Condividi la notizia

Giustizia Amministrativa

T.A.R. Basilicata: il permesso di ricerca di idrocarburi “Palazzo San Gervasio” rispetta l'ambiente ed il territorio

I giudici amministrativi lucani hanno analizzato le ragioni per le quali l'attività di esplorazione petrolifera nell'Alto Bradano non mette a rischio la salute e la sicurezza di tutti i Comuni coinvolti.

“[…] Il consumo di suolo, paventato dalla Giunta Regionale, non determina un impatto significativo. Né sussiste la preoccupazione della Giunta Regionale secondo cui l’attività di ricerca in commento avrebbe creato vincoli e/o condizionamenti alla programmazione ed al governo del territorio[…]”.

È questo uno dei rassicuranti passaggi della sentenza n.325 del 2015 del T.A.R. Basilicata con la quale i giudici amministrativi hanno dato il via libera alla prima fase relativa ai rilievi geologici e geofisici discendente dalla legittimità del permesso di ricerca di idrocarburi liquidi e gassosi denominato “Palazzo San Gervasio”, che vedrà coinvolti tredici comuni della Provincia di Potenza (tutti rientranti nella zona del Vulture-Alto Bradano) e due della Provincia di Bari.

Sono più di venti, infatti, le pagine nelle quali il Tribunale Amministrativo lucano si sofferma ad analizzare le motivazioni in virtù delle quali possono ritenersi superate le preoccupazioni della Regione Basilicata relative alla tutela del patrimonio archeologico, dei terreni destinati alla produzione vinicola, nonché quelle relative alle falde acquifere ed ai corsi d’acqua.

A parere dei giudici amministrativi dunque, l’iter burocratico con il quale in questi anni la società statunitense promotrice dell’attività di ricerca di idrocarburi liquidi e gassosi si è confrontata, non ha lasciato spazio all’insorgere dei potenziali danni ambientali che avevano indotto la Giunta Regionale a negare il permesso in questione.

In particolare, il parere positivo rilasciato dal Soprintendente per i Beni Archeologici della Basilicata (atto prot. n.8054 del 26.5.2010) prescriveva l’obbligo di una previa comunicazione del perimetro esatto dei luoghi interessati alla ricerca, delle attività e delle opere da svolgere nel terreno e nel sottosuolo, oltre poi all’”impegno a farsi carico degli oneri relativi ad eventuali indagini archeologiche preliminari e/o estensive che dovessero essere ritenute necessarie dalla Soprintendenza”. Con atti prot.n.4081 del 16.6.2011 e n.7724 del 14.6.2011, venivano poi esclusi dalle attività di ricerca petrolifera anche i fiumi, i torrenti, ed i corsi d’acqua, nonché le relative sponde o piedi degli argini per una fascia di 150 m.

Quanto poi alla Determinazione del Dirigente dell’Ufficio di Compatibilità Ambientale della Regione Basilicata (Det. n.276 del 9.3.2011), essa escludeva dal permesso di ricerca:

  • L’impiego di esplosivi;
  • Le aree naturali protette fino ad una fascia esterna di 1 Km;
  • Le aree classificate fra quelle a rischio idrogeologico molto elevato ed elevato;
  • Le aree fluviali fino ad una fascia esterna di 500 m;
  • Le aree agricole interessate dalla coltivazione dei vigneti;
  • I centri urbani fino ad un raggio esterno di 500 m;
  • Le aree sottoposte a vincolo archeologico fino ad una fascia esterna di 500 m.

Il Tribunale Amministrativo Regionale non manca, infine, di evidenziare che le modalità esecutive di questa preventiva fase di ricerca di idrocarburi programmate rientrano fra quelle più all’avanguardia: esse, infatti, prevedono l’esclusivo utilizzo di sensori (geofoni) in luogo dell’impiego di esplosivi.

Fonte: Giustizia Amministrativa 

Marialuisa Palermo

(6 luglio 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

5 giugno 2015
Tutela della natura | Il Dipartimento Ambiente della Regione ha organizzato il convegno "Biodiversità e governance in Basilicata".

 
 
Condividi la notizia

17 agosto 2015
Idrocarburi ed Ambiente | Il ricorso è stato presentato contro il Ministero dell'’Ambiente, il Mibact, la società Enel Longanesi Developments e la Presidenza del Consiglio dei ministri.

 
 
Condividi la notizia

4 agosto 2015
UNIVERSITA' | La nuova offerta didattica nasce dalla collaborazione tra Università, Regione Basilicata, Fondazione Eni "Enrico Mattei" e Assomineraria. Le iscrizioni a settembre.

 
 
Condividi la notizia

4 giugno 2014
Finanziamenti programmi europei | Superato il controllo sul programma operativo, fondo europeo sviluppo regionale Fesr 2007/2013, inerente la spesa certificata sull'attuazione progetti della regione Basilicata

 
 
Condividi la notizia

14 ottobre 2015
Ammortizzatori sociali | All'incontro hanno partecipato Cgil, Cisl, Uil, Confasl, Confindustria Basilicata, Italia Lavoro e Inps.

 
 
Condividi la notizia

2 settembre 2015
Lucania meno conosciuta | Con questa iniziativa la Regione Basilicata ha inteso rafforzare un’iniziativa di promozione turistica e culturale in grado di veicolare i flussi verso l’entroterra lucano.

 
 
Condividi la notizia

12 settembre 2015
ISTAT | Nei primi sei mesi del 2015 la Basilicata è la Regione del Sud che contribuisce maggiormente all'aumento delle vendite verso i Paesi UE (+194,2%).

 
 
Condividi la notizia

9 ottobre 2015
Lucania da esportare | L'attività fa parte del progetto di internazionalizzazione "Distretti Mapping Basilicata", finanziato con risorse regionali e del MISE.

 
 
Condividi la notizia

27 luglio 2015
LA BELLA ITALIA - PAESAGGIO | Matàërë in dialetto materano, IPA: [ma'taərə]) è un comune italiano di 60.524 abitanti[3], capoluogo dell'omonima provincia e seconda città della Basilicata per popolazione, nonché il più grande comune per superficie della Basilicata, il diciannovesimo in Italia

 
 
Condividi la notizia

9 novembre 2015
Innovazione | Pubblicata sul BUR n. 46/2015 la Determinazione Dirigenziale n. 1203/2015 sul "PO FESR Basilicata 2007-2013 Asse II", con un impegno di spesa di 274.368,24 euro.

 
 
Condividi la notizia

5 novembre 2015
Fondi comunitari | Il Presidente: "sono convinto che riusciremo ad intercettare bene le risorse assegnateci per costruire un grande patto per il rilancio del Sud Italia".

 
 
Condividi la notizia

1 ottobre 2015
Energia ed Ambiente | Pittella auspica una 'fase di slancio del confronto costruttivo già in atto con il Governo nazionale, che faccia propria la necessità di evitare un generico referendum pro o contro il petrolio".

 
 
Condividi la notizia

25 luglio 2014
OGM | Dopo il sabotaggio dell'azione del Corpo Forestale volta a distruggere coltivazioni illecite di mais ogm, l'imprenditore Fidenato dovrà vedersela contro la costituzione in giudizio della Regione Friuli presso il Tar onde annullare un suo ricorso pro ogm.

 
 
Condividi la notizia

18 agosto 2015
Agricoltura e tutela ambientale | Sarà obbligatorio un certificato di abilitazione all'uso che avrà valore su tutto il territorio italiano.

 
 
Condividi la notizia

7 giugno 2015
Banda Ultra larga | E'stato adottato con decreto del Presidente della Giunta Regionale Marcello Pittella; l'intesa siglata digitalmente fra la Regione, le due Province e 25 comuni.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.