Condividi la notizia

Giustizia Amministrativa

Elezioni: il Consiglio di Stato torna sulle integrazioni documentali ed indica un limite invalicabile

Va rispettato il termine del ventiseiesimo giorno antecedente la data della votazione. Il principio sancito dalla Terza Sezione nella sentenza del 23.5.2016 n. 2126.

 "Ce simme sfasteriati" è questo il nome della lista esclusa a Napoli dalla Tornata elettorale del 5 giugno p.v. indicato nella sentenza del Consiglio di Stato depositata oggi, il cui nome - che dal dialetto napoletano potrebbe indicare coloro che si sono sostanzialmente stancati, infastiditi - visto l'esito del contenzioso elettorale, sembra rendere ancor più pregnante quello stato d'animo insofferente per chi ha definitivamente visto svanire la possibilità di competere alle prossime elezioni.

La Terza Sezione del Consiglio di Stato ha, infatti, rigettato l'appello con una sentenza - la n. 2126 del 23 maggio 2016 - con la quale i giudici di Palazzo Spada non si sono limitati a confermare le statuizioni contenute nella sentenza del TAR Campania, che non ha annullato il verbale di ricusazione della lista, ma hanno ritenuto di precisare i limiti al nuovo orientamento da ultimo sancito dal medesimo Consesso (nella sentenza 16 maggio 2016, n. 1979) sulla possibilità di integrazioni documentali ammesse al fine di assicurare la più ampia partecipazione alle elezioni.

Ma veniamo alla vicenda.

 La 11° Sottocommissione elettorale circondariale di Napoli ha deliberato di escludere la lista «Ce simme sfasteriati» dalla tornata elettorale del 5 giugno 2016 per l’elezione diretta del Presidente e del Consiglio della 6° Municipalità del Comune di Napoli, avendo riscontrato che, eccezion fatta per il candidato alla carica di presidente, tutti i candidati presenti nella predetta lista avessero reso, all’interno della dichiarazione di accettazione, una dichiarazione di insussistenza di cause di incandidabilità erroneamente riferita ad una disposizione abrogata.

Il TAR Campania respingeva il ricorso proposto dal rappresentante e delegato alla presentazione della lista e gli altri candidati della lista medesima contro il verbale di ricusazione.

Il Tribunale in primo grado ha ritenuto che:

a) le dichiarazioni fossero incomplete e non meramente irregolari, in relazione ad un requisito essenziale;

b) tale mancanza non potesse essere supplita dalla separata dichiarazione sostitutiva dei ricorrenti sulla insussistenza a proprio carico di rinvii a giudizio, condanne penali o provvedimenti che riguardano l’applicazione di misure di prevenzione, poiché essa non è stata autenticata da uno dei soggetti indicati dall’art. 14 della legge 21 marzo 1990, n. 53, come previsto dalla normativa in materia elettorale;

c) correttamente la Sottocommissione elettorale avrebbe ritenuto di non poter esercitare il potere di soccorso, ammesso per sanare delle mere irregolarità, non anche per integrare dichiarazioni carenti dei requisiti essenziali previsti dalla legge;

d) a fronte di un generale obbligo di diligenza e in presenza di un quadro di circostanze di fatto tale da non comportare alcun legittimo affidamento degli interessati (citazione di normativa risalente nei moduli comunali non aggiornati, correttezza dei moduli scaricati dal sito del Ministero dell’interno, diverso comportamento del candidato presidente, che avrebbe presentato una dichiarazione corretta), sarebbe irrilevante il mancato tempestivo aggiornamento dei moduli scaricabili dal sito internet del Comune e non sarebbe comunque provato che i ricorrenti – così come affermano – abbiano scaricato tali moduli il 20 aprile, ad aggiornamento non ancora avvenuto.

La sentenza di prime cure, come sopra anticipato, è stata confermata dal Consiglio di Stato che ha ritenuto di precisare che gli appellanti non possono avvalersi della recente giurisprudenza della Sezione, che ha assegnato più vasto ambito di operatività alla disposizione dell’art. 33, ultimo comma, del d.P.R. n. 570 del 1960 (cfr. sentenza 16 maggio 2016, n. 1979). 

Si legge espressamente nella motivazione che "E’ decisivo considerare che la maggiore possibilità di integrazione documentale, che la Sezione ha riconosciuto in omaggio all’«interesse pubblico alla più ampia partecipazione alle elezioni ed alla più completa acquisizione documentale (ma senza ledere le esigenze di una ordinata e trasparente amministrazione del procedimento di presentazione delle liste)», trova comunque un limite invalicabile nel rispetto dei tassativi termini di legge"

Poiché, nella vicenda, "gli appellanti hanno provveduto all’integrazione documentale inviando le dichiarazioni di inesistenza di cause di incandidabilità, secondo la nuova disciplina legale, in allegato al ricorso in appello, e questo è stato spedito per la notifica il 12 maggio, è stato superato il termine del ventiseiesimo giorno antecedente la data della votazione (5 giugno), che è quello entro il quale – a norma del citato art. 33, ultimo comma) – la Commissione elettorale, sussistendone i presupposti, può ammettere nuovi documenti".

Segue da ciò, conclude il Consiglio di Stato, l’infondatezza dell’appello e la sua conseguente reiezione, con conferma della sentenza impugnata.

Enrico Michetti

Fonte: Consiglio di Stato

La Direzione

(23 maggio 2016)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

19 maggio 2016
Giudizi elettorali | La sentenza della Terza Sezione n. 2069 del 18.5.2016.

 
 
Condividi la notizia

30 maggio 2018
Giustizia | La sentenza del Consiglio di Stato del 29 maggio.

 
 
Condividi la notizia

9 febbraio 2015
Appalti | Euro 343.455,51 di risarcimento del danno da mancata aggiudicazione e danno curriculare nella sentenza del Consiglio di Stato del 9 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

28 aprile 2015
Agcom | I principi sanciti nella sentenza del Consiglio di Stato del 27.4.2015, n. 2156.

 
 
Condividi la notizia

26 aprile 2015
Concorsi | La sentenza della Terza Sezione del Consiglio di Stato del 24.4.2015.

 
 
Condividi la notizia

18 febbraio 2015
Infiltrazioni mafiose | È sufficiente che sussista, per colpa dello stesso amministratore, una situazione di cattiva gestione della cosa pubblica, aperta alle ingerenze esterne e asservita alle pressioni delle associazioni criminali. La sentenza delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione.

 
 
Condividi la notizia

20 aprile 2015
Pubblica amministrazione | Il giudizio di ottemperanza nei principi sanciti nella sentenza della Quinta Sezione del Consiglio di Stato del 20 aprile 2015, n. 2002.

 
 
Condividi la notizia

11 giugno 2018
Porto d'armi | Il Consiglio di Stato ribalta una sentenza del TAR Campania.

 
 
Condividi la notizia

22 maggio 2015
Giustizia amministrativa | I principi sanciti dal Consiglio di Stato, Sezione Quinta, nella sentenza del 22.5.2015 n. 2580.

 
 
Condividi la notizia

3 giugno 2015
Giustizia amministrativa | L'interpretazione dell'art. 1 della Legge n. 196 del 2009 nella sentenza della Sesta Sezione del Consiglio di Stato.

 
 
Condividi la notizia

1 marzo 2016
Disabili | Annullato il DPCM n. 159/2013. I trattamenti assistenziali, previdenziali ed indennitari non vanno calcolati ai fini ISEE.

 
 
Condividi la notizia

29 novembre 2015
TUEL | La risposta nella sentenza della Sezione Seconda del TAR Napoli.

 
 
Condividi la notizia

22 gennaio 2017
Riforme | Il parere sul quesito posto dal Ministero per la semplificazione e la pubblica amministrazione.

 
 
Condividi la notizia

27 agosto 2015
Concorsi | Il possesso dei requisiti psico-fisici dei candidati a posti nel pubblico impiego nella sentenza del 26 agosto 2015 n. 4017.

 
 
Condividi la notizia

8 dicembre 2015
Tariffe di Sosta | Confermato l'annullamento dell'aumento delle tariffe‎ di Stallo in assenza delle altre misure previste per il miglioramento della viabilità.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.