Condividi la notizia

Caos in Iraq

L'armata di Al Qaeda marcia verso Baghdad

Sulla via del fallimento la teoria Bush dell'esportazione di democrazia. Obama stretto tra la necessità di evitare la debacle e l'impegno a non inviare altre truppe in Iraq.

A 11 anni dallo scoppio della seconda guerra del Golfo e dopo un costo coplessivo delle operazioni statunitensi pari a 6 Trilioni di $, secondo le stime pubblicate nel 2013 dal Watson Institute, ecco che l'Iraq ripiomba nell'incubo totalitario. Questa volta la democrazia esportata dagli States non è messa a rischio da un generale dell'esercito o da un leader carismatico, bensì da un folto gruppo di guerriglieri jiadhisti che, finanziati e addestrati dall'Occidente per abbattere la leadership di Assad, sono passati dalla Siria all'Iraq, lasciando dietro di sé una scia di sangue e violenze. Grazie agli armamenti fornitigli dal governo USA in Siria (missili anti-carro, fucili d'assalto, etc.) all'addestramento e al loro "fervore religioso" sembrano una macchina da guerra inarrestabile. 

Martedì hanno conquistato la seconda città del Paese, Mosul, causando l'esodo di circa 500.000 abitanti che si sono ammassati con le loro auto alle porte della città. Mercoledì sono passati alla città natale di Saddam Hussein, Tikrit. E adesso starebbero marciando verso Baghdad.  

Si fanno chiamare armate dello Stato islamico dell'Iraq e del levante (ISIS), non hanno pietà dei civili, e grazie alla ritirata immediata delle forze irachene - addestrate dagli USA per un costo complessivo di 20 miliardi di dollari - si sono impossessati di mezzi militari e persino elicotteri lasciati sul campo dall'esercito governativo. Sono sunniti e quindi vicini al vecchio establishment dell'epoca di Saddam e particolarmente invisi al vicino Iran. Tanto che il governo iracheno, guidato da Nouri al-Maliki, si starebbe avvalendo dell'ausilio delle guardie rivoluzionarie iraniane, corpi militari scelti che, superando una conflittualità antica, avrebbero deciso di correre in soccorso dei fratelli sciiti, in particolare per difendere Baghdad. 

La notizia è stata confermata dal Wall Street Journal. Intanto Obama annuncia che "non è escluso un intervento militare" degli USA, anche se, precisa, non avverrà attraverso l'invio di forze sul campo, bensì grazie all'uso dei droni. Gli esiti di una guerra telecomandata restano però molto incerti. E mentre assieme ai droni viene deciso l'invio di 36 F-16, missili Hellfire, fucili d'assalto e munizioni in quantità, il definitivo fallimento della politica di esportazione della democrazia statunitense, armata (dottrina Bush) o più o meno disarmata (dottrina Obama delle "primavere arabe") è alle porte. 

Anche perché i gruppi islamisti dell'ISIS hanno fatto una scelta strategica. Il loro obiettivo non è tanto il controllo diretto del Paese, quanto quello delle sue risorse energetiche. L'ha compreso anche la minoranza curda del nord dell'Iraq che, attraverso truppe irregolari ha preso ieri il controllo di Kirkuk, la capitale del petrolio iracheno. Il controllo dei pozzi di Mosul e Kirkuk potrà assicurare l'imminente capitolazione delle forze democratiche della Nazione e sancire il definitivo "game-over" per gli USA. 

Francesco Colafemmina

(13 giugno 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

19 settembre 2014
Emergenza mondiale | Nazioni Unite, ok a risoluzione ma non isolare i Paesi colpiti dal virus. Intanto gli Usa stanziano 750 milioni di dollari e Obama invia 3000 soldati in Africa.

 
 
Condividi la notizia

14 ottobre 2014
News in pillole | Aggiornamenti su Israele e Autorita' Palestinese; Russia e Ucraina; Cina e Hong Kong; Siria, Iraq e Isis; le proteste negli U.S.A.; il referendum in Catalogna; i due maro'; Italia e Germania; la Corea del Nord e l'addio all'Italia della FIAT dopo oltre cento anni.

 
 
Condividi la notizia

3 novembre 2014
Elezioni di "mezzo termine" | Finita la "grande storia d'amore" con l'elettorato, il primo Presidente afroamericano degli Stati Uniti rischia di subire un'umiliante sconfitta.

 
 
Condividi la notizia

20 agosto 2014
Esteri | Particolarmente preoccupato Barack Obama anche dalle notizie dal fronte interno per le manifestazioni di protesta in Missouri

 
 
Condividi la notizia

8 agosto 2014
Iraq | Il mese scorso l'autoproclamato capo dell'Isis aveva incitato i musulmani di tutto il mondo a marciare sulla "Citta' Eterna"

 
 
Condividi la notizia

21 giugno 2014
Esteri | Mentre le compagnie petrolifere statunitensi evacuano gli impianti di estrazione del petrolio, il Cremlino offre supporto al premier Al-Maliki, abbandonato al suo destino dagli USA.

 
 
Condividi la notizia

10 luglio 2014
Esteri | Secondo le rivelazioni dall'ambasciatore iracheno all'ONU l'ISIS si è impossessato di materiale fissile utile a costruire armi di distruzione di massa. E intanto spunta un profetico documento dell'Intelligence USA datato 2004.

 
 
Condividi la notizia

4 giugno 2014
G7 | Duro messaggio degli USA alla Russia in merito alla guerra civile nel sud est dell'Ucraina. Ma è l'accordo doganale USA-UE il vero obiettivo di un G7 dominato da Obama.

 
 
Condividi la notizia

3 luglio 2014
Varie | Rinviato a lunedi' l'incontro tra le delegazioni del PD e del M5S; Obama considerato dagli americani il peggior Presidente USA del dopoguerra; Fabio Capello "convocato" dal Parlamento russo

 
 
Condividi la notizia

15 agosto 2014
Striscia di Gaza | Mentre regge l'ulteriore tregua di 5 giorni e proseguono le trattative al Cairo, si inaspriscono i rapporti tra Obama e Netanyahu

 
 
Condividi la notizia

21 luglio 2014
Crisi Ucraina | Mentre gli USA accusano la Russia procedono le operazioni per il recupero dei corpi delle vittime e l'accertamento delle responsabilità del disastro aereo.

 
 
Condividi la notizia

13 giugno 2014
Petrolio | L'allarme per l'escalation delle violenze in Iraq si ripercuote sul prezzo del greggio che sfiora il massimo 2014.

 
 
Condividi la notizia

9 luglio 2014
Gas | Rivelato dal Washington Post un documento a firma del Consiglio Europeo che invita gli USA a cancellare le restrizioni per l'esportazione di gas e petrolio. Restano i dubbi sulla convenienza di una simile operazione.

 
 
Condividi la notizia

2 luglio 2014
Guerra in Siria ed Iraq | In un video messaggio il "Califfo" dell'autoproclamato Stato Islamico che si estende su parte della Siria e dell'Iraq ha invitato i musulmani di tutto il mondo a trasferirsi nella "nuova terra" per combattere sotto quella bandiera

 
 
Condividi la notizia

17 giugno 2014
Economia | Dichiarazioni a favore del TTIP da parte dei membri del governo Renzi. Restano tuttavia le molte incognite sulla reale portata di questo trattato doganale fra UE e USa.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.