Condividi la notizia

Si studia il modello francese

5200 emendamenti alla proposta di riforma del Senato

Critiche da FI e Lega. Malumori anche nel Pd.

Reduce dal successo elettorale, il governo Renzi punta alle riforme istituzionali, a partire da quella del Senato. Ieri l'incontro fra il ministro Boschi e il presidente della commissione Affari costituzionali del Senato, Angela Finocchiaro (PD). Nel corso dell'incontro si è discusso del principale modello scelto dal governo per dare attuazione alla riforma: quello del Senato francese.

Un modello che sarebbe valido solo guardando al metodo di selezione dei nuovi membri del Senato. In Francia, infatti, i 348 senatori sono eletti in maniera indiretta da circa 150.000 grandi elettori (sindaci, consiglieri municipali, consiglieri dipartimentali e consiglieri regionali). In questo modo si genera spesso un Senato dove le piccole comunità locali sono sovrarappresentate. Il Senato francese, tuttavia, conserva gli stessi poteri dell'Assemblea Nazionale e pertanto le leggi proposte dal Governo o da una delle due camere devono essere ratificate da entrambi i rami del parlamento. 

La direzione indicata dalla Finocchiaro ha suscitato la reazione di Forza Italia che, attraverso il suo capogruppo in Senato, Paolo Romani, ha chiarito che il modello francese per l'elezione del Senato "è inaccettabile". Sul piede di guerra anche la Lega. Il vicepresidente del Senato Roberto Calderoli ha stigmatizzato l'ispirazione a un modello che esclude l'elezione diretta dei nuovi membri del senato: "purtroppo ancora una volta si cerca di togliere la possibilità al popolo di eleggere i propri senatori cercando degli ibridi che consentano per legge alla sinistra di avere di partenza e artificiosamente l'80 per cento dei componenti di palazzo Madama

Critiche non mancano anche in casa PD. Da segnalare il commento del senatore Corradino Mineo (già inviato a Parigi della RAI per molti anni): "Nella Costituzione francese del '58 - spiega Mineo - tutto gioca intorno all'elezione diretta del presidente della Repubblica, dominus del governo (ma senza sporcarsi le mani, per quello c'è il primo ministro) e soprattutto garante della Costituzione e dello spirito repubblicano. Un sovrano costituzionale. Però, siccome elezione diretta e doppio turno suscitano, in Francia soprattutto, una dinamica giacobina e parigina, ecco che la Costituzione gollista pensò di offrire una tribuna alla pancia profonda e trascurata del paese, ai piccoli amministratori  che non toccano palla nella politica nazionale ma fanno i conti con tanti Asterix locali".

Intanto pesa sull'iter parlamentare della riforma l'ingente numero di emendamenti presentati dai singoli partiti sul testo della riforma del Senato e del Titolo V della Costituzione presentato dal governo: circa 5.200 in tutto, di cui 3.806 della Lega. 161 gli emendamenti presentati dal Movimento Cinque Stelle, mentre quelli del Pd sarebbero circa 140, solo tredici, invece, gli emendamenti del Ncd. 

Francesco Colafemmina

(4 giugno 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

29 luglio 2014
Riforme | Il dissidente PD Vannino Chiti ha ipotizzato di spostare il voto finale a settembre ed il Premier non ha escluso questa eventualita'

 
 
Condividi la notizia

25 giugno 2014
Riforme | Si e' svolto l'atteso incontro fra le due delegazioni per discutere di legge elettorale. PD e M5S si rivedranno per discutere di riforme costituzionali

 
 
Condividi la notizia

22 agosto 2014
Riforme costituzionali | Le norme approvate in prima lettura dal Senato hanno completamente modificato l'iniziale impostazione del "disegno di legge Boschi"

 
 
Condividi la notizia

23 luglio 2014
Riforme | Nel corso della giornata il Presidente della Repubblica ha continuato a prestare la sua opera a sostegno delle riforme caldeggiate da Matteo Renzi, ricevendo al Quirinale Grasso e Vendola.

 
 
Condividi la notizia

16 luglio 2014
Riforme | In vista del voto sulla riforma del Titolo V e del Senato, il leader dei democratici e quello degli azzurri hanno chiesto ai loro parlamentari di tener fede all'accordo del "Nazareno"

 
 
Condividi la notizia

20 giugno 2014
Riforme | L'iniziativa assunta a sorpresa dal M5S di chiedere un incontro al Premier per discutere di riforme, ha accelerato il processo in atto e rafforzato la posizione del Presidente del consiglio

 
 
Condividi la notizia

4 agosto 2014
Riforme | In due ore sono stati approvati ben sette articoli del disegno di legge a suo tempo presentato dal Ministro Maria Elena Boschi.

 
 
Condividi la notizia

22 luglio 2014
Riforme | Dura reazione al Senato del Ministro Maria Elena Boschi alle critiche e all'ostruzionismo del M5S. Renzi: l'Italia non è nelle mani di chi vuol fare ostruzionismo.

 
 
Condividi la notizia

2 luglio 2014
Riforme | Confermato per giovedi' tre luglio il secondo incontro tra le delegazioni del Partito Democratico, presente il Premier, e quella del Movimento 5 Stelle. Si parlera' di legge elettorale e, probabilmente, anche di riforme costituzionali

 
 
Condividi la notizia

27 giugno 2014
Riforme | Un gruppo di 33 senatori ha presentato un nutrito numero di subemendamenti alla proposta del Governo, contestando in primo luogo l'abolizione dell'elezione diretta. Diciotto fanno parte della maggioranza che sostiene l'Esecutivo

 
 
Condividi la notizia

18 luglio 2014
Governo | Riforme a rilento per il Governo a causa del cosiddetto ingorgo parlamentare. Per convertire in legge i decreti serve più tempo e il rimpallo fra commissioni e aula, con innumerevoli emendamenti presentati rischia di rallentare la spinta riformista.

 
 
Condividi la notizia

1 luglio 2014
Riforme | La Commissione Affari Costituzionali di Palazzo Madama ha votato a larga maggioranza per la "copertura" dell'immunita' anche per il Senato. Nel suo ddl il Governo l'aveva inizialmente prevista solo per i deputati

 
 
Condividi la notizia

27 luglio 2014
Riforme | Secondo tutti gli istituti di ricerca che si sono pronunciati negli ultimi giorni, la preoccupazione principale e' la disoccupazione e la crisi economica, non la riforma del Senato

 
 
Condividi la notizia

1 agosto 2014
Riforme | Dopo l'approvazione dell'art. 2 del "ddl riforme" il contestatissimo Presidente del Senato ha dichiarato decaduti altri 1.300 emendamenti.

 
 
Condividi la notizia

31 luglio 2014
Riforme | Si trattava di un emendamento proposto da un senatore della Lega per dare "competenze paritarie su temi etici".

 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.