Condividi la notizia

Corte Costituzionale

La Germania di Angela Merkel dovrá risarcire le vittime dei nazisti?

Una sentenza della Consulta apre le porte alla competenza del giudice italiano sulle richieste di risarcimento avanzate da vittime del nazismo nei confronti della Germania.

La Corte Costituzionale ha sancito la competenza del giudice italiano a decidere in merito alle richieste di risarcimento avanzate, da vittime del nazismo, nei confronti della Repubblica Federale di Germania. Ne dà notizia adnkrons.

Il principio si ricava dalla nota con la quale la Consulta ha dato conto della Camera di Consiglio di oggi, nella quale è stato dichiarato che “il principio dell’immunità degli Stati dalla giurisdizione civile degli altri Stati, generalmente riconosciuto nel diritto internazionale, non opera nel nostro ordinamento, qualora riguardi comportamenti illegittimi di uno Stato qualificabili e qualificati come crimini di guerra e contro l’umanità, lesivi di diritti inviolabili della persona garantiti dalla Costituzione”.

In sostanza, la Consulta ha “dichiarato l’illegittimità costituzionale delle norme di diritto interno che impediscono al giudice italiano di accertare l’eventuale responsabilità civile di un altro Stato per tali gravissime violazioni, commesse nel territorio nazionale a danno di cittadini italiani”.

La Corte Costituzionale, sempre nella nota richiamata, ha evidenziato come “queste norme, precisamente perché impediscono l’accertamento giurisdizionale di tale responsabilità e dell’eventuale diritto al risarcimento dei danni subiti dalle vittime, sono state giudicate lesive dei principi fondamentali dell’ordinamento costituzionale sanciti dagli articoli 2 e 24 della Costituzione”.

In particolare, la pronuncia della Consulta era stata richiesta in ordine all’ammissibilità “della richiesta di risarcimento alla Germania da parte delle vittime dei nazisti, rastrellate, portate nei campi di lavoro e di concentramento e obbligate a dure attività anche per 12 ore al giorno”. Erano chiamati gli “schiavi di Hitler”; si tratta di deportati italiani, costretti a lavorare per il Terzo Reich per circa 20 mesi, dal settembre 1943 fino al maggio 1945.

Il Procuratore Militare di Roma Marco De Paolis ha sottolineato che “si riapre una pagina di giustizia per le vittime dei crimini di guerra e per gli internati militari italiani”. Auspicando che sia possibile arrivare “se non a un risarcimento integrale, a una significativa riparazione di danni oggettivi e rilevanti”.

Il Presidente dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane (Ucei), Renzo Gattegna, ha dichiarato che si tratta di una sentenza storica, che stabilisce un principio: “non ci sono termini di prescrizione per procedere contro i crimini di guerra”.

Sarà interessante ascoltare la reazione -sempre ammesso che ce ne sia una- da parte del Governo Federale tedesco, guidato da Angela Merkel, alla sentenza della nostra Corte Costituzionale.

Moreno Morando

(23 ottobre 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

26 giugno 2014
Vertice UE | Prima dell'incontro ufficiale dei Capi di Stato e di Governo dell'Unione Europea in corso in Belgio, si sono confrontati con asprezza il leader italiano e quello tedesco, portatori di due idee diverse di Europa

 
 
Condividi la notizia

27 giugno 2014
UE: via libera a Juncker | Chiarimento tra il Premier italiano ed Angela Merkel dopo il duro confronto del primo giorno di vertice. Juncker designato a maggioranza alla Presidenza della Commissione Europea, con il voto contrario del britannico David Cameron.

 
 
Condividi la notizia

23 giugno 2014
Unione Europea in tempi di cambiamento | Il Governo Renzi ha consegnato un documento indicando le sue priorita' al Presidente del Consiglio Europeo Herman Van Rompuy, che sta preparando il "programma" della nuova Commissione UE

 
 
Condividi la notizia

3 luglio 2014
Varie | Rinviato a lunedi' l'incontro tra le delegazioni del PD e del M5S; Obama considerato dagli americani il peggior Presidente USA del dopoguerra; Fabio Capello "convocato" dal Parlamento russo

 
 
Condividi la notizia

4 luglio 2014
Unione Europea | Pesante attacco concentrico di vari esponenti tedeschi nei confronti del Presidente di turno della UE. Il Ministro delle Finanze Schauble non vuol sentir parlare di flessibilita'

 
 
Condividi la notizia

4 luglio 2014
Unione Europea | Nell'incontro svoltosi oggi a Villa Madama, il Presidente della Commissione Europea, nella sostanza, ha ribadito i vecchi concetti legati strettamente alla lettera dei Trattati

 
 
Condividi la notizia

8 luglio 2014
Unione Europea | Continua la discussione tra i vari rappresentanti dei Paesi dell'Unione sul tema della crescita e della flessibilita', ma il giornale londinese sostiene che e' l'opinione pubblica tedesca ad influire sulle decisioni della Merkel.

 
 
Condividi la notizia

15 luglio 2014
Unione Europea | Ora l'attenzione si sposta sulle altre nomine : Renzi insiste sulla Mogherini agli "Affari Esteri" dell'Unione, nonostante l'opposizione di 10-11 Paesi, che la ritengono "troppo vicina alla Russia di Vladimir Putin".

 
 
Condividi la notizia

14 luglio 2014
Unione Europea | Il Parlamento di Strasburgo ratifichera'la sua indicazione da parte del Consiglio Europeo, proprio mentre il Financial Times lo attacca pesantemente sottolineando come, durante i suoi 18 anni alla guida del Governo lussemburghese, il Granducato sia diventato il piu' grande paradiso fiscale d'Europa"

 
 
Condividi la notizia

14 luglio 2014
Nomine Unione Europea | La Polonia e le tre Repubbliche Baltiche hanno posto il veto sulla nomina del nostro Ministro degli Esteri alla carica di Alto Rappresentante per la Politica Estera della UE. Federica Mogherini e' ritenuta "troppo vicino alla Russia di Vladimir Putin".

 
 
Condividi la notizia

3 giugno 2014
Istat | L'Europa meridionale e gli effetti della crisi. In Germania l'occupazione è aumentata di un milione e 909mila

 
 
Condividi la notizia

15 luglio 2014
Crescita | Stenta a ripartire la produzione industriale in Europa. Mentre si attendono i dati sulla crescita di USA e Cina, Draghi lancia un monito all'Europa: "non serve la flessibilità per rilanciare la crescita, ma riduzione della spesa pubblica e taglio delle tasse".

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.