Condividi la notizia

Legge di Stabilita'

Renzi e Padoan annunciano 80 euro alle neomamme e 800mila nuovi posti di lavoro

Il Premier promette dal 2015 il bonus per i primi tre anni di vita dei figli, mentre il Ministro dell'Economia prevede che le misure creeranno nuovo lavoro.

Continua la controffensiva mediatica del Premier per ribattere alle accuse delle opposizioni dopo il varo della Legge di Stabilità. Ospite di Barbara D’Urso a “Canale 5”, il Presidente del Consiglio ha annunciato che dal 2015 le neomamme potranno contare sugli 80 euro mensili per i primi tre anni di vita dei figli. Fonti governative hanno poi precisato che il “bonus” sarà garantito fino a 90.000 euro di “reddito famigliare”. Previste per il futuro anche facilitazioni per il terzo settore.

Renzi ha anche parlato delle polemiche sulle trascrizioni dei matrimoni gay, precisando che, dopo l’approvazione della legge elettorale, sarà affrontato il tema delle “unioni civili” tra coppie omosessuali. Secondo il Premier il modello tedesco potrebbe rappresentare un punto di mediazione fra le varie  proposte in campo, perché comunque garantirebbe i diritti civili alle persone dello stesso sesso.

Matteo Renzi non si è scomposto di fronte alla durissima reazione dei rappresentanti delle Regioni dopo il varo della Legge di Stabilità; anzi. Mentre il Presidente della Conferenza Stato-Regioni Sergio Chiamparino ha -tutto sommato- abbassato notevolmente i toni, tendendo la mano all’Esecutivo, nell’evidente tentativo di trovare un’intesa sui tagli alle Regioni decisi dal Governo; Matteo Renzi, al contrario, ha messo in chiaro che è giunto il momento che “le Regioni facciano la loro parte”, convinto che abbiano “qualcosa da farsi perdonare”.

“Le Regioni sono arrabbiate?, si è chiesto il Premier. “Gli passerà!”, è stata la sua risposta di tipico stampo “renziano”.

Lo aveva scandito lentamente nella sua intervista dell’altro ieri al tg1 e lo ha ribadito ieri, conscio del fatto che tutti gli scandali su corruzione, appropriazione indebita e quant’altro,  che hanno interessato molte amministrazioni regionali negli ultimi due anni (caso Fiorito, ma non solo), alla fine giochino a suo favore, perché -a suo parere- “sono 20 anni che i sacrifici li fanno solo le famiglie, ora è tempo che li facciano gli altri, a cominciare dai ministeri e dalle regioni”.

Nel frattempo, il Ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan ha annunciato alla trasmissione “ in Mezz’ora”, su Rai 3, che la manovra economica oggi sarà al Quirinale e mercoledì potrà approdare in Parlamento.

Secondo Padoan, si tratta di una Legge di Stabilità “fortemente orientata alla crescita”, che “si collega alle riforme strutturali, come il jobs act e la riforma fiscale”. Per il Ministro dell’Economia, “il 2015 dovrebbe essere l’anno in cui si torna a crescere e in cui aumenteranno anche i posti di lavoro”.

A questo proposito, Pier Carlo Padoan, ha evidenziato che il Governo ha stanziato 1,9 miliardi per coprire tasse e contributi del sistema previdenziale dei neoassunti, con evidente riferimento all’incentivo per i nuovi contratti a tempo indeterminato, che prevede l’azzeramento dei contributi nei primi tre anni.

Il Ministro ha precisato: “se non bastano vuol dire che l’economia sta andando molto bene, dunque stanzieremo altri soldi. Sarà una misura che si autofinanzierà”. Secondo una stima del Ministero, in questo modo i neoassunti dovrebbero guadagnare in media 1.200 euro netti al mese , per un totale di “800mila posti di lavoro in tre anni”.

In conclusione, Padoan si è rivolto direttamente agli imprenditori, invitandoli ad approfittare degli sgravi messi a disposizione dall’Esecutivo, ad investire ed a creare occupazione.

Moreno Morando

(20 ottobre 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

27 agosto 2014
Scuola | Sarà con tutta probabilità annunciato venerdì il piano di nuove assunzioni nella scuola. Dopo le dichiarazioni del ministro Giannini prosegue l'operazione di rilancio della scuola. Dubbi sulla reperibilità dei fondi.

 
 
Condividi la notizia

12 agosto 2014
Governo | C'è tempo fino al 31 agosto 2014 per partecipare alle consultazioni pubbliche sulle linee guida dello "Sblocca Italia" e della riforma della Giustizia.

 
 
Condividi la notizia

29 agosto 2014
Consiglio dei Ministri | Nella consueta conferenza stampa dopo il CdM il Premier ha esposto le linee guida per lo sblocco delle grandi opere e per riformare la Giustizia civile e penale

 
 
Condividi la notizia

9 settembre 2014
Spending review | Il Premier ha riunito il Ministro dell'Economia Padoan ed il Commissario Cottarelli per mettere a punto il piano d'azione.

 
 
Condividi la notizia

11 giugno 2015
ECONOMIA | Stabilizzazione degli interinali e nuove assunzioni. Fiat Chrysler ancora una volta scommette sulla Basilicata.

 
 
Condividi la notizia

28 agosto 2014
Consiglio dei Ministri | Il Premier portera' domani all'attenzione del CdM una serie di riforme per la cui attuazione ci sarebbero problemi di copertura finanziaria.

 
 
Condividi la notizia

2 settembre 2014
Strategia energetica nazionale | Con il decreto "sblocca Italia" si toglie alle regioni il potere di veto sulla ricerca e sulle trivellazioni.

 
 
Condividi la notizia

1 marzo 2016
Funzione Pubblica | Basilicata, Emilia Romagna, Lazio, Marche, Piemonte e Veneto sono le prime regioni che potranno procedere a nuove assunzioni.

 
 
Condividi la notizia

25 agosto 2014
"Sblocca Italia" | L'attesissimo provvedimento che dovrebbe spingere l'economia con una serie di misure per il rilancio dell'edilizia e' ancora all'esame di via XX Settembre

 
 
Condividi la notizia

19 settembre 2015
Energia ed ambiente | I Presidenti di sei regioni hanno deciso di promuovere un referendum abrogativo di alcune parti della legge sblocca Italia e dell'art. 35 del decreto sviluppo.

 
 
Condividi la notizia

19 ottobre 2014
Legge di Stabilita' | Mentre continua il confronto tra il Premier ed i rappresentanti delle Regioni, il Ministro dell'Economia Padoan non nasconde il suo ottimismo.

 
 
Condividi la notizia

23 ottobre 2014
Governo-Regioni | Nell'incontro di questa mattina con i Governatori, Il Premier ha ribadito in primo luogo che non c'e' spazio per la mediazione, i miliardi da tagliare restano quattro.

 
 
Condividi la notizia

28 ottobre 2014
Scontro Governo-sindacati | Ospite di "Otto e mezzo", il Premier ha ribadito che "le leggi non si scrivono con i sindacati ma in Parlamento. Il sindacato tratta con gli imprenditori, non fa trattative con il Governo".

 
 
Condividi la notizia

16 ottobre 2014
Legge di Stabilita' | Male anche i mercati, con la Borsa di Milano che denuncia forti perdite in due giorni e lo spread che sale oltre i duecento punti.

 
 
Condividi la notizia

11 settembre 2014
Spending review | Il Governo (nella foto, Renzi incontra i rappresentanti delle regioni) ha smentito, precisando tuttavia che "nessuno vuole gli sprechi".

 
 

Ascolta "La Pulce e il Prof"

 
Il diritto divulgato nella maniera più semplice possibile
 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.