PD, Zanda e Speranza, il presidente del partito Orfini, con il vice-segretario Guerini ed altri della Direzione. Erano presenti anche il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Del Rio ed il Ministro Boschi.

A Ballarò, ieri, il Presidente del Consiglio aveva anticipato i temi centrali in discussione, che riguardano l’idea di innalzare la soglia di sbarramento al 5% ed il premio di maggioranza al 40% per il primo turno, in modo che la parte vincente possa contare su 350 seggi alla Camera. Resta da vedere, tuttavia, se il premio debba andare alla coalizione (così come previsto dall’Italicum) o alla lista vincente (come chiede da sempre il M5S). Probabile che oggi i due leader politici abbiano fatto una riflessione anche sulla questione delle preferenze.

Renzi, come si è detto,  nelle ultime settimane sembrerebbe aver cambiato parere e sarebbe orientato a prevedere il premio per la lista; mentre Berlusconi appare molto più cauto, ancora fermo sulla soluzione accolta nel provvedimento approvato alla Camera dei Deputati in prima lettura (premio alla coalizione).

In ordine alle polemiche scatenate dalla minoranza PD, dal M5S e da Sel contro il “Patto del Nazareno” (l’accordo politico tra Renzi ed il leader di Forza Italia), il Presidente del Consiglio ha ribadito con fermezza che “è giusto fare le riforme con Berlusconi, non posso fare da solo”.

Moreno Morando

(5 novembre 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

25 gennaio 2017
Corte Costituzionale | All'esito della sentenza, la legge elettorale è suscettibile di immediata applicazione.

 
 
Condividi la notizia

9 maggio 2014
Elezioni europee | Il Tribunale di Venezia ha accolto il ricorso presentato dal legale che aveva gia' impugnato il Porcellum, dichiarato poi incostituzionale

 
 
Condividi la notizia

18 luglio 2014
Riforme | Nel secondo confronto fra le delegazioni del PD, presente Matteo Renzi, e del Movimento 5 Stelle, Luigi Di Maio ha sottoposto ai democratici una nuova ed articolata proposta.

 
 
Condividi la notizia

2 luglio 2014
Riforme | Confermato per giovedi' tre luglio il secondo incontro tra le delegazioni del Partito Democratico, presente il Premier, e quella del Movimento 5 Stelle. Si parlera' di legge elettorale e, probabilmente, anche di riforme costituzionali

 
 
Condividi la notizia

6 agosto 2014
Palazzo Chigi | Nel loro terzo incontro il Premier ed il leader di Forza Italia si sono concentrati sulla legge elettorale.

 
 
Condividi la notizia

5 agosto 2014
Riforme | Il Patto del Nazareno ha consentito all'ex Premier di giocare da protagonista la partita delle riforme. Ora tocca alla legge elettorale.

 
 
Condividi la notizia

25 giugno 2014
Riforme | Si e' svolto l'atteso incontro fra le due delegazioni per discutere di legge elettorale. PD e M5S si rivedranno per discutere di riforme costituzionali

 
 
Condividi la notizia

27 giugno 2014
Legge elettorale | Il deputato Massimo Corsaro di Fratelli d'Italia ha depositato presso gli uffici di Montecitorio una proposta di legge "provocatoria" per protestare contro il rifiuto di prevedere le preferenze nella legge elettorale

 
 
Condividi la notizia

15 luglio 2014
Riforme | I Dem scrivono al Movimento 5 Stelle: siamo disponibili al confronto sulle riforme e sulla legge elettorale. Attesa a breve la risposta del Movimento guidato da Beppe Grillo.

 
 
Condividi la notizia

7 agosto 2015
Consiglio dei Ministri | L'Esecutivo, tra l'altro, si è occupato anche delle procedure di mobilità del personale degli enti di area vasta.

 
 
Condividi la notizia

12 giugno 2014
Riforme | A Pechino in visita ufficiale il presidente del consiglio ha confermato che i veti non fermeranno il cammino dei progetti sulla legge elettorale e sul Senato. Polemiche per la sostituzione di due membri della Commissione Affari Costituzionali. Tredici senatori si autosospendono dal PD

 
 
Condividi la notizia

16 luglio 2014
Riforme | In vista del voto sulla riforma del Titolo V e del Senato, il leader dei democratici e quello degli azzurri hanno chiesto ai loro parlamentari di tener fede all'accordo del "Nazareno"

 
 
Condividi la notizia

18 luglio 2014
Riforme | Dopo l'apertura di giovedi' il comunicato della delegazione pentastellata sul Blog di Grillo ha scatenato la reazione dei democratici.

 
 
Condividi la notizia

3 agosto 2014
Riforme | Secondo le indiscrezioni rivelate da Il Fatto Quotidiano e da WSI, il Patto del Nazareno prevederebbe anche un "veto" su Prodi per il Quirinale

 
 
Condividi la notizia

3 luglio 2014
Riforme | Questa mattina si sono incontrate a Palazzo Chigi le delegazioni di PD, presente il Premier, e quella di Forza Italia guidata da Silvio Berlusconi

 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.