Condividi la notizia

Consiglio di Stato

Nicotina: "no" all'inserimento tra le sostanze che provocano assuefazione e dipendenza

Il rigido sistema degli impegni internazionali nella sentenza del 9 marzo 2016.

La Sesta Sezione del Consiglio di Stato con sentenza del 9.3.2016 n. 933 ha confermato - sia pur con motivazione diversa da quella del Giudice di prime cure - il rigetto del ricorso proposto dal Codacons diretto ad ottenere l'inclusione della nicotina tra le sostanze che provocano assuefazione e dipendenza in chi ne fa uso.

Per i giudici di Palazzo Spada l’inserimento della nicotina nell’ambito delle tabelle ministeriali di cui agli art. 13 e14 d.P.R. n. 309 del 1990 è precluso dall’esistenza di un rigido sistema di impegni internazionali, cui lo Stato italiano ha aderito e che non permettono che uno Stato possa inserire unilateralmente (e senza priva attivare un complesso procedimento sovranazionale) una nuova sostanza nell’elenco di quelle stupefacenti o psicotrope. 

Tale preclusione vale a maggior ragione per la nicotina in quanto  la circolazione e il commercio del tabacco e dei prodotti correlati è oggetto anche di una specifica normativa comunitaria che si ispira al principio della libera circolazione e che, solo in casi particolari ed eccezionali, consente agli Stati di adottare divieti o limiti all’immissione sul mercato del tabacco. 

Corollario di tale premessa è che l’inserimento della nicotina nell’elenco ministeriale delle sostanze stupefacenti o psicotrope darebbe vita, se realizzato (anche se realizzato per via giurisdizionale) all’inadempimento da parte dello Stato italiano di impegni assunti a livello internazionale e comunitario. 

Nel rigettare il ricorso, il Consiglio di Stato si premura di indicare la diversa via che dovrebbe essere intrapresa per ottenere l'inserimento della nicotina nel citato elenco ministeriale laddove chiarisce che la contestazione dovrebbe appuntarsi non tanto sul decreto ministeriale oggetto del presente giudizio (che, alla luce della normativa sovranazionale, risulta avere uno spazio di autonomia nella individuazione delle sostanze stupefacenti piuttosto circoscritto, limitandosi a svolgere una funzione quasi esclusivamente ricognitiva e classificatoria), ma, eventualmente, sulla mancata attivazione da parte della competente autorità nazionale del procedimento necessario per ottenere, in base all’art. 3 della Convenzione unica degli stupefacenti, l’inserimento della sostanza nelle tabelle. 

L'art. 3 della Convenzione unica degli stupefacenti siglata a New York nel 1961, infatti, stabilisce che affinché una sostanza possa essere inclusa nel novero delle sostanze stupefacenti, occorre che sia conclusa la procedura prevista da tale disposizione, derivandone altrimenti la responsabilità dello Stato sul piano della violazione degli impegni internazionali assunti. 

Inoltre, i prodotti del tabacco, e correlati, risultano, peraltro, anche oggetto di specifiche normative a livello comunitario che, ispirandosi al principio della libera circolazione, preclusono l’adozione di misure di controllo del tabagismo che possono avere per effetto di limitare o impedire la circolazione dei prodotti del tabacco nel mercato unico europeo con la conseguenza che non risulta, allo stato possibile, che in sede di decreto ministeriale, il Ministero della Salute possa disporre de plano l’inclusione della nicotina nell’ambito delle sostanze stupefacenti o psicotrope. 

Fonte: Consiglio di Stato 

Enrico Michetti

La Direzione

(13 marzo 2016)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e, se possibile, link a pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

29 novembre 2014
Ministero della salute | Sono sei le ditte italiane autorizzate a commercializzare sostanze psicotrope e stupefacenti per coprire il fabbisogno nazionale.

 
 
Condividi la notizia

9 febbraio 2015
Appalti | Euro 343.455,51 di risarcimento del danno da mancata aggiudicazione e danno curriculare nella sentenza del Consiglio di Stato del 9 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

28 aprile 2015
Agcom | I principi sanciti nella sentenza del Consiglio di Stato del 27.4.2015, n. 2156.

 
 
Condividi la notizia

26 aprile 2015
Concorsi | La sentenza della Terza Sezione del Consiglio di Stato del 24.4.2015.

 
 
Condividi la notizia

20 aprile 2015
Pubblica amministrazione | Il giudizio di ottemperanza nei principi sanciti nella sentenza della Quinta Sezione del Consiglio di Stato del 20 aprile 2015, n. 2002.

 
 
Condividi la notizia

22 maggio 2015
Giustizia amministrativa | I principi sanciti dal Consiglio di Stato, Sezione Quinta, nella sentenza del 22.5.2015 n. 2580.

 
 
Condividi la notizia

3 giugno 2015
Giustizia amministrativa | L'interpretazione dell'art. 1 della Legge n. 196 del 2009 nella sentenza della Sesta Sezione del Consiglio di Stato.

 
 
Condividi la notizia

1 marzo 2016
Disabili | Annullato il DPCM n. 159/2013. I trattamenti assistenziali, previdenziali ed indennitari non vanno calcolati ai fini ISEE.

 
 
Condividi la notizia

27 agosto 2015
Concorsi | Il possesso dei requisiti psico-fisici dei candidati a posti nel pubblico impiego nella sentenza del 26 agosto 2015 n. 4017.

 
 
Condividi la notizia

8 dicembre 2015
Tariffe di Sosta | Confermato l'annullamento dell'aumento delle tariffe‎ di Stallo in assenza delle altre misure previste per il miglioramento della viabilità.

 
 
Condividi la notizia

11 agosto 2015
Giustizia amministrativa | Solo la tutela della salute, dell'ambiente e dei beni culturali può limitare la libera apertura di strutture commerciali.

 
 
Condividi la notizia

19 maggio 2015
Ricerca di idrocarburi | Giusto negare una v.i.a. se c'è il rischio per il cedimento di una diga. La sentenza del 18.5.2015.

 
 
Condividi la notizia

13 febbraio 2015
politica e socialnetwork | Gli atti d'indirizzo della politica debbono concretarsi nella dovuta forma tipica dell'attività della pubblica amministrazione. La sentenza del 12 febbraio 2015 sui "cinguettii" dei Ministri.

 
 
Condividi la notizia

19 luglio 2015
Appalti | I principi sanciti dalla Terza Sezione nella sentenza del 16 luglio 2015 n. 3574.

 
 
Condividi la notizia

13 ottobre 2015
Giustizia amministrativa | Non è possibile contingentare il numero delle autorizzazioni. I principi sanciti nella sentenza n. 4597/2015.

 
 
 
 
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.