Condividi la notizia

TAR LAZIO

SCIA e cambio di destinazione d'uso senza opere edilizie

La Segnalazione certificata di inizio attività può, anche in sanatoria, legittimare il mutamento d'uso funzionale.

Un cittadino italiano, proprietario di un bene immobile sito in una nota via capitolina, adiva il T.A.R. per il Lazio ricorrendo per l’annullamento del provvedimento emanato dal locale Municipio per mezzo del quale veniva dichiarata “inammissibile” la S.C.I.A. presentata per il cambio di destinazione d’uso meramente funzionale della propria unità immobiliare, da uso turistico – ricettivo a residenziale.

Come noto, per mezzo del D.L. n. 78 del 2010, con l’acronimo di Segnalazione Certificata di Inizio Attività, veniva rafforzato nel nostro ordinamento un istituto tipico della semplificazione amministrativa con l’obiettivo, appunto, di semplificare i complessi e burocratici meccanismi di cui alla precedente e sostituita D.I.A. (Dichiarazione di Inizio Attività).

La S.C.I.A. assumeva ed assume, così, i caratteri di una mera segnalazione da parte del cittadino indirizzata alla P.A. competente, senza necessità di una preventiva acquisizione degli atti di assenso da parte dell’Ente competente (ad esempio, concessione, nulla osta, eccetera).

Ebbene, tornando ad analizzare la causa petendi oggetto della odierna vertenza, l’Amministrazione valutava come inammissibile la segnalazione certificata di inizio attività presentata, dalla parte ricorrente, ai sensi della Legge Regione Lazio n. 7 del 2017.

Alla camera di consiglio, tenutasi in data 4 dicembre 2018, i Consiglieri di Via Flaminia ritenevano sussistenti i presupposti per la definizione della controversia mediante sentenza resa in forma semplificata ex art. 60 C.p.a..

Con la sentenza del 21 dicembre 2018 n. 12468, il Collegio ha ritenuto meritevole di accoglimento la domanda di parte ricorrente, annullando, contestualmente, il provvedimento impugnato.

La decisione adottata dal T.A.R. Lazio ha trovato fondamento sulla precisa normativa di cui alla citata L.R. Lazio n. 7/2017, ed in particolare negli articoli 4 e 6. E’ stato infatti stabilito che: “la s.c.i.a. in argomento è stata presentata dall’interessato anche ai sensi della legge regionale del Lazio n. 7 del 2017, con la quale il legislatore regionale ha inteso perseguire […] obiettivi di riqualificazione incentivata delle aree urbane e di razionalizzazione del patrimonio edilizio esistente anche nella prospettiva della limitazione del suolo”. Il Collegio ha continuato osservando che: “…non è in contestazione che il fabbricato, nel quale è inserita l’unità immobiliare in proprietà del ricorrente, sia stato legittimamente edificato […] mentre l’eventuale sussistenza di abusi edilizi circoscritti a singole porzioni del fabbricato, consistenti nel cambio di destinazione d’uso senza opere di singole unità immobiliari dalla categoria turistico – ricettiva a quella residenziale, non costituisce causa ostativa all’applicazione della disciplina recata dalla L.R. n. 7 del 2017”.

Il T.A.R. ha continuato stabilendo che l’edificio in questione, essendo legittimamente realizzato, ai sensi dell’art. 1 della suddetta legge poteva ben essere oggetto del richiesto cambio di destinazione d’uso, con la conseguenza che detto cambio d’uso, se realizzato abusivamente, doveva essere considerato suscettibile di sanatoria.  

Il ricorrente, hanno concluso i Consiglieri di Via Flaminia, “… ha fatto ricorso allo strumento della s.c.i.a. generalmente ammesso anche in sostituzione del permesso di costruire, né rileva, ai fini dell’ammissibilità della segnalazione, la circostanza che l’Amministrazione contesti che l’intervento di modifica, senza opere, della destinazione d’uso da parte degli interessati sia stato già attuato abusivamente, potendo detto istituto operare anche in sanatoria e restando fermo il potere dovere dell’Amministrazione di procedere ad una corretta qualificazione della segnalazione presentata, con possibilità di richiedere le eventuali integrazioni ritenute necessarie ai fini di una esaustiva e corretta istruttoria”.

Mattia Murra

(27 dicembre 2018)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

1 settembre 2015
Giustizia amministrativa | I principi sanciti dal TAR Basilicata, Sezione I, nella sentenza del 21 agosto 2015 n. 546.

 
 
Condividi la notizia

22 agosto 2015
condono | Il Consiglio di Stato ribalta la sentenza del TAR campano.

 
 
Condividi la notizia

18 giugno 2019
CORTE DI CASSAZIONE | Il reato di cui all'art. 44 T.U. edilizia si configura ugualmente se la contestazione non é coperta da un titolo di sanatoria completo.

 
 
Condividi la notizia

6 aprile 2015
Sanatoria e abitabilità | Non basta l'accertamento dei soli requisiti igienico-sanitari. I principi sanciti dal TAR Campania nella sentenza del 2.4.2015.

 
 
Condividi la notizia

4 settembre 2018
TAR CALABRIA | Il richiedente aveva trasformato i cornicioni condominiali in balconi ad uso esclusivo.

 
 
Condividi la notizia

18 maggio 2015
Abusi edilizi | Il Consiglio di Stato ribalta la decisione del TAR e dà  ragione alla Soprintendenza che aveva negato il condono.

 
 
Condividi la notizia

6 gennaio 2015
Consiglio di Stato | La sentenza del 5 gennaio 2015 sull'insufficienza della dichiarazione sostitutiva di atto notorietà.

 
 
Condividi la notizia

20 novembre 2018
CORTE DI CASSAZIONE | La Corte analizza il concetto di precarietá e affronta il tema della sanatoria rifiutata per silentium.

 
 
Condividi la notizia

25 giugno 2018
Corte di Cassazione | Le differenze tra l'art. 34 e l'art. 36 del T.U. dell'Edilizia in caso di sequestro penale dell'immobile abusivo.

 
 
Condividi la notizia

24 settembre 2018
TAR PALERMO | La mancata perfetta individuazione del terreno rende illegittima l'acquisizione.

 
 
Condividi la notizia

6 aprile 2015
Giustizia amministrativa | Efficacia temporalmente limitata del provvedimento adottato dall'Amministrazione. Le conseguenze nella sentenza del TAR Lazio del 2 aprile 2015.

 
 
Condividi la notizia

22 giugno 2015
Condono edilizio | La sentenza del TAR Potenza del 13.6.2015 sull'interpretazione della Legge n. 326/2003 alla luce della Legge regionale n. 18/2014.

 
 
Condividi la notizia

7 aprile 2017
Rimessione all'Adunanza Plenaria | Il contrasto giurisprudenziale investe gli abusi edilizi repressi a notevole distanza di tempo.

 
 
Condividi la notizia

24 aprile 2018
Abusi edilizi | Il Tar del Lazio si sofferma sulla natura di questo genere di atto.

 
 
Condividi la notizia

7 novembre 2018
CONSIGLIO DI STATO | Quando non è illegittimo ordinare la demolizione senza pronunciarsi sulla richiesta di accertamento in conformità.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.