Condividi la notizia

Riforme

Il M5S riapre i giochi e chiede una risposta scritta al PD su sei punti

Proprio quando sembrava che i pentastellati si fossero alzati dal tavolo della discussione, sono rientrati in gioco con una nota firmata anche da Grillo e Casaleggio.

Il Premier Renzi dall’Africa annuncia che questa è la settimana decisiva e dopo il confronto si passerà finalmente al voto sulle riforme, perché non bisogna dare spazio a chi vuole fare ostruzionismo.

Intanto, proprio quando la partita sembrava ormai chiusa il M5S è rientrato in scena con un post sul Blog di Grillo, firmato dai quattro parlamentari che avevano incontrato il PD giovedì scorso, oltre che da Beppe Grillo e Roberto Casaleggio, nell’evidente intento di smentire le accuse di divisioni interne al Movimento lanciate da Matteo Renzi.

I pentastellati si dichiarano disponibili a tornare al tavole delle trattative con i democratici “non appena avrete risposto ai nostri 6 punti. Fate presto. Le riforme, come voi dite da sempre, non possono più aspettare". In sostanza il M5S chiede una risposta scritta, come condizione imprescindibile per tornare a discutere della legge elettorale.

Ecco le questioni sulle quali si chiede al PD di prendere posizione :

a) Il doppio turno. In pratica, Grillo, Casaleggio, Di Maio e gli altri firmatari ritengono che ci sia “il rischio di una sorta di effetto distorsivo”, perché al ballottaggio potrebbe vincere chi era arrivato secondo con largo distacco, come è successo spesso nelle elezioni amministrative. Se questo può essere ammissibile nelle elezioni locali, non può essere accettato sul piano nazionale.

b) Il premio di maggioranza. Il M5s è disponibile ad accettare un premio di maggioranza del 15% o un premio finale che assicuri, comunque, la maggioranza assoluta al vincitore, ma a condizione che si stabilisca una percentuale di consenso minima per poterlo ottenere, vale a dire almeno il 35% dei voti al primo turno.

c) Tuttavia, la quantificazione del premio di maggioranza va direttamente collegata all’assoluta necessità di prevedere meccanismi di garanzia costituzionale riguardo al potere di elezione dei giudici costituzionali o alle maggioranze richieste sia per l’elezione del Capo dello Stato, che per il processo di revisione costituzionale.

d) Le preferenze. Il M5s le ritiene indispensabili. “Ci siamo fatti carico di evitare la degenerazione del voto di preferenza in senso clientelare  indicando un possibile rimedio nel sistema del voto disgiunto fra voto di lista e voto di preferenza”.

e) Coalizioni e clausole di sbarramento. “Riteniamo che l’eventuale premio di maggioranza sia assegnato al singolo partito e non alle coalizioni”. Ma perché questa proposta sia efficace, occorre eliminare le soglie di sbarramento o, quantomeno, ridurle al minimo (l'1%) , perché in caso contrario non si raggiungerebbe l’effetto sperato.

f) Soglie di sbarramento ed effetto di sommatoria. In certi casi, “le soglie di sbarramento finiscono inevitabilmente per accrescere il premio di maggioranza”. Se, ad esempio, la soglia fosse fissata al 2%  e ci fossero diversi partiti che si fermano sotto lo sbarramento, succederebbe che una percentuale rilevante di seggi non assegnati (anche oltre il 10%) andrebbe ai partiti maggiori ed, in primo luogo, al partito vincitore, “il cui bottino elettorale si accrescerebbe di un buon 5-6% avvicinandosi pericolosamente alla soglie necessarie per la revisione costituzionale.” Oltretutto, “lo sbarramento non avrebbe alcun effetto ai fini della governabilità, in presenza di un sistema che già garantirebbe una maggioranza di governo”. Infine, in questo modo non si garantirebbe la “rappresentanza”, andando quasi sicuramente ad una bocciatura da parte della Corte.

 

 

 

Moreno Morando

(20 luglio 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

15 luglio 2014
Riforme | I Dem scrivono al Movimento 5 Stelle: siamo disponibili al confronto sulle riforme e sulla legge elettorale. Attesa a breve la risposta del Movimento guidato da Beppe Grillo.

 
 
Condividi la notizia

2 luglio 2014
Riforme | Confermato per giovedi' tre luglio il secondo incontro tra le delegazioni del Partito Democratico, presente il Premier, e quella del Movimento 5 Stelle. Si parlera' di legge elettorale e, probabilmente, anche di riforme costituzionali

 
 
Condividi la notizia

23 luglio 2014
Riforme | Ricevendo la stampa parlamentare, il Capo dello Stato ha stigmatizzato chi agita gli spettri dell'autoritarismo. Intanto, al Senato prosegue lentamente l'iter del disegno di legge sulle riforme istituzionali

 
 
Condividi la notizia

25 gennaio 2017
Corte Costituzionale | All'esito della sentenza, la legge elettorale è suscettibile di immediata applicazione.

 
 
Condividi la notizia

25 giugno 2014
Riforme | Si e' svolto l'atteso incontro fra le due delegazioni per discutere di legge elettorale. PD e M5S si rivedranno per discutere di riforme costituzionali

 
 
Condividi la notizia

18 luglio 2014
Riforme | Nel secondo confronto fra le delegazioni del PD, presente Matteo Renzi, e del Movimento 5 Stelle, Luigi Di Maio ha sottoposto ai democratici una nuova ed articolata proposta.

 
 
Condividi la notizia

5 agosto 2014
Riforme | Il Patto del Nazareno ha consentito all'ex Premier di giocare da protagonista la partita delle riforme. Ora tocca alla legge elettorale.

 
 
Condividi la notizia

27 giugno 2014
Legge elettorale | Il deputato Massimo Corsaro di Fratelli d'Italia ha depositato presso gli uffici di Montecitorio una proposta di legge "provocatoria" per protestare contro il rifiuto di prevedere le preferenze nella legge elettorale

 
 
Condividi la notizia

23 luglio 2014
Riforme | Nel corso della giornata il Presidente della Repubblica ha continuato a prestare la sua opera a sostegno delle riforme caldeggiate da Matteo Renzi, ricevendo al Quirinale Grasso e Vendola.

 
 
Condividi la notizia

6 agosto 2014
Palazzo Chigi | Nel loro terzo incontro il Premier ed il leader di Forza Italia si sono concentrati sulla legge elettorale.

 
 
Condividi la notizia

7 luglio 2014
Scintille fra Grillo e Renzi | In una giornata convulsa, cominciata con il rifiuto del PD di incontrarsi con il M5S e proseguita con una serie di pesanti accuse reciproche, alla fine i grillini hanno fornito la risposta scritta alle richieste avanzate dai democratici

 
 
Condividi la notizia

12 giugno 2014
Riforme | A Pechino in visita ufficiale il presidente del consiglio ha confermato che i veti non fermeranno il cammino dei progetti sulla legge elettorale e sul Senato. Polemiche per la sostituzione di due membri della Commissione Affari Costituzionali. Tredici senatori si autosospendono dal PD

 
 
Condividi la notizia

16 giugno 2014
Tavolo delle Riforme | In un intervento a doppia firma sul blog, Grillo e Casaleggio aprono una nuova stagione politica per il loro Movimento politico, dichiarando la disponibilita' a discutere sulla riforma elettorale. Pronta risposta del PD e delle altre forze politiche interessate al tema

 
 
Condividi la notizia

9 maggio 2014
Elezioni europee | Il Tribunale di Venezia ha accolto il ricorso presentato dal legale che aveva gia' impugnato il Porcellum, dichiarato poi incostituzionale

 
 
Condividi la notizia

29 luglio 2014
Riforme | Il dissidente PD Vannino Chiti ha ipotizzato di spostare il voto finale a settembre ed il Premier non ha escluso questa eventualita'

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.