Condividi la notizia

Scintille fra Grillo e Renzi

Dopo una serie di batti e ribatti, i grillini dicono si' a tutte le richieste del PD. Ma c'è il trucco.

In una giornata convulsa, cominciata con il rifiuto del PD di incontrarsi con il M5S e proseguita con una serie di pesanti accuse reciproche, alla fine i grillini hanno fornito la risposta scritta alle richieste avanzate dai democratici

Una volta, nella Prima Repubblica, quando non c’era lo streaming -ma non c’erano nemmeno politici come Renzi, Grillo e Berlusconi- dopo un confronto dove i vari leader se le erano dette di santa ragione, si usava fare un comunicato del tipo “c’è stato un dialogo franco fra le due parti ……..”e via di questo passo.

Ora i tempi sono cambiati ed in una giornata dove PD e M5S non si sono formalmente incontrati per il rifiuto opposto dai “dem” - in mancanza della risposta scritta dei grillini alle loro richieste-, in realtà le “due parti” si sono mandate a dire molte più cose di quante avrebbero potuto dirsene direttamente.

Ha cominciato Grillo con un “basta, PD sbruffoni”; mentre il più diplomatico Di Maio definiva “inaffidabili” i democratici, tenendo tuttavia sempre aperta la porta del dialogo e precisando che da questo momento “vogliamo parlare solo con Renzi”.

A quel punto interviene di nuovo Grillo con una serie di epiteti rivolti al Premier, tanto da rendere ogni confronto praticamente impossibile. Renzi , quindi, risponde ironicamente precisando : “io sarò un ebetino, dice Beppe, ma voi avete capito quali sono gli otto punti su cui sarebbero pronti a votare con noi? Poche chiacchiere!”, taglia corto il Presidente del Consiglio e segretario del PD.

Passa qualche ora ed il Movimento 5 Stelle cambia improvvisamente strategia : preceduta da una lunga precisazione di Beppe Grillo, che qualcuno valuta come una specie di “retromarcia”, ma che, sia quel che sia, è seguita poche decine di minuti dopo dalla tanto agognata risposta scritta richiesta dal PD, che viene pubblicata sul blog del leader dei pentastellati.

Le domande poste dalla delegazione PD riguardavano, in sintesi : il ballottaggio; premio di maggioranza non superiore al 15%; estensione dei collegi; verifica preventiva della legge elettorale da parte della Corte Costituzionale; modifica del Titolo V della Costituzione; diminuzione delle indennità di consigliere regionale  e sindaco di comune capoluogo ed eliminazione di ogni forma di rimborso ai gruppi consiliari delle regioni; abolizione del CNEL; superamento bicameralismo perfetto; senatori espressione delle autonomie territoriali; soluzione “al tema dell’immunità che non diventi occasione di impunità”.

Ebbene la risposta a tutte queste domande del partito Democratico al M5S è stata un “sì per tutte e dieci”. Questo, almeno nella forma; perché, in realtà, nella sostanza tutte le risposte sono state corredate da argomentazioni nel merito, che tra una richiesta di chiarimento, qualche domanda, alcuni distinguo, molte riserve ed altro, in pratica, i pentastellati sembrerebbero realmente disponibili a discutere di ballottaggio e, a certe condizioni, di premio di maggioranza. Per tutto il resto, si tratta di risposte positive nella forma; ma assolutamente negative nella sostanza.

Si pensi alla riforma del Senato : il M5S è disponibile a rivedere il bicameralismo perfetto, ma i senatori devono essere elettivi. In sostanza, il contrario di quello che vuole Renzi!

Vedremo quale sarà la controreplica dei democratici, ma Renzi sa benissimo che non potrà mai riuscire a far passare la sua riforma grazie ai voti del M5S. Lui ormai ha deciso di puntare sull’asse con Berlusconi (e la Lega), per controbilanciare i voti che dovrebbero mancare da parte dei dissidenti interni del suo partito.

Intanto la riunione dei senatori PD è stata rinviata (Renzi aveva deciso di non partecipare) e questo farà sicuramente slittare i tempi previsti per l’esame ed il voto in aula. L’impressione è che Il Premier e segretario del PD intenda procedere senza curarsi molto della minoranza interna, pur sapendo che, in questo modo, dovrebbe essere quasi impossibile evitare il referendum popolare di cui all’art. 138 co. 2 della Costituzione.

Questo potrebbe voler dire che non ha paura dell’esito della consultazione; oppure che non esclude il ritorno alle urne nel giro di un anno.

 

Moreno Morando

(7 luglio 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

25 giugno 2014
Riforme | Si e' svolto l'atteso incontro fra le due delegazioni per discutere di legge elettorale. PD e M5S si rivedranno per discutere di riforme costituzionali

 
 
Condividi la notizia

18 luglio 2014
Riforme | Nel secondo confronto fra le delegazioni del PD, presente Matteo Renzi, e del Movimento 5 Stelle, Luigi Di Maio ha sottoposto ai democratici una nuova ed articolata proposta.

 
 
Condividi la notizia

15 luglio 2014
Riforme | I Dem scrivono al Movimento 5 Stelle: siamo disponibili al confronto sulle riforme e sulla legge elettorale. Attesa a breve la risposta del Movimento guidato da Beppe Grillo.

 
 
Condividi la notizia

2 luglio 2014
Riforme | Confermato per giovedi' tre luglio il secondo incontro tra le delegazioni del Partito Democratico, presente il Premier, e quella del Movimento 5 Stelle. Si parlera' di legge elettorale e, probabilmente, anche di riforme costituzionali

 
 
Condividi la notizia

4 giugno 2014
Si studia il modello francese | Critiche da FI e Lega. Malumori anche nel Pd.

 
 
Condividi la notizia

23 luglio 2014
Riforme | Nel corso della giornata il Presidente della Repubblica ha continuato a prestare la sua opera a sostegno delle riforme caldeggiate da Matteo Renzi, ricevendo al Quirinale Grasso e Vendola.

 
 
Condividi la notizia

3 luglio 2014
Riforme | Questa mattina si sono incontrate a Palazzo Chigi le delegazioni di PD, presente il Premier, e quella di Forza Italia guidata da Silvio Berlusconi

 
 
Condividi la notizia

16 giugno 2014
Tavolo delle Riforme | In un intervento a doppia firma sul blog, Grillo e Casaleggio aprono una nuova stagione politica per il loro Movimento politico, dichiarando la disponibilita' a discutere sulla riforma elettorale. Pronta risposta del PD e delle altre forze politiche interessate al tema

 
 
Condividi la notizia

23 luglio 2014
Riforme | Ricevendo la stampa parlamentare, il Capo dello Stato ha stigmatizzato chi agita gli spettri dell'autoritarismo. Intanto, al Senato prosegue lentamente l'iter del disegno di legge sulle riforme istituzionali

 
 
Condividi la notizia

7 luglio 2014
Riforme | Gli esponenti del Partito Democratico contrari alla proposta di modifica del Senato voluta dal Premier si preparano a dar battaglia nell'aula di Palazzo Madama

 
 
Condividi la notizia

29 luglio 2014
Riforme | Il dissidente PD Vannino Chiti ha ipotizzato di spostare il voto finale a settembre ed il Premier non ha escluso questa eventualita'

 
 
Condividi la notizia

1 agosto 2014
Riforme | Nel suo intervento alla Direzione del PD Matteo Renzi ha stigmatizzato il comportamento dei senatori che hanno "messo sotto" il Governo a scrutinio segreto

 
 
Condividi la notizia

1 agosto 2014
Riforme | Dopo l'approvazione dell'art. 2 del "ddl riforme" il contestatissimo Presidente del Senato ha dichiarato decaduti altri 1.300 emendamenti.

 
 
Condividi la notizia

20 luglio 2014
Riforme | Proprio quando sembrava che i pentastellati si fossero alzati dal tavolo della discussione, sono rientrati in gioco con una nota firmata anche da Grillo e Casaleggio.

 
 
Condividi la notizia

3 agosto 2014
Riforme | Secondo le indiscrezioni rivelate da Il Fatto Quotidiano e da WSI, il Patto del Nazareno prevederebbe anche un "veto" su Prodi per il Quirinale

 
 

Ascolta "La Pulce e il Prof"

 
Il diritto divulgato nella maniera più semplice possibile
 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.