Condividi la notizia

Consiglio di Stato

Permesso di soggiorno: il diniego per motivi reddituali

Il requisito del reddito minimo è fondamentale per ottenere il permesso.

Con ricorso proposto dinanzi al TAR per la Lombardia una cittadina marocchina, rientrata in Italia dopo un periodo di assenza, ha impugnato il decreto del Questore della Provincia di Brescia con il quale è stata respinta la sua domanda diretta ad ottenere il permesso di soggiorno per soggiornanti UE di lungo periodo per motivi di famiglia, a seguito di scorporo dal titolo di soggiorno della madre.

La Questura aveva negato il rilascio del permesso di soggiorno, sia per soggiornanti di lungo periodo che a qualunque altro titolo, tenuto conto dell’insufficienza reddituale (avendo rilevato che la madre aveva percepito redditi fino al maggio 2010, la sorella disponeva di redditi assolutamente insufficienti, il padre non aveva conseguito alcun reddito).

Nel ricorso di primo grado la ricorrente ha dedotto che la Questura non avrebbe ben valutato la sua età (soli 19 anni), il fatto che ella viveva nella casa di proprietà dei genitori e poteva contare sull’aiuto anche economico dei parenti (zii e sorella) e che, quindi, disponeva dei mezzi per il mantenimento da “fonte lecita”; inoltre essendo arrivata in Italia in tenera età ed ha qui frequentato la scuola dell’obbligo, era perfettamente integrata nel tessuto sociale italiano.

Il TAR, dopo aver svolto approfondimenti istruttori, ha respinto il ricorso.

Avverso la decisione l’interessata ha proposto appello ribadendo le proprie tesi difensive già svolte in primo grado, sottolineando che trattandosi di familiare ricongiunto, la Questura avrebbe dovuto tener conto – ai sensi dell’art. 5, comma 5 del D.Lgs. n. 286 del 1998 – anche della natura e dell’effettività dei suoi vincoli familiari e dell’esistenza di legami familiari con il suo Paese di origine, nonché della durata del suo soggiorno sul territorio nazionale ribadendo di essere entrata in Italia da bambina e di aver sempre vissuto nel territorio nazionale.

L’appello è stato respinto con sentenza del 6 marzo 2018 (Sezione III), in quanto il diniego di rilascio del permesso di soggiorno è risultato fondato sulla carenza dei requisiti reddituali, circostanza di fatto non superata dalle difese dell’appellante.

I Giudici del gravame hanno sottolineato che il possesso del requisito reddituale attiene alla sostenibilità dell’ingresso e della permanenza dello straniero nella comunità nazionale in ragione del suo stabile inserimento nel contesto lavorativo e della sua capacità di contribuire allo sviluppo economico e sociale del paese ospitante, senza ricorrere ad attività illecite.

Ciò posto, l’applicazione delle disposizioni che richiedono il possesso di un reddito minimo per il rinnovo del permesso di soggiorno deve restare strettamente ancorata ai termini fissati dalle norme per ciascuna diversa finalità e all’interno della ratio che le sorregge, tenuto conto che da esse dipende l’accesso a diritti fondamentali per la persona interessata.

Pertanto, dalle disposizioni del D.lgs. n. 286 del 1998, complessivamente considerate, non si evince che sia necessaria la dimostrazione del possesso, in modo assoluto ed ininterrotto, del predetto livello di reddito ai fini del rinnovo del permesso di soggiorno, potendo esservi periodi nei quali tali requisiti possano in tutto o in parte mancare, purché però tali periodi siano limitati nel tempo e non determinino una definitiva perdita della capacità di produrre reddito.

Nel caso di specie, però, non viene in rilievo una intermittenza del reddito, ma manca totalmente il requisito reddituale in quanto è risultato che la giovane appellante vive sostanzialmente a carico di terzi, che a loro volta non dispongono di sufficienti mezzi per mantenerla secondo gli standard previsti dalla normativa italiana.

Fonte: Massimario G.A.R.I.

Rodolfo Murra

(6 marzo 2018)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

16 luglio 2015
Immigrazione | Il Consiglio di Stato conferma l'interoperatività e la semi-vincolatività superabile solo per motivi umanitari o per obblighi internazionali previa consultazione dello Stato segnalante.

 
 
Condividi la notizia

18 marzo 2018
Immigrazione | Il Consiglio di Stato chiarisce che la pericolosità sociale del richiedente va accertata in concreto.

 
 
Condividi la notizia

2 marzo 2016
Pubblica Sicurezza | Sì all'espulsione dal territorio italiano se c'è propaganda su Facebook a favore dello Stato islamico.

 
 
Condividi la notizia

15 agosto 2015
Alla ricerca di opportunità | Ai beneficiari sarà garantita, oltre all'indennità monetaria mensile di circa 450 euro, anche un eventuale rimborso per le spese di viaggio sostenute.

 
 
Condividi la notizia

4 febbraio 2016
Stabilità 2016 | Dal 2016 la copertura assicurativa viene estesa anche ai detenuti e agli internati impegnati in attività volontarie e gratuite e agli stranieri richiedenti asilo in possesso del permesso di soggiorno.

 
 
Condividi la notizia

7 maggio 2015
Ministero dell'Interno | La c.d. "Carta Blu UE" facilita i datori di lavoro. Una semplice comunicazione in luogo del nulla osta per i cittadini di Paesi terzi che intendono svolgere lavori altamente qualificati.

 
 
Condividi la notizia

9 febbraio 2015
Appalti | Euro 343.455,51 di risarcimento del danno da mancata aggiudicazione e danno curriculare nella sentenza del Consiglio di Stato del 9 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

8 dicembre 2015
Tariffe di Sosta | Confermato l'annullamento dell'aumento delle tariffe‎ di Stallo in assenza delle altre misure previste per il miglioramento della viabilità.

 
 
Condividi la notizia

28 aprile 2015
Agcom | I principi sanciti nella sentenza del Consiglio di Stato del 27.4.2015, n. 2156.

 
 
Condividi la notizia

17 novembre 2015
Registri dello Stato civile | I giudici di Palazzo Spada chiariscono il rapporto inter-organico tra Sindaco, ufficiale di Governo, e Prefetto nella materia in esame.

 
 
Condividi la notizia

26 aprile 2015
Concorsi | La sentenza della Terza Sezione del Consiglio di Stato del 24.4.2015.

 
 
Condividi la notizia

11 giugno 2018
Porto d'armi | Il Consiglio di Stato ribalta una sentenza del TAR Campania.

 
 
Condividi la notizia

22 settembre 2015
Opportunità | I candidati (categorie A e B) che non hanno allegato il modello ISEE alla propria candidatura, potranno farlo entro le ore 18.00 del 30 settembre.

 
 
Condividi la notizia

2 settembre 2015
Unione Europea | La sentenza della seconda Sezione del 2 settembre 2015.

 
 
Condividi la notizia

21 luglio 2015
Senza lavoro | 450 euro al mese nel programma di sostegno per affrontare il disagio sociale e favorire il rientro nel mercato del lavoro.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.