Condividi la notizia

Iraq

Il premier iracheno accusa l'Arabia Saudita di "genocidio"

Mentre procede l'avanzata delle truppe dell'ISIS il premier Al-Maliki accusa i sauditi di finanziare e supportare l'esercito jihadista sunnita che sta mettendo a ferro e fuoco l'Iraq.

Sembra di assistere allo stesso copione della Jugoslavia e del Kosovo sia in Ucraina che in Iraq. Mentre negli anni '90 l'opposizione era fra islamici e cristiani, oggi si tentano nuove divisioni e si fomentano guerre civili in nome delle differenze all'interno delle stesse confessioni. Cattolici contro Ortodossi in Ucraina (in questa settimana è stata data alle fiamme una chiesa ortodossa durante gli scontri), Sunniti contro Sciiti in Iraq. Il vecchio establishment del Paese cerca di sfruttare l'avanzata dell'esercito ben armato ed equipaggiato dell'ISIS. E' notizia di ieri, ad esempio, che il giudice che condannò a morte Saddam Hussein sarebbe stato assassinato dagli jihadisti.

Mentre il premier Al-Maliki è anche alle prese con l'assenza di supporto da parte degli USA, cominciano a serpeggiare tensioni che vanno al di là dei confini nazionali. Così Al-Maliki accusa senza mezzi termini i Sauditi di finanziare e supportare l'ISIS: "Riteniamo il regno saudita responsabile del supporto di questi gruppi finanziariamente e moralmente e per il risultato di ciò che include crimini che possono essere qualificati come genocidio: lo spargimento di sangue iracheno, la distruzione delle istituzioni statali irachene e di siti storici e religiosi."

Naturalmente l'Arabia Saudita ha smentito le accuse di Al-Maliki. Di certo, però, qualcuno ha armato la mano dell'ISIS, ha dotato l'esercito jihadista di centinaia di mezzi (per lo più pick-up Toyota di ultima generazione), ha fornito supporto strategico e finanziario a questi squadroni della morte. Se poi la smentita saudita viene per bocca del principe Bandar, responsabile dei servizi di sicurezza nazionali, già amico di Bush e della famiglia Bin Laden, i dubbi si moltiplicano. 

Specie se si rammenta l'incontro fra il principe Bandar e Vladimir Putin del giugno 2013, quando - secondo le notizie trapelate - il dignitario saudita offrì a Putin il supporto nello sconfiggere i terroristi ceceni in previsione delle olimpiadi di Sochi, in cambio di un disimpegno russo in Siria, nazione nella quale le truppe dell'ISIS si sono formate e sono state addestrate ed armate da tutti i nemici del regime di Assad.

Insomma, la dinamica irachena sembra riconnettersi al grande gioco globale per il controllo delle risorse energetiche e delle vie di passaggio di petrolio e gas. Il cui scopo è evitare che vi siano regimi stabili e governi forti. Ogni divisione diventa così un utile strumento di controllo. E intanto Bloomberg annuncia che gli Hedge funds cominciano a trarre corposi guadagni dalla speculazione sul rialzo dei prezzi del petrolio. 

A pagarne le conseguenze non solo la popolazione civile irachene, ma anche il resto del mondo che dipende da un distributore di benzina e da prezzi dei carburanti capaci solo di salire e mai di scendere, indipendentemente dalle turbolenze del medio oriente.

Francesco Colafemmina

(23 giugno 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

21 giugno 2014
Esteri | Mentre le compagnie petrolifere statunitensi evacuano gli impianti di estrazione del petrolio, il Cremlino offre supporto al premier Al-Maliki, abbandonato al suo destino dagli USA.

 
 
Condividi la notizia

7 dicembre 2014
CGIA di Mestre | Come riporta con un comunicato della CGIA di Mestre, nonostante il prezzo del petrolio sia in continuo ribasso, dal 1° gennaio 2015, ci sarà un aumento delle accise dovute alla "clausola di salvaguardia".

 
 
Condividi la notizia

13 giugno 2014
Petrolio | L'allarme per l'escalation delle violenze in Iraq si ripercuote sul prezzo del greggio che sfiora il massimo 2014.

 
 
Condividi la notizia

9 luglio 2014
Gas | Rivelato dal Washington Post un documento a firma del Consiglio Europeo che invita gli USA a cancellare le restrizioni per l'esportazione di gas e petrolio. Restano i dubbi sulla convenienza di una simile operazione.

 
 
Condividi la notizia

29 settembre 2014
Energia | Dopo mesi di indagini e trivellazioni la società petrolifera russa Rosneft ha annunciato la scoperta di un enorme giacimento di petrolio nel mar di Kara. Potrebbe contenere più petrolio del Golfo del Messico.

 
 
Condividi la notizia

10 luglio 2014
Esteri | Secondo le rivelazioni dall'ambasciatore iracheno all'ONU l'ISIS si è impossessato di materiale fissile utile a costruire armi di distruzione di massa. E intanto spunta un profetico documento dell'Intelligence USA datato 2004.

 
 
Condividi la notizia

14 ottobre 2014
News in pillole | Aggiornamenti su Israele e Autorita' Palestinese; Russia e Ucraina; Cina e Hong Kong; Siria, Iraq e Isis; le proteste negli U.S.A.; il referendum in Catalogna; i due maro'; Italia e Germania; la Corea del Nord e l'addio all'Italia della FIAT dopo oltre cento anni.

 
 
Condividi la notizia

13 giugno 2014
Caos in Iraq | Sulla via del fallimento la teoria Bush dell'esportazione di democrazia. Obama stretto tra la necessità di evitare la debacle e l'impegno a non inviare altre truppe in Iraq.

 
 
Condividi la notizia

17 giugno 2014
Economia | Dichiarazioni a favore del TTIP da parte dei membri del governo Renzi. Restano tuttavia le molte incognite sulla reale portata di questo trattato doganale fra UE e USa.

 
 
Condividi la notizia

2 luglio 2014
Social Network | Nuove rivelazioni sul test del 2012 nel corso del quale Facebook ha manipolato gli account di circa 700.000 utenti a livello globale. Spunta la mano dell'esercito USA.

 
 
Condividi la notizia

15 maggio 2014
Impianti di distribuzione carburanti | Il Caso della Regione Umbria. La Corte Costituzionale boccia la legge regionale per violazione della concorrenza.

 
 
Condividi la notizia

28 settembre 2015
Energia ed Ambiente | Per il Presidente del Consiglio Regionale lucano Lacorazza si tratta di un "fatto di grande rilevanza, al di là del colore politico delle amministrazioni regionali".

 
 
Condividi la notizia

19 giugno 2014
Economia | Dopo lo stop del primo trimestre (-1%) le stime di crescita del PIL statunitense vengono riviste al ribasso dalla FED. Il presidente Janet Yellen annuncia una progressiva riduzione del quantitative easing ed esprime timori per la situazione in Iraq.

 
 
Condividi la notizia

19 settembre 2015
Energia ed ambiente | I Presidenti di sei regioni hanno deciso di promuovere un referendum abrogativo di alcune parti della legge sblocca Italia e dell'art. 35 del decreto sviluppo.

 
 
Condividi la notizia

28 novembre 2015
Energia ed ambiente | Lacorazza: "un buon punto di partenza, attendiamo fiduciosi il giudizio di ammissibilità della Corte Costituzionale".

 
 

Ascolta "La Pulce e il Prof"

 
Il diritto divulgato nella maniera più semplice possibile
 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.