Condividi la notizia

Economia

L'Italia favorirà il trattato doganale con gli USA: opportunità o suicidio?

Dichiarazioni a favore del TTIP da parte dei membri del governo Renzi. Restano tuttavia le molte incognite sulla reale portata di questo trattato doganale fra UE e USa.

Il governo Renzi è pienamente favorevole al trattato doganale fra USA e UE. "L'italia si concentrerà nel prossimo semestre di presidenza dell'Ue per facilitare il negoziato in corso sul Ttip (Trans-atlantic trade and investiment partnership) tra UE e Usa e l'adozione di misure più adatte ed immediate per rafforzare una visione comune dell'agenda digitale europea". Lo ha detto il sottosegretario al ministero dello sviluppo economico, Simona Vicari, a Londra nel corso dell'International ip enforcemente summit, organizzato dall'ufficio della proprietà intellettuale del Regno Unito (Uk intellectual property office), l'ufficio per l'armonizzazione nel mercato interno (Uami) e la Commissione europea per riflettere su come affrontare al meglio la violazione dei diritti di proprietà intellettuale che minaccia non solo i consumatori, ma danneggia le economie, le imprese e l'occupazione in tutto il mondo.

"Questo trattato - ha continuato la Vicari - riunirà centinaia di milioni di consumatori e la maggioranza del pil mondiale creando enormi opportunità commerciali, posti di lavoro, e sviluppo in particolare per le pmi, aziende che soffrono maggiormente gli attuali ostacoli al commercio, attraverso l'abbassamento di vincoli e l'ampliamento di una sana concorrenza. Poi nel settore delle telecomunicazioni il governo italiano punterà ad agire come facilitatore, perchè siano adottate misure adatte ed immediate per rafforzare una visione comune dell'agenda digitale europea. E lo faremo andando oltre la semplice applicazione dei servizi pan-europei, ma favorendo l'interazione digitale tra i cittadini, le imprese e le pubbliche amministrazioni ed il più ampio sviluppo della banda larga".

Nel frattempo alla Camera, il sottosegretario allo Sviluppo economico Carlo Calenda rispondendo a un'interpellanza del deputato ex M5s Adriano Zaccagnini che chiede di rivedere il TTIP, chiarisce: "All'interno del negoziato ci sono delle precise 'red lines'. E ci sono questioni in cui è chiaro non si potrà trovare una convergenza. Abbiamo delle idee sugli alimenti, sul cibo inevitabilmente divergenti. Ma questo non implica un'apertura agli Ogm, soprattutto visto che l'accordo prevede il riconoscimento delle indicazioni geografiche italiane". Il sottosegretario Calenda ha comunque precisato che durante il semestre italiano di presidenza Ue saranno anche modificati i segreti di Stato intorno all'accordo commerciale tra Unione Europea e Stati Uniti."

Fin qui le dichiarazioni del Governo. Vediamo però in che modo il trattato doganale rischia di trasformarsi in un definitivo suicidio per l'Europa. Anzitutto l'euro forte costituisce una empirica ragione per rifiutare il trattato doganale che si tradurrà in una inondazione di prodotti statuinitensi in Europa. Una sorta di strategia post-bellica per risanare l'economia USA che, a dispetto dei proclami, stenta a ripartire. I dati parlano chiaro: la crescita del pil nel 2012 è stata del 2,8%, nel 2013 dell'1,9% e nel primo trimestre 2014 il pil è entrato in territorio negativo -1%. Poter contare su un dollaro debole rispetto all'euro garantisce agli USA una potenza di fuoco commerciale non indifferente.

L’obiettivo dei negoziatori è inoltre quello di "armonizzare" le rispettive regolamentazioni in materia di commercio internazionale. Il riferimento è alle differenze che tuttora intercorrono tra UE ed USA nelle regole in materia di protezione sanitaria, alimentare, di diritto d’autore e del lavoro. Partendo dal presupposto che gli USA non intendono sacrificare in alcun modo la sostanza liberista delle loro normative, a pagarne le conseguenze sarà soltanto l'UE. E sarebbero pertanto minacciati anzitutto i diritti del lavoro, con una spinta verso la flessibilità e la competizione al ribasso sui salari. In secondo luogo i vincoli ambientali: pensiamo all'autorizzazione in tutta Europa della pratica del fracking per estrarre il gas di scisto, tanto caro agli Stati Uniti. In terzo luogo i vincoli in materia di sanità e alimentazione, comprese le limitazioni che la Ue impone all’uso ed all’importazione degli Ogm e delle carni trattate con ormoni o sterilizzate tramite l’uso di cloro. Tutti vincoli che andrebbero rivisti onde facilitare l'ingresso di prodotti statunitensi sui mercati europei.

Inoltre, una eliminazione delle tradizionali barriere commerciali esporrebbe le imprese agricole europee alla concorrenza dell’agri-businness statunitense forte di una concentrazione di mercato impensabile in Europa. E questo si tradurrebbe anche in un vantaggio per l'industria a supporto dell'agricoltura. Il Reach (Regulation on Registration, Evaluation, Authorisation and Restriction of Chemicals, entrato in vigore il 1° giugno 2007 con lo scopo di regolamentare il mercato dei prodotti chimici nella Ue) ha consentito ai cittadini di tutelarsi dall’invasione di prodotti farmaceutici che per le autorità europee sono potenzialmente nocivi per la salute umana e animale. Grazie al TTIP, invece, si introdurrebbe la possibilità per le imprese, qualora volessero contestare una regolamentazione statale o comunitaria troppo stringente, di rivolgersi ad un organismo arbitrale terzo dotandosi così di un potente mezzo per il contrasto di politiche e leggi democraticamente adottate ma divergenti dalle loro strategie aziendali.

E non finisce qui. Il TTIP comporta rischi anche nel settore della proprietà intellettuale e apre ad una più morbida normativa sulla contraffazione. E' evidente, dunque, che data l'instabilità dell'economia europea, e specialmente di quella italiana, esposta in maniera sostanziale a rischi di contraffazione e sofisticaizone alimentare, il TTIP costrituirebbe un potenziale suicidio per l'Europa e un dubbio vantaggio per gli USA. 

Francesco Colafemmina

(17 giugno 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

9 luglio 2014
Gas | Rivelato dal Washington Post un documento a firma del Consiglio Europeo che invita gli USA a cancellare le restrizioni per l'esportazione di gas e petrolio. Restano i dubbi sulla convenienza di una simile operazione.

 
 
Condividi la notizia

8 novembre 2014
Favoritismi fiscali | Juncker, nella foto con Renzi e Van Rompuy, quando era Premier del Lussemburgo aveva concesso favori fiscali a centinaia di multinazionali e societa' estere.

 
 
Condividi la notizia

23 giugno 2014
Unione Europea in tempi di cambiamento | Il Governo Renzi ha consegnato un documento indicando le sue priorita' al Presidente del Consiglio Europeo Herman Van Rompuy, che sta preparando il "programma" della nuova Commissione UE

 
 
Condividi la notizia

24 ottobre 2014
Consiglio Europeo e manovra | Il Premier sembra molto a suo agio nel duro confronto con i vertici UE. Intanto e' stato precisato che il Tfr in busta paga non sara' calcolato nel reddito, per non sforare il tetto degli 80 euro.

 
 
Condividi la notizia

17 aprile 2016
Governo | Il contributo e la lettera del Presidente Renzi inviati a Jean-Claude Juncker e Donald Tusk.

 
 
Condividi la notizia

7 ottobre 2015
Unione Europea | Dichiarata invalida la decisione della Commissione Europea che aveva attestato che gli Stati Uniti garantiscono un adeguato livello di protezione.

 
 
Condividi la notizia

19 settembre 2014
Emergenza mondiale | Nazioni Unite, ok a risoluzione ma non isolare i Paesi colpiti dal virus. Intanto gli Usa stanziano 750 milioni di dollari e Obama invia 3000 soldati in Africa.

 
 
Condividi la notizia

6 maggio 2014
Difesa | Intervistato dalla trasmissione di Rai2 "2next" l'ambasciatore statunitense John Phillips si dice certo che l'Italia acquisterà tutti gli F35 e non la metà, come annunciato dal governo Renzi

 
 
Condividi la notizia

4 giugno 2014
G7 | Duro messaggio degli USA alla Russia in merito alla guerra civile nel sud est dell'Ucraina. Ma è l'accordo doganale USA-UE il vero obiettivo di un G7 dominato da Obama.

 
 
Condividi la notizia

10 agosto 2014
Riforme e recessione | Nelle sue interviste a La Stampa e al Financial Times il Premier ribadisce che sara' lui a decidere sulle riforme.

 
 
Condividi la notizia

4 luglio 2014
Unione Europea | Pesante attacco concentrico di vari esponenti tedeschi nei confronti del Presidente di turno della UE. Il Ministro delle Finanze Schauble non vuol sentir parlare di flessibilita'

 
 
Condividi la notizia

2 luglio 2014
Social Network | Nuove rivelazioni sul test del 2012 nel corso del quale Facebook ha manipolato gli account di circa 700.000 utenti a livello globale. Spunta la mano dell'esercito USA.

 
 
Condividi la notizia

29 giugno 2014
Riforme e semestre UE | Martedi' comincia il semestre UE a presidenza italiana, ma il Premier sara' particolarmente impegnato anche sul fronte interno. Da segnalare, intanto, il pesante attacco di Eugenio Scalfari al Presidente del Consiglio, accusato di non aver sostenuto la candidatura di Enrico Letta alla Presidenza del Consiglio Europeo.

 
 
Condividi la notizia

2 luglio 2014
Presidenza UE italiana | Nel suo discorso di inaugurazione del semestre di Presidenza italiana della UE davanti all'Europarlamento, il nostro Premier ha toccato con forza il tema della flessibilita' e della crescita, provocando la dura reazione del capogruppo del PPE, il tedesco Manfred Weber

 
 
Condividi la notizia

17 agosto 2014
Patrimonio artistico nazionale | Si tratta di una specie di "protezione civile UE per il patrimonio culturale colpito da calamita' naturali".

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.