Condividi la notizia

Esteri

Iraq: le forze terroristiche dell'ISIS sono in possesso di 40 chili di uranio

Secondo le rivelazioni dall'ambasciatore iracheno all'ONU l'ISIS si è impossessato di materiale fissile utile a costruire armi di distruzione di massa. E intanto spunta un profetico documento dell'Intelligence USA datato 2004.

L'esercito jihadista dell'ISIS si è impossessato di circa 40 chili di composti dell'uranio custoditi presso l'università di Mosul, città del nord Iraq finita nelle mani dei terroristi. E' quanto affermato alle Nazioni Unite dall'ambasciatore iracheno Mohamed Ali Alhakim.

"I gruppi terroristici hanno preso controllo di materiale nucleare presso i siti finiti fuori dal controllo dello Stato" ha scritto Alhakim a Ban Ki Moon, aggiungendo che "questo materiale può essere utilizzato nella preparazione di armi di distruzione di massa". "Questo materiale nucleare, nonostante la limitata quantità menzionata, può abilitare i gruppi terroristici, qualora fossero nella disponibilità dell'adeguata perizia tecnica, ad usarlo separatamente o in combinazione con altri materiali in azioni terroristiche" così Alhakim. 

Una fonte vicina al governo Statunitense ha tuttavia specificato alla Reuters che non si tratterebbe di uranio arricchito, ma questo non vorrebbe dire che il materiale sarebbe più facile da manipolare. 

Intanto nuove rivelazioni dimostrano che il "progetto" volto alla nascita di un Califfato islamico - analogo a quello proclamato dall'ISIS - sarebbe tutto made in USA. Un documento datato 2004 e prodotto dal National Intelligence Council (organizzazione della United States Intelligence Community) dal titolo "Mapping the Global Future" riportava un dettagliato scenario strategico che ipotizzava la proclamazione di un "Califfato islamico" capace di "minacciare gli stili di vita occidentali".

Il documento che analizza i potenziali rischi per la sicurezza mondiale dal 2004 al 2020 si ipotizza la parabola di un nuovo Califfato, che viene proclamato da un leader spirituale non direttamente legato ad Al Qaeda. Il Califfato porterà caos e disordini non solo in Medio Oriente ma in tutta l'Europa dove insorgeranno le masse di migranti islamici. La storia di questo futuribile Califfato è raccontata attraverso un artificio letterario da un nipote di Osama Bin Laden. Ciò che davvero stupisce di questo documento è la sua analogia con la realtà attuale. Anzitutto si ipotizza uno scontro fra sunniti (che sostengono il Califfato) e sciiti che arretrano sotto l'egida dell'Iran. In secondo luogo si sottolinea il ruolo di internet e dei social networks nella diffusione degli adepti del Califfato. In terzo luogo si evidenzia il problema dell'immigrazione in Europa che costituirà una minaccia per la sicurezza durante la fase di sviluppo del movimento islamico. 

Nello scenario si parla specificamente di acquisizione da parte delle forze legate al califfato di materiale nucleare: "La nostra maggiore preoccupazione è che gruppi terroristici possano acquisire strumenti nucleari capaci di causare uccisioni di massa". Si aggiunge poi che: "Con gli sviluppi nella progettazione di armi nucleari semplificate, i terroristi continueranno a cercare di acquisire materiale fissile per poter costruirie un'arma nucleare."

Quanto di questo documento sia parto di una fantasiosa mente profetica o piuttosto corrisponda ad un lucido progetto dell'intelligence americana è difficile dirlo. Di sicuro quanto previsto nel 2004 si sta lentamente trasformando in realtà. 

 

Francesco Colafemmina

(10 luglio 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

19 settembre 2014
Emergenza mondiale | Nazioni Unite, ok a risoluzione ma non isolare i Paesi colpiti dal virus. Intanto gli Usa stanziano 750 milioni di dollari e Obama invia 3000 soldati in Africa.

 
 
Condividi la notizia

21 giugno 2014
Esteri | Mentre le compagnie petrolifere statunitensi evacuano gli impianti di estrazione del petrolio, il Cremlino offre supporto al premier Al-Maliki, abbandonato al suo destino dagli USA.

 
 
Condividi la notizia

14 ottobre 2014
News in pillole | Aggiornamenti su Israele e Autorita' Palestinese; Russia e Ucraina; Cina e Hong Kong; Siria, Iraq e Isis; le proteste negli U.S.A.; il referendum in Catalogna; i due maro'; Italia e Germania; la Corea del Nord e l'addio all'Italia della FIAT dopo oltre cento anni.

 
 
Condividi la notizia

13 giugno 2014
Petrolio | L'allarme per l'escalation delle violenze in Iraq si ripercuote sul prezzo del greggio che sfiora il massimo 2014.

 
 
Condividi la notizia

9 luglio 2014
Gas | Rivelato dal Washington Post un documento a firma del Consiglio Europeo che invita gli USA a cancellare le restrizioni per l'esportazione di gas e petrolio. Restano i dubbi sulla convenienza di una simile operazione.

 
 
Condividi la notizia

19 dicembre 2014
TERRORISMO | Terrorismo e cospirazione finalizzata all'’uccisione di cittadini americani. Se condannato rischia l'ergastolo.

 
 
Condividi la notizia

13 giugno 2014
Caos in Iraq | Sulla via del fallimento la teoria Bush dell'esportazione di democrazia. Obama stretto tra la necessità di evitare la debacle e l'impegno a non inviare altre truppe in Iraq.

 
 
Condividi la notizia

17 giugno 2014
Economia | Dichiarazioni a favore del TTIP da parte dei membri del governo Renzi. Restano tuttavia le molte incognite sulla reale portata di questo trattato doganale fra UE e USa.

 
 
Condividi la notizia

2 luglio 2014
Social Network | Nuove rivelazioni sul test del 2012 nel corso del quale Facebook ha manipolato gli account di circa 700.000 utenti a livello globale. Spunta la mano dell'esercito USA.

 
 
Condividi la notizia

25 febbraio 2015
MEF | On line la relazione del Dipartimento del Tesoro predisposta dal Comitato di sicurezza finanziaria.

 
 
Condividi la notizia

2 novembre 2014
JPO Programme 2014/2015 | Al via l'iniziativa di cooperazione finanziata dal Ministero degli Affari Esteri. Numerosi i profili ricercati da giurista, economista a esperto in materia di alimentazione, ambiente, economia dello sviluppo, diritti umani. Scadenza per l'inoltro delle candidature 12 novembre 2014.

 
 
Condividi la notizia

19 giugno 2014
Economia | Dopo lo stop del primo trimestre (-1%) le stime di crescita del PIL statunitense vengono riviste al ribasso dalla FED. Il presidente Janet Yellen annuncia una progressiva riduzione del quantitative easing ed esprime timori per la situazione in Iraq.

 
 
Condividi la notizia

13 gennaio 2016
Ministero dell'Interno | L'operazione dei Carabinieri del Ros.

 
 
Condividi la notizia

21 luglio 2014
Crisi Ucraina | Mentre gli USA accusano la Russia procedono le operazioni per il recupero dei corpi delle vittime e l'accertamento delle responsabilità del disastro aereo.

 
 
Condividi la notizia

26 giugno 2015
Cooperazione internazionale | Adottate importanti misure per contrastare il finanziamento del terrorismo di matrice islamica.

 
 

Ascolta "La Pulce e il Prof"

 
Il diritto divulgato nella maniera più semplice possibile
 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.