Condividi la notizia

Immigrazione

Permesso di soggiorno: no al diniego automatico in presenza di una condanna penale

Il Consiglio di Stato chiarisce che la pericolosità sociale del richiedente va accertata in concreto.

Un cittadino di uno Stato non membro dell’Unione Europea, impugnava d’innanzi al T.A.R. per l’Emilia Romagna, il provvedimento con il quale veniva respinta la sua istanza intesa ad ottenere il permesso di soggiorno per “lungosoggiornanti UE”, convenendo in giudizio sia la Questura di Bologna sia il Ministero dell’Interno.

L’organo periferico dell’Amministrazione statale fondava il provvedimento di rigetto su un’unica motivazione, ossia la condanna inflitta al ricorrente per il delitto di cui all’art. 12 del D.L.vo. n. 286 del 1998, c.d. “Testo Unico sull’Immigrazione”. In particolare il comma 1 dell’art. 12 del decreto legge sopra citato stabilisce che: “chiunque, in violazione delle disposizioni del presente testo unico, promuove, dirige, organizza, finanzia o effettua il trasporto di stranieri nel territorio dello Stato ovvero compie altri atti diretti a procurarne illegalmente l’ingresso nel territorio dello Stato, ovvero di altro Stato del quale la persona non è cittadina o non ha titolo di residenza permanente, è punito con la reclusione da uno a cinque anni e con la multa di 15.000 euro per ogni persona”. Insomma, il diniego di permesso era stato motivato con una condotta particolarmente grave da parte del richiedente, ritenuto responsabile di aver favorito proprio l’immigrazione clandestina.

Il T.A.R. adito respingeva il ricorso proposto e condannava l’interessato a rifondere le spese del giudizio nei confronti dell’Amministrazione. Il ricorrente, allora, articolando due distinti motivi di gravame, proponeva appello al Consiglio di Stato per la riforma della sentenza di primo grado.

Con sentenza 7 marzo 2018, i magistrati di Palazzo Spada ritenevano fondato l’appello accogliendo i motivi di ricorso proposti. L’istanza presentata dal ricorrente, infatti, si legge nella sentenza, “era rivolta ad ottenere un permesso per lungosoggiornante UE, rispetto al quale l’art. 9 del d.lgs. n. 286 del 1998 richiede una valutazione in concreto della pericolosità dello straniero, nel bilanciamento tra pregresse condotte, eventualmente rilevanti quali minacce all’ordine pubblico ed alla sicurezza nazionale, e il suo inserimento sociale, desunto, tra l’altro, dalla sua capacità lavorativa e dalla durata della sua permanenza sul territorio nazionale”.

Nell’esprimersi in tal senso, il Consiglio di Stato si è conformato ad un principio di diritto già recentemente pronunciato, secondo cui il diniego di rilascio del permesso per soggiornanti di lungo periodo deve essere sorretto da un giudizio di pericolosità sociale attuale dello straniero, con una motivazione fondata anche sulla durata del soggiorno nel territorio nazionale e sull’inserimento sociale, familiare e lavorativo dell’interessato, escludendo l’operatività di ogni automatismo in conseguenza di condanne penale riportate.

Il concreto bilanciamento tra la pericolosità sociale attuale e le condotte pregresse previsto dal T.U.I., in sostanza, è venuto a mancare nel caso di specie, in quanto la Questura prima ed il T.A.R. poi, hanno affermato in modo apodittico e manifesto l’esistenza di un automatismo ostativo al rilascio del permesso sulla sola base di una condanna penale riportata, tralasciando arbitrariamente di prendere in esame analiticamente la durata del soggiorno sul territorio nazionale dello straniero, nonché il suo inserimento sociale, familiare e lavorativo, valutazione fondamentale, invece, ai sensi dell’art. 9 comma 4 del citato D.L.vo n. 286/1998.

Fonte: Massimario G.A.R.I.

Mattia Murra

(18 marzo 2018)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

16 luglio 2015
Immigrazione | Il Consiglio di Stato conferma l'interoperatività e la semi-vincolatività superabile solo per motivi umanitari o per obblighi internazionali previa consultazione dello Stato segnalante.

 
 
Condividi la notizia

6 marzo 2018
Consiglio di Stato | Il requisito del reddito minimo è fondamentale per ottenere il permesso.

 
 
Condividi la notizia

2 marzo 2016
Pubblica Sicurezza | Sì all'espulsione dal territorio italiano se c'è propaganda su Facebook a favore dello Stato islamico.

 
 
Condividi la notizia

4 febbraio 2016
Stabilità 2016 | Dal 2016 la copertura assicurativa viene estesa anche ai detenuti e agli internati impegnati in attività volontarie e gratuite e agli stranieri richiedenti asilo in possesso del permesso di soggiorno.

 
 
Condividi la notizia

7 maggio 2015
Ministero dell'Interno | La c.d. "Carta Blu UE" facilita i datori di lavoro. Una semplice comunicazione in luogo del nulla osta per i cittadini di Paesi terzi che intendono svolgere lavori altamente qualificati.

 
 
Condividi la notizia

9 febbraio 2015
Appalti | Euro 343.455,51 di risarcimento del danno da mancata aggiudicazione e danno curriculare nella sentenza del Consiglio di Stato del 9 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

28 aprile 2015
Agcom | I principi sanciti nella sentenza del Consiglio di Stato del 27.4.2015, n. 2156.

 
 
Condividi la notizia

7 maggio 2016
Riforma | I punti principali evidenziati dal Consiglio di Stato, Commissione Speciale, nel parere del 3 maggio 2016 n. 1075.

 
 
Condividi la notizia

26 aprile 2015
Concorsi | La sentenza della Terza Sezione del Consiglio di Stato del 24.4.2015.

 
 
Condividi la notizia

20 aprile 2015
Pubblica amministrazione | Il giudizio di ottemperanza nei principi sanciti nella sentenza della Quinta Sezione del Consiglio di Stato del 20 aprile 2015, n. 2002.

 
 
Condividi la notizia

23 settembre 2014
Accesso agli atti | Il diritto di cronaca si piega davanti all'interesse ad accedere agli atti.

 
 
Condividi la notizia

19 maggio 2016
Riforma | Giudizio positivo, ma permangono alcuni rilievi sullo schema di decreto legislativo.

 
 
Condividi la notizia

5 agosto 2014
Attività di estetista | Per lettini abbronzanti e lampade UVA, anche se direttamente ed autonomamente utilizzati da soci di circoli privati, e' necessaria l'autorizzazione comunale.

 
 
Condividi la notizia

19 maggio 2015
Ricerca di idrocarburi | Giusto negare una v.i.a. se c'è il rischio per il cedimento di una diga. La sentenza del 18.5.2015.

 
 
Condividi la notizia

2 aprile 2016
Riforma | C'è tanto da riscrivere a partire dal nome di battesimo. "I tempi stretti di redazione hanno comportato inevitabili refusi, incoerenze e difetti". I punti principali del parere 1 aprile 2016, n. 855.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.