Condividi la notizia

Giustizia amministrativa

Espropriazioni, il Consiglio di Stato scioglie il dilemma: accessione invertita o acquisizione sanante?

L'ultimazione dell'opera pubblica non impedisce la restituzione del bene espropriato illegittimamente

La sentenza della IV Sezione del Consiglio di Stato n. 1466 del 13.4.2016, in materia di espropriazione per pubblica utilità, è tornata ad affermare che "l'intervenuta realizzazione dell'opera pubblica non fa venire meno l'obbligo dell'amministrazione di restituire al privato il bene illegittimamente appreso; e ciò indipendentemente dalle modalità - occupazione acquisitiva o usurpativa - di acquisizione del terreno; per tali ragioni, il proprietario del fondo illegittimamente occupato dall'amministrazione, ottenuta la declaratoria di illegittimità dell'occupazione e l'annullamento dei relativi provvedimenti, può legittimamente domandare, nel giudizio di ottemperanza, sia il risarcimento, sia la restituzione del fondo sia la sua riduzione in pristino.

La realizzazione dell'opera pubblica sul fondo illegittimamente occupato è in sè, quindi, un mero fatto, non in grado di assurgere a titolo dell'acquisto, come tale inidoneo a determinare il trasferimento della proprietà, per cui solo il formale atto di acquisizione dell'amministrazione può essere in grado di limitare il diritto alla restituzione, non potendo rinvenirsi atti estintivi (rinunziativi o abdicativi, che dir di voglia) della proprietà in altri comportamenti, fatti o contegni".

Insomma l'istituto dell'accessione invertita è ormai definitivamente tramontato anche sulla spinta della giurisprudenza della Corte di Giustizia. Ma la pubblica amministrazione, una volta realizzata l'opera, ha comunque la possibilità di acquisire il terreno (o, forse, sarebbe meglio dire di "legalizzare l'illegalità" come hanno commentato autorevoli giuristi) applicando l'art. 42 bis del DPR n. 327/2001 (cd. acquisizione sanante), recentemente dichiarato legittimo dalla Corte Costituzionale con la sentenza n. 71/2015.

In altri termini una soluzione tutta italiana in cui si sacrifica il diritto dominicale del proprietario anche in presenza di un procedimento ablativo illegittimo, in attesa ovviamente di un nuovo intervento della giurisprudenza comunitaria.

Domenico Tomassetti

(19 aprile 2016)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

9 febbraio 2015
Appalti | Euro 343.455,51 di risarcimento del danno da mancata aggiudicazione e danno curriculare nella sentenza del Consiglio di Stato del 9 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

18 marzo 2018
Antimafia | I principi sanciti nella sentenza del Consiglio di Stato.

 
 
Condividi la notizia

28 aprile 2015
Agcom | I principi sanciti nella sentenza del Consiglio di Stato del 27.4.2015, n. 2156.

 
 
Condividi la notizia

7 maggio 2016
Riforma | I punti principali evidenziati dal Consiglio di Stato, Commissione Speciale, nel parere del 3 maggio 2016 n. 1075.

 
 
Condividi la notizia

5 maggio 2015
Pianificazione urbanistica | Non serve un progetto definitivo. In tema di espropriazioni, nessuna limitazione ai poteri comunali. La sentenza della Quarta Sezione del Consiglio di Stato del 4.5.2015, n. 2229.

 
 
Condividi la notizia

26 aprile 2015
Concorsi | La sentenza della Terza Sezione del Consiglio di Stato del 24.4.2015.

 
 
Condividi la notizia

20 aprile 2015
Pubblica amministrazione | Il giudizio di ottemperanza nei principi sanciti nella sentenza della Quinta Sezione del Consiglio di Stato del 20 aprile 2015, n. 2002.

 
 
Condividi la notizia

2 aprile 2016
Giustizia amministrativa | Il commento alla sentenza della Quinta Sezione del Consiglio di Stato del del 25 marzo 2016 n. 1239.

 
 
Condividi la notizia

7 aprile 2015
Danno da ritardo | Il ritardo nell'emanazione di un provvedimento non genera automaticamente il diritto al ristoro dei danni. La sentenza del Consiglio di Stato del 7.4.2015.

 
 
Condividi la notizia

23 ottobre 2015
Immigrazione | L'accordo, sottoscritto tra Regione, Prefetture, Anci ed Upi, è il primo nel Mezzogiorno.

 
 
Condividi la notizia

26 novembre 2017
Responsabilità | Il risarcimento per il rilascio dell'autorizzazione illegittima e l'omessa adozione di provvedimenti repressivi nella sentenza del Consiglio di Stato del 24 novembre 2017.

 
 
Condividi la notizia

8 aprile 2015
Giustizia amministrativa | Si può, contemporaneamente, fare opposizione alla stima e contestare la legittimità della procedura?

 
 
Condividi la notizia

30 aprile 2014
Cooperative | Nessuna "spalmata" dei costi di acquisizione delle aree nella determinazione.

 
 
Condividi la notizia

7 aprile 2014
Pedaggi autostradali | Il pedaggio non e' un'imposizione fiscale e deve essere assicurata la corrispondenza tra pagamento e fruizione

 
 
Condividi la notizia

10 maggio 2015
Abusivismo | Il Consiglio di Stato spiega come si può impedire l'acquisizione dell'immobile al patrimonio comunale.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.