Condividi la notizia

Mercato del Lavoro

Cgia: ci sono 8.500 posti di lavoro vacanti nei settori ad elevata specializzazione tecnica

L'Ufficio Studi della Cgia di Mestre ha analizzato i dati dell'indagine di Unioncamere-Ministero del Lavoro, in particolare sui c.d. "lavori introvabili".

Se provate a chiedere in giro quale sia il problema più grave che affligge il nostro Paese, la stragrande maggioranza vi risponderà che è “la mancanza di lavoro”. Infatti, tutti i sondaggi degli Istituti specializzati danno conferma che è questo il cruccio più grande degli italiani; e basta dare un’occhiata ai dati Istat, Eurostat ed Ocse per trovare conferma : il tasso di disoccupazione in Italia è il più alto fra i Paesi economicamente più avanzati, vale a dire il 12,7% in assoluto ed oltre il 46% quella giovanile. Tanto per essere chiari : un vero disastro.

Non può, quindi, che destare grande sorpresa quanto evidenziato dall’Ufficio Studi della Cgia di Mestre, che ha analizzato i risultati dell’indagine svolta da UnionCamere-Ministero del Lavoro tra gli imprenditori del nostro Paese e di cui dà notizia il Sole 24 Ore.

Sorprendentemente, risulta che le nostre imprese spesso non riescono a coprire i posti di lavoro più qualificati, quelli nei settori tecnologici, che richiedono una particolare formazione ed un’alta specializzazione.

La Cgia fa presente che 5 anni fa non si riuscivano a trovare almeno la metà di quanto fosse necessario fra falegnami, infermieri, ostetriche ed acconciatori. Ora, invece, le figure professionali più difficili da trovare sono gli analisti ed i progettisti di software (manca il 37,7% della domanda), i programmatori (31,2%), gli ingegneri energetici e meccanici (28,1%), i tecnici della sicurezza del lavoro (27,7%) e quelli esperti in applicazioni informatiche (anche qui manca il 27,4% di quanti sarebbero necessari).

Li chiamano i “lavoratori introvabili” e con ogni probabilità ben 8.500 posti di lavoro non potranno essere coperti per mancanza di figure professionali dotate della necessaria preparazione e competenza, in relazione ai settori ad alta specializzazione tecnica, con particolare riguardo per l’informatica.

Secondo il parere del segretario della Cgia, Giuseppe Bortolussi, tra le cause di questa situazione si potrebbe individuare  anche il metodo di ricerca del personale utilizzato da molte aziende e, in qualche caso, anche l’indisponibilità del personale in cerca di lavoro ad accettare condizioni che non garantiscano “sufficiente stabilità”. Cosa che -ad esempio- non succede negli Stati Uniti, dove la “mobilità” del posto di lavoro non spaventa ed, anzi, spesso rappresenta  un elemento che contribuisce ad aumentare la professionalità e la capacità di misurarsi con un sistema realmente competitivo.

Al di là di questi aspetti,  resta il fatto che le imprese italiane non riescono a coprire i posti vacanti perché i candidati non sono sufficientemente preparati rispetto alle necessità del ciclo produttivo. Le cause sono molteplici, ma non è certamente un caso se l’Ocse ci ha appena comunicato che il nostro sistema scolastico si piazza solo al 23° posto su trenta, nella graduatoria dei migliori.

Le cose non vanno certo meglio se si parla di formazione e specializzazione professionale. Esattamente il contrario di quanto accade in Germania, dove c’è un sistema “misto”, che permette ad  uno studente anche di iniziare a  fare formazione, trovandosi così già pronto ad affrontare i problemi pratici del mondo del lavoro, una volta finiti gli studi.

Del resto, è stato lo stesso Presidente del Consiglio Matteo Renzi, proprio qualche giorno fa, ad indicare la Germania come un vero e proprio modello per quanto riguarda il “mercato del lavoro”, per la sua flessibilità ed il sistema di formazione.

 

 

 

Moreno Morando

(6 settembre 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

9 luglio 2015
POLITICHE SOCIALI | L'Esecutivo Regionale ha assegnato alle Province di Potenza e Matera le risorse per la prosecuzione dei percorsi di formazione a favore dei fuoriusciti dalla mobilità in deroga.

 
 
Condividi la notizia

1 ottobre 2014
Mercato del lavoro | Presso la Commissione lavoro della Camera dei deputati sono stati presentati i dati emersi dal sistema informativo Excelsior su gestione dei servizi per il mercato del lavoro nonché sul ruolo ed attività degli operatori.

 
 
Condividi la notizia

15 settembre 2015
Istat | Presentate congiuntamente le informazioni più recenti sulla domanda da parte delle imprese e quelle sulla offerta degli individui.

 
 
Condividi la notizia

17 agosto 2014
Lavoro e Politiche Sociali | In un'intervista rilasciata al Corriere delle Sera, il Ministro ha esaminato tutte le questioni all'ordine del giorno.

 
 
Condividi la notizia

26 giugno 2014
Francia in crisi | I dati forniti dall'Istituto di Statistica dell'Unione Europea chiariscono che solo i finlandesi lavorano meno dei cugini d'oltralpe. Per gli economisti incide la legge sulle 35 ore settimanali e la mancanza di qualunque flessibilita' sul mercato del lavoro

 
 
Condividi la notizia

4 agosto 2015
Rilevazioni ISTAT | Il Ministero del Lavoro pubblica dati statistici e relazioni nella propria "Nota Flash".

 
 
Condividi la notizia

22 giugno 2014
Lavoro 2.0 | Il modello digitale di sviluppo per l'economia futura portando l'esempio del settore editoria.

 
 
Condividi la notizia

4 agosto 2014
Disoccupazione e crisi | Pubblicato lo studio della Uil "No Pil? No Job" sui dati del mercato del lavoro della cassa integrazione nel periodo 2008 /2013

 
 
Condividi la notizia

14 dicembre 2017
Inps | La base empirica e analitica utile a favorire lo sviluppo del dibattito pubblico.

 
 
Condividi la notizia

25 giugno 2015
Jobs act | Ha l'obiettivo di informare sulle principali novità normative introdotte dai decreti legislativi di attuazione della delega in materia di lavoro.

 
 
Condividi la notizia

8 luglio 2014
Unione Europea | Continua la discussione tra i vari rappresentanti dei Paesi dell'Unione sul tema della crescita e della flessibilita', ma il giornale londinese sostiene che e' l'opinione pubblica tedesca ad influire sulle decisioni della Merkel.

 
 
Condividi la notizia

3 giugno 2014
Istat | Senza lavoro 3,5 milioni di italiani . Disoccupazione ai massimi per i giovani e aumenta il numero degli “scoraggiati”.

 
 
Condividi la notizia

29 novembre 2016
Ministero del Lavoro | Sul portale dell'Anpal è possibile richiedere l'assegno di ricollocazione che può variare da 250 a 5000 euro.

 
 
Condividi la notizia

30 aprile 2014
Rimedi in tempi di crisi | L'esperimento attuato in Svezia preso ad esempio da alcuni economisti per combattere la disoccupazione sempre piu' alta nel nostro Paese

 
 
Condividi la notizia

2 settembre 2014
Mercato del Lavoro | Presentando il programma dei "mille giorni" il Premier ha elogiato la Germania, in particolare sul mercato del Lavoro.

 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.