Condividi la notizia

Giudizio elettorale

Voto di preferenza: la deformazione del cognome o nome del candidato

La riconoscibilità dell'elettore nella sentenza del Consiglio di Stato del 11.12.2015 n. 5652.

 Nella vicenda giunta all'attenzione del Consiglio di Stato, l'appellante lamenta la confusa indicazione, su diverse schede elettorali, del cognome del candidato della lista n. 1 e l'esistenza di 5 schede che tra il nome e il cognome dello stesso candidato inseriscono un punto e lo ripetono dopo il nome; di due che pongono un trattino tra nome e cognome; di due che pongono un punto tra nome e cognome e sostiene che l'accoglimento dell'appello sul punto consentirebbe di sottrarre i relativi voti alla lista n. 1.

In ordine a tali schede, non contestate individualmente, il T.A.R. ha evidenziato che "l’intenzione di farsi riconoscere non può scorgersi in schede caratterizzate “dall’indicazione fin troppo corretta” di nome e cognome del candidato", né può rilevare che in alcuni casi, come quelli richiamati nell'appello, nome e cognome siano separati da trattino o virgola o chiusi da un punto.

L'articolo 69, comma 2, del testo unico approvato con il D.P.R. 16 maggio 1960, n. 570, sancisce la nullità dei voti contenuti nelle schede che "presentano scritture o segni tali da far ritenere, in modo inoppugnabile, che l'elettore abbia voluto far riconoscere il proprio voto", ma nella specie, il Consiglio di Stato, Sezione Quinta, nella sentenza del 11.12.2015 n. 5652 ha affermato che risulta plausibile che l'imprecisione in cui sono incorsi gli elettori sia frutto di errore. 

L'espressione del voto di preferenza, infatti, è resa difficile sia dalla scarsa capacità di trascrivere il nome del candidato prescelto, sia per dall'eventuale limitata scolarizzazione dell'elettore, ma anche da difficoltà linguistiche e, nel caso trattato, sono stati ammessi al voto anche diversi elettori di origine straniera.

Soccorre al riguardo la giurisprudenza secondo cui nel procedimento elettorale la deformazione del cognome o del nome di un candidato, o anche l'incertezza nella relativa indicazione, si possono spiegare con una scarsa dimestichezza del votante con la scrittura o con un'inesatta memoria del nome, ma “non dimostrano in maniera inoppugnabile la volontà dell'elettore di rendere riconoscibile il proprio voto".

Le schede in questione non possono, poi, che essere attribuite alla lista n. 1, essendo caratterizzate da una chiara indicazione, riportando il crocesegno su tale lista

Fonte: Consiglio di Stato

Enrico Michetti

La Direzione

(13 dicembre 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

28 marzo 2016
Consiglio di Stato | Il mancato rispetto del termine per impugnare e per depositare il ricorso nei principi sanciti dalla Quinta Sezione nella sentenza del 22.3.2016 n. 1190.

 
 
Condividi la notizia

5 dicembre 2015
Elezioni | Non solo scrutatori. Via libera del Consiglio di Stato ai presidenti delle altre sezioni e alla consultazione anche telefonica con esperti dell'ufficio elettorale della Prefettura.

 
 
Condividi la notizia

9 febbraio 2015
Appalti | Euro 343.455,51 di risarcimento del danno da mancata aggiudicazione e danno curriculare nella sentenza del Consiglio di Stato del 9 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

28 aprile 2015
Agcom | I principi sanciti nella sentenza del Consiglio di Stato del 27.4.2015, n. 2156.

 
 
Condividi la notizia

6 aprile 2015
Consiglio di Stato | L'accertamento se la misura dell'infermità impedisca all'elettore l'autonoma espressione del voto scatta solo se la certificazione medica è ritenuta falsa o inattendibile.

 
 
Condividi la notizia

26 aprile 2015
Concorsi | La sentenza della Terza Sezione del Consiglio di Stato del 24.4.2015.

 
 
Condividi la notizia

20 aprile 2015
Pubblica amministrazione | Il giudizio di ottemperanza nei principi sanciti nella sentenza della Quinta Sezione del Consiglio di Stato del 20 aprile 2015, n. 2002.

 
 
Condividi la notizia

11 giugno 2018
Porto d'armi | Il Consiglio di Stato ribalta una sentenza del TAR Campania.

 
 
Condividi la notizia

22 maggio 2015
Giustizia amministrativa | I principi sanciti dal Consiglio di Stato, Sezione Quinta, nella sentenza del 22.5.2015 n. 2580.

 
 
Condividi la notizia

3 giugno 2015
Giustizia amministrativa | L'interpretazione dell'art. 1 della Legge n. 196 del 2009 nella sentenza della Sesta Sezione del Consiglio di Stato.

 
 
Condividi la notizia

1 marzo 2016
Disabili | Annullato il DPCM n. 159/2013. I trattamenti assistenziali, previdenziali ed indennitari non vanno calcolati ai fini ISEE.

 
 
Condividi la notizia

22 gennaio 2017
Riforme | Il parere sul quesito posto dal Ministero per la semplificazione e la pubblica amministrazione.

 
 
Condividi la notizia

27 agosto 2015
Concorsi | Il possesso dei requisiti psico-fisici dei candidati a posti nel pubblico impiego nella sentenza del 26 agosto 2015 n. 4017.

 
 
Condividi la notizia

8 dicembre 2015
Tariffe di Sosta | Confermato l'annullamento dell'aumento delle tariffe‎ di Stallo in assenza delle altre misure previste per il miglioramento della viabilità.

 
 
Condividi la notizia

19 maggio 2015
Ricerca di idrocarburi | Giusto negare una v.i.a. se c'è il rischio per il cedimento di una diga. La sentenza del 18.5.2015.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.