Condividi la notizia

Danno erariale

Il dipendente gioca a tennis nell'orario d'ufficio: il Dirigente paga

Dipendente regionale fa l'istruttore di tennis a pagamento in un circolo sportivo in giorni e fasce orarie in cui risultava in servizio. Dopo la condanna penale ed il licenziamento disciplinare arriva il giudice contabile che condanna anche il Dirigente.

Si presentava in ufficio in tenuta da tennis e per 53 volte si e' assentato ingiustificatamente dal servizio in orari in cui risultava presente in ufficio per recarsi presso un circolo sportivo dove da anni lavorava in qualità di istruttore di tennis.

Il clamore della Stampa con la quale veniva data notizia dell'avvio di un procedimento penale nei confronti di un dipendente della Regione Toscana dava avvio anche al procedimento dinanzi al giudice contabile.

Penalmente la vicenda si concludeva con sentenza del Tribunale di Firenze – Ufficio del Giudice per le Indagini Preliminari con la quale il dipendente patteggiava ex art. 444 c.p.p. la pena di mesi 9 di reclusione ed € 900,00 di multa.

In via amministrativa poi il Dirigente del Settore Amministrazione del Personale – Direzione Generale Organizzazione della Regione Toscana irrogava la sanzione disciplinare del licenziamento senza preavviso.

La Corte dei Conti con sentenza del 11 giugno 2014, depositata il 6 agosto 2014, ha condannato l'ex dipendente regionale, essendo evidente la sua responsabilità amministrativa in considerazione dell'avvenuto patteggiamento della pena in sede penale che equivale ad una tacita ammissione di colpevolezza.

Non basta, l'azione della Corte dei Conti si è diretta anche contro il dirigente della Regione Toscana preposto agli uffici in cui lavorava l'istruttore di tennis. Il dirigente, infatti, non ha impedito, omettendo i dovuti controlli interni, il comportamento delittuoso.

Interessante e' il passaggio con il quale il giudice contabile accerta la corresponsabilità del dirigente. Nella sentenza si sottolineano sia le modalità, quantomeno non consuete per un dress code da ufficio del dipendente regionale "che si presentava ripetutamente in tenuta da tennis", sia la logistica dell’ufficio di ambedue i convenuti che lavoravano nello stesso edificio e la frequenza dei comportamenti.

In tale comportamento del Dirigente la Corte ritiene che vi sia una totale assenza di diligenza, e rilevante superficialità e trascuratezza.

Ma veniamo alla condanna. La Procura contabile ha articolato la richiesta del danno erariale in: a) € 2.044,44 a titolo di danno patrimoniale diretto correlato all’indebita percezione di emolumenti in assenza della relativa prestazione lavorativa; b) € 2.000,00, quantificati in via equitativa a titolo di danno patrimoniale diretto correlato all’indebita percezione di emolumenti in assenza della relativa prestazione lavorativa per il periodo antecedente al 2010; c) danno all’immagine arrecato all’Amministrazione pubblica che, ai sensi dell’art. 55 – quinquies, comma 2, del D. lgs. 165 del 2001 introdotto dall’art. 69 del D. Lgs. n. 150 del 2009, veniva quantificato in € 10.000,00; d) € 7.923,00 per compensi percepiti nella qualità di insegnante di tennis nel periodo 2003 – 2010, in assenza di previa autorizzazione (cfr. art. 53, comma 7- bis D. Lgs. n. 165 del 2001), per i quali il dipendente non aveva provveduto al versamento in favore dell’Amministrazione.

La Corte dei Conti, Sezione Giurisdizionale Regionale per la Toscana ha condannato da un lato l'ex dipendente regionale al pagamento dei 2/3 del danno diretto pari alla somma di € 5.200,00 ed € 4.000,00 a titolo di danno all’immagine, oltre competenze accessorie come in motivazione e dall'altro il Dirigente al pagamento di 1/3 del danno diretto pari ad € 2.600,00. Entrambi infine sono stati condannati al pagamento delle spese giudiziali quantificate in € 875,56.=(Euro ottocentosettantacinque/56.=) a carico di ognuno nella misura del 50% con il vincolo della solidarietà.

Enrico Michetti

La Direzione

(12 agosto 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

5 luglio 2015
GIUSTIZIA CONTABILE | Impossibilità oggettiva di utilizzare il personale interno della P.A. e legittimità dell'istruttoria avviata sulla base di articoli di stampa nei principi sanciti nella sentenza n. 36/2015.

 
 
Condividi la notizia

18 luglio 2015
Giustizia contabile | Punita una società ed il suo 'dominus occulto' per il mancato versamento nelle casse comunali dei tributi riscossi. Condannati anche gli amministratori di diritto.

 
 
Condividi la notizia

13 ottobre 2014
Responsabilità erariale | L'esercizio dell'azione di danno erariale tra ipotesi e "notizie di danno”".

 
 
Condividi la notizia

5 settembre 2014
Danno all'immagine e all'erario | La Corte dei Conti ha affermano la responsabilità di un dipendente dell'Agenzia delle Entrate.

 
 
Condividi la notizia

21 dicembre 2014
Processo contabile | La Corte dei Conti con sentenza del 18 dicembre ha dichiarato inammissibile l'atto di citazione.

 
 
Condividi la notizia

4 giugno 2014
Economia | Presentato il rapporto 2014 della Corte dei Conti sulla finanza pubblica. Pesa la pressione fiscale sull'economia del Paese. Oltre 50 miliardi di euro all'anno il sommerso.

 
 
Condividi la notizia

3 novembre 2014
Danno erariale | Il caporal maggiore disertava e truffava l'Amministrazione. I certificati medici lo incastrano.

 
 
Condividi la notizia

2 luglio 2016
Legittimità e regolarità | Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la Delibera delle Sezioni Riunite.

 
 
Condividi la notizia

11 agosto 2016
Riforma | Approvato dal Consiglio dei Ministri il decreto legislativo. Le novità in sintesi.

 
 
Condividi la notizia

20 aprile 2015
Legge di stabilità 2015 | Le attività devono essere finanziate da terzi e risultare del tutto neutre per il bilancio, mentre resta fermo il divieto assoluto di attribuire incarichi di studio e consulenze. Il parere della Sezione Regione Emilia Romagna del 10.4.2015.

 
 
Condividi la notizia

20 aprile 2015
Legge di stabilità 2015 | Le attività devono essere finanziate da terzi e risultare del tutto neutre per il bilancio, mentre resta fermo il divieto assoluto di attribuire incarichi di studio e consulenze. Il parere della Sezione Regione Emilia Romagna del 10.4.2015.

 
 
Condividi la notizia

5 giugno 2014
Danno erariale | La Corte dei conti chiarisce la vicenda.

 
 
Condividi la notizia

10 marzo 2015
Danno erariale | In servizio all'ufficio denunce percepiva soldi per l’'emissione del permesso provvisorio di guida. I principi sanciti nella sentenza n. 22/2015.

 
 
Condividi la notizia

30 aprile 2015
Danno erariale | Il principio del nè bis in idem. Una precedente "archiviazione" non impedisce una nuova citazione.

 
 
Condividi la notizia

11 agosto 2015
Conflitto di interessi | Non sempre risparmiare sull'avvocato giova.

 
 
Condividi la notizia

20 ottobre 2014
Corte dei Conti | Condannato un dirigente dell'Ufficio Notificazione Esecuzione e Protesti della Corte di appello di Catanzaro a restituire (per ora) 148.650,27 euro.

 
 
 
 
 
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.