Condividi la notizia

giustizia amministrativa

La Polizia di Stato 'licenzia' l'Agente violento e manesco

Legittima la sanzione della destituzione per schiaffi, calci e manganellate nella cella di sicurezza. I principi della Terza Sezione del Consiglio di Stato.

Un agente della Polizia di Stato in servizio presso la Questura di Milano viene sottoposto a procedimento disciplinare per aver picchiato con “schiaffi, calci, manganellate” un cittadino peruviano, mentre costui - che era stato fermato per rissa, resistenza a pubblico ufficiale ed altro - si trovava nella camera di sicurezza della Questura.

All’aggressione aveva preso parte un altro agente, gerarchicamente subordinato al collega capo-pattuglia ed il pestaggio costituiva, in pratica, una forma di ritorsione per la condotta violenta tenuta dallo stesso straniero contro gli agenti nell’episodio che si era concluso con il suo fermo.

La scena, svoltasi nelle camere di sicurezza, era stata filmata dalle videocamere funzionanti, come di solito, in quei locali e le immagini dimostravano – oltre alla inequivocabile intenzionalità e gravità dei comportamenti dell’agente – che questo avveniva mentre lo straniero era ammanettato con le braccia dietro la schiena e manteneva un atteggiamento di totale passività. Il fatto era stato portato all’attenzione dei superiori da una segnalazione del Consolato peruviano.

Il procedimento disciplinare si concludeva con la destituzione del capo pattuglia e con una sanzione meno grave per l’altro agente. Vi è stato anche un separato procedimento penale, conclusosi con il patteggiamento di un anno e sette mesi per il primo dei due agenti e di un anno e quattro mesi per l’altro.

L’interessato ha impugnato la sanzione disciplinare al T.A.R. ma il suo ricorso è stato respinto con una motivazione nella quale sono state affrontate analiticamente tutte le censure dedotte dal ricorrente. Da qui l’appello al Consiglio di Stato.

Con sentenza n. 3313 del 3 luglio 2015 (depositata il giorno successivo alla discussione!) la Terza Sezione del Consiglio di Stato ha rigettato l’appello, condannando la parte soccombente anche al pagamento delle spese di giudizio.

Due le argomentazioni fondamentali a sostegno della decisione, di confutazione delle altrettante censure sollevate dall’agente.

  1. Secondo l’appellante non vi sarebbe stata ragione per irrogare nei suoi confronti una sanzione disciplinare così grave a fronte di quella subita invece dal collega; i giudici di appello hanno invece affermato che l’Autorità disciplinare ha consapevolmente differenziato le sanzioni in rapporto al diverso grado di responsabilità dei due operanti nello svolgimento dei fatti, siccome emerso nel corso del procedimento disciplinare.

  2. A giudizio dell’appellante gli organi disciplinari si sarebbero basati acriticamente sulla condanna pronunciata in sede penale, senza valutare autonomamente il fatto. Ha replicato il Consiglio di Stato osservando che né la relazione del funzionario istruttore, né la delibera del consiglio di disciplina, né il decreto del Capo della Polizia fanno alcun cenno al procedimento penale e tanto meno al suo esito, mentre nel ricorso di primo grado si legge che alla data del decreto di destituzione nel procedimento penale era intervenuto solo l’’avviso di “chiusura delle indagini” emesso dal Pubblico Ministero. La sentenza penale di patteggiamento dunque è intervenuta successivamente all’emanazione del procedimento disciplinare e non prima. Essa dunque non ha rilevato nel contenzioso amministrativo, se non nel senso che offre una indiretta conferma a posteriori sia della gravità degli addebiti mossi in sede disciplinare all'agente, sia dell’adeguatezza della sanzione inflittagli.

Rodolfo Murra

(5 luglio 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

15 giugno 2016
Consiglio dei Ministri | Al dipendente colto in flagrante sospensione cautelare entro 48 ore e procedimento disciplinare che dovrà concludersi entro 30 giorni. Responsabilità disciplinare del dirigente.

 
 
Condividi la notizia

10 aprile 2016
Riforma della P.A. | Invito ad eliminare la responsabilità penale dei dirigenti e le azioni per danno all'immagine. I punti principali ed il testo del parere n. 864/2016 sullo schema di decreto.

 
 
Condividi la notizia

7 giugno 2015
Giustizia amministrativa | L'Amministrazione è titolare di un'ampia discrezionalità in ordine alla valutazione dei fatti addebitati al dipendente.

 
 
Condividi la notizia

6 settembre 2015
Dipendenti pubblici | Il regolamento comunale non può derogare ai termini di decadenza previsti dalla normativa nazionale. La sentenza della Corte di Cassazione Sezione Lavoro n. 17153/2015.

 
 
Condividi la notizia

9 febbraio 2015
Appalti | Euro 343.455,51 di risarcimento del danno da mancata aggiudicazione e danno curriculare nella sentenza del Consiglio di Stato del 9 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

2 maggio 2016
Ministero Interno | Poliziotti della repubblica Popolare della Cina coadiuveranno i colleghi italiani della Polizia e dei Carabinieri a Roma e Milano nell'assistenza ai turisti cinesi.

 
 
Condividi la notizia

10 aprile 2016
Giustizia Amministrativa | Le criticità individuate negli schemi di decreto sulla Conferenza di Servizi, sul Codice Appalti, sulla SCIA e sulla responsabilità disciplinare dei dipendenti pubblici.

 
 
Condividi la notizia

29 agosto 2014
Corte di Cassazione | No al file-sharing, al porno e all’utilizzo della posta elettronica per scopi personali. Gli ermellini chiariscono definitivamente la vicenda di un licenziamento disciplinare.

 
 
Condividi la notizia

28 aprile 2015
Agcom | I principi sanciti nella sentenza del Consiglio di Stato del 27.4.2015, n. 2156.

 
 
Condividi la notizia

18 gennaio 2015
giustizia Amministrativa | I principi sanciti dalla sentenza del Consiglio di Stato, Sez. V del 16 gennaio 2015 per l'esclusione dell'applicabilità delle progressioni verticali per l'accesso ai posti vacanti della categoria di funzionario e necessità di indire il concorso pubblico per la copertura del posto di vice – comandante della Polizia Municipale.

 
 
Condividi la notizia

7 maggio 2016
Riforma | I punti principali evidenziati dal Consiglio di Stato, Commissione Speciale, nel parere del 3 maggio 2016 n. 1075.

 
 
Condividi la notizia

26 aprile 2015
Concorsi | La sentenza della Terza Sezione del Consiglio di Stato del 24.4.2015.

 
 
Condividi la notizia

20 aprile 2015
Pubblica amministrazione | Il giudizio di ottemperanza nei principi sanciti nella sentenza della Quinta Sezione del Consiglio di Stato del 20 aprile 2015, n. 2002.

 
 
Condividi la notizia

20 marzo 2015
Motivazione | I principi stabiliti dal Consiglio di Stato nella sentenza del 20 marzo 2015. E' sufficiente che l'atto sia acquisibile utilizzando il procedimento di accesso ai documenti.

 
 
Condividi la notizia

1 ottobre 2014
Sanzioni disciplinari | Il Consiglio di Stato annulla la sanzione disciplinare irrogata a un medico che - provocato da un collega particolarmente ingiurioso - tenta di colpirlo con uno sgabello dell'ambulatorio.

 
 
 
 
 
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.